none_o


Mi è capitato di leggere su FB un post di Massimo Cerri sulla situazione del lago di Massaciuccoli. Una specie di lettera del lago stesso che rievoca i bei tempi passati quando questo posto era zona di caccia, di pesca e di svago per tutti i vecchianesi. Altri post a commento confermano questa visione dell’abbandono di questo luogo ricordando, con una vena nostalgica, gli anni in cui non vi era nessun tipo di vincolo.

Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Si, è vero, Einstein viene normalmente associato .....
Credo che un qualunque alunno della quinta elementare, .....
. . . . . . ce lo dice la statistica ma. . . . . l'onesto .....
. . . . . . . . . . . . . . . . siano tanti . . . .....
Rafforzare il legame caccia-agricoltura
none_a
CascinaOltre
none_a
Per Forza Italia: Roberto Sbragia
none_a
Vincenzo Marini Recchia
none_a
di Giancarlo Lunardi
none_a
“colpa di privatizzazione e ‘monocoltura’ balneare”
none_a
MATTEO SALVINI INCORONA ELENA MEINI
none_a
Maria Antonietta Scognamiglio
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
CULTURA E SPETTACOLO a cura di Giulia Baglini
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Appello di Frei Betto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Nuova apertura


    Il Consiglio di Circolo Arci Migliarino è lieto di annunciare ai propri Soci la riapertura dei locali che avverrà il giorno 1 agosto con orario dalle ore 19 alla mezzanotte. Sabato e domenica compresi. L'orario potrà variare in caso di eventi. Informazioni su iniziative sulla pagina FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


#VecchianoSport #Calcio
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
A cura di-Simona Fabbris
Documento docenti Pesenti Cascina (Pisa) Scuola e didattica a distanza

8/7/2020 - 12:37


Come lavoratori e lavoratrici della scuola ci siamo trovati/e ad affrontare la situazione di emergenza dovuta al Covid 19, consapevoli della gravità inedita del momento.

 

Abbiamo messo a disposizione le nostre competenze, la nostra volontà e la passione per il nostro lavoro, riuscendo a realizzare una didattica di emergenza, con mezzi e tecnologie private, spesso non curanti di limiti orari e di importanti questioni di privacy: lo abbiamo fatto per dovere civico, per cercare di garantire il diritto allo studio.

Abbiamo accettato di farlo per un tempo limitato, in una situazione di assoluta emergenza che non può essere protratta perché questo tipo di didattica non può garantire a tutti e tutte lo stesso accesso al diritto allo studio.

Anche coloro che in questi mesi sono stati coinvolti nella didattica dell'emergenza, infatti, hanno potuto accedere solo parzialmente a ciò che fare scuola significa in senso profondo, perché la didattica dell'emergenza non può sostituirsi alla scuola.

E' agli studenti e alle studentesse, soprattutto, che guardiamo, perché a partire dal prossimo anno si torni a garantire la piena facoltà di accedere a un diritto garantito dalla Costituzione: la formazione a tutto tondo della personalità degli studenti, il rapporto tra pari, la loro crescita in una socialità a 360 gradi.

La scuola è prima di tutto un luogo di relazione, di confronto quotidiano con i coetanei, dove si scopre la propria dimensione sociale e si impara il rispetto dell'Altro, fondamentale soprattutto per alunni/e con difficoltà, dove il conflitto può diventare conoscenza e consapevolezza; è anche confronto con gli adulti, un confronto che può educare alla riflessione critica e all'espressione del pensiero libero, un luogo dove si diventi cittadini e cittadine consapevoli.

Per una vera scuola è indispensabile guardarsi negli occhi, ascoltare la voce degli altri e delle altre, leggere la gestualità, sviluppare affettività e sentimenti. Il processo educativo non è semplice trasmissione di nozioni e deve avvenire nella condivisione irrinunciabile di uno spazio fisico. La scuola non può perdere il suo tratto essenziale, la presenza fisica dentro uno spazio pubblico dedicato e protetto, indispensabile anche per l'apprendimento emotivo. La didattica di emergenza non deve essere quindi normalizzata: è necessario che la didattica torni a essere in presenza e in sicurezza. Sono necessarie risorse economiche da impiegare nell'aumento di classi e di docenti: gli spazi sono facilmente reperibili nei tanti edifici vuoti di proprietà pubblica; le docenti e i docenti da impegnare ci sono già, sono tutto il personale precario che da anni insegna nelle scuole, la cui stabilizzazione sarebbe un dovuto riconoscimento e un passaggio fondamentale in questo momento. In nome del diritto allo studio, vigileremo e non accetteremo scelte alternative alla didattica in presenza e in sicurezza. In conclusione, noi docenti dell'I.I.S Pesenti di Cascina, ribadiamo che:

1. La didattica deve svolgersi in presenza e in sicurezza affinché venga garantito il diritto allo studio per tutte le alunne e tutti gli alunni senza alcuna eccezione;

2. Deve essere garantita la distanza prevista dai protocolli ufficiali;

3. Sono necessari l'aumento delle aule, la riduzione del numero di alunni/e per classe e l'aumento dell'organico docente e ATA, a partire dalla stabilizzazione del personale precario che da anni è impiegato nella scuola.

Firmato:

(Vedi pdf allegato)



+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: