none_o


Mi è capitato di leggere su FB un post di Massimo Cerri sulla situazione del lago di Massaciuccoli. Una specie di lettera del lago stesso che rievoca i bei tempi passati quando questo posto era zona di caccia, di pesca e di svago per tutti i vecchianesi. Altri post a commento confermano questa visione dell’abbandono di questo luogo ricordando, con una vena nostalgica, gli anni in cui non vi era nessun tipo di vincolo.

Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Si, è vero, Einstein viene normalmente associato .....
Credo che un qualunque alunno della quinta elementare, .....
. . . . . . ce lo dice la statistica ma. . . . . l'onesto .....
. . . . . . . . . . . . . . . . siano tanti . . . .....
Rafforzare il legame caccia-agricoltura
none_a
CascinaOltre
none_a
Per Forza Italia: Roberto Sbragia
none_a
Vincenzo Marini Recchia
none_a
di Giancarlo Lunardi
none_a
“colpa di privatizzazione e ‘monocoltura’ balneare”
none_a
MATTEO SALVINI INCORONA ELENA MEINI
none_a
Maria Antonietta Scognamiglio
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
CULTURA E SPETTACOLO a cura di Giulia Baglini
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Appello di Frei Betto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Nuova apertura


    Il Consiglio di Circolo Arci Migliarino è lieto di annunciare ai propri Soci la riapertura dei locali che avverrà il giorno 1 agosto con orario dalle ore 19 alla mezzanotte. Sabato e domenica compresi. L'orario potrà variare in caso di eventi. Informazioni su iniziative sulla pagina FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


#VecchianoSport #Calcio
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
Un'esortazione alla responsabilità singola e collettiva

9/7/2020 - 22:32


 Un'esortazione alla responsabilità singola e collettiva

Il Covid 19 con la sua facilità di contagio e la sua gravità mortale, ha obbligato ed obbliga tutti a tenere nuovi comportamenti di allerta e di responsabilità, personali e sociali, ma ha anche costretto e continua a costringere molte persone a condizionare fortemente l'operatività delle proprie attività lavorative, con situazioni che hanno già portato e continuano a portare a chiusure e fallimenti o comunque a situazioni di gravissima difficoltà economica.

Ci sono tanti dipendenti di varie attività a casa che ancora non hanno percepito cassa integrazione o l'hanno percepita solo per un mese da marzo e ci sono artigiani, partite I.V.A., commercianti ed esercenti di varia tipologia che dopo aver dato fondo ai propri risparmi per far fronte alle spese e per sopravvivere tutti questi mesi, dall'inizio del lock down, ora sono veramente arrivati a toccare il fondo ed a considerare la stessa sopravvivenza delle proprie attività, e costretti quindi a mettere a casa migliaia di lavoratori.

Ogni giorno sentiamo notizie e vediamo testimonianze di comportamenti singoli e collettivi di superficialità ed irresponsabilità verso le direttive che raccomandano le distanze sociali, l'uso delle mascherine e le elementari condizioni di attenzione affinchè sia possibile non favorire ed arrestare la diffusione del virus, non favorendo certo speranze per l'immediato futuro, sia in relazione alla salute pubblica che alla ripresa economica. Molte persone considerano il virus come una cosa superata, sottovalutabile o non così preoccupante, dimenticando l'enorme dramma di migliaia d'intubati nei reparti ospedalieri di rianimazione e le migliaia di morti, non solo certo tra i più anziani, includendo anche coloro che in pieno servizio medico e paramedico, o tornati volontariamente ad offrire il proprio operato per salvare vite umane, hanno pagato in primis con le loro di vite.

Sono stati dimenticati i tanti anziani lasciati morire a casa o nelle residenze per anziani perchè condannati dalla loro stessa età, non curati per lasciar posto ed opportunità di salvezza ai più giovani.

Sono stati dimenticati gli interi paesi isolati in quarantena come in una sorta di film tra horror e fantascienza e sono state dimenticate le persone morte anche se curate ed intubate, senza il conforto finale di una parola amorevole o di una mano accarezzata o stretta da un familiare. Ancora oggi mi sento come forzato, drammaticamente obbligato a stare in una situazione negativa, non libera, non naturale, di grande difficoltà vitale, senza grandi speranze di ritorno alla cosiddetta “normalità” e ad una ripresa economica capace di farci vivere decorosamente, con dignità. Una nazione è fatta del suo popolo ed il popolo è costituito da singoli cittatini, e specialmente in situazioni gravi come questa, scatenata dal coronavirus, ogni cittadino potrebbe e dovrebbe sentirsi responsabile per se stesso e per la collettività, offrendo il proprio comportamento per i fini del bene personale e collettivo. Ogni cittadino può e deve esprimere coscienza reale della situazione e conseguente responsabilità, senza per una volta delegare “altri” al suo posto.

Ognuno può e deve fare la sua parte, può e deve dare il suo contributo. Solo così un popolo può esprimere l'essenza, il significato ed il valore di vera nazione evoluta, matura per essere considerata e rispettata come tale. Se molti cittadini hanno risposto e continuano a rispondere al richiamo della responsabilità, molti altri invece non lo hanno fatto e soprattutto non lo fanno ora, dopo la riapertura, ed a loro và il mio accorato appello alla presa di coscienza e l'esortazione alla corretteza ed alla responsabilità dei comportamenti.

 

Questo mio disegno grottesco di un individuo tenuto pressato sott'acqua, in difficoltà, contro il suo volere, vuole essere un simbolo del mio senso odierno di oppressione esistenziale, nella speranza che possa indurre ogni persona ad una lucida riflessione e ad un comportamento di solidarietà umana e sociale responsabilmente corretta. Solo attraverso la responsabilità singola, come popolo potremo salvarci e risollevarci.








 



















Fonte: Bruno Pollacci Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: