none_o

A distanza di qualche anno fa piacere ricordare quella grande e partecipata iniziativa che fu il Maggio Migliarinese e rivedere le immagini di un tempo che sembra molto lontano. Pochi volontari con modeste risorse economiche ma tanto entusiasmo, voglia di fare e partecipare alla vita sociale comune riuscirono a portare ad un piccolo paese come Migliarino una serie di eventi e di spettacoli mai visti in una così piccola comunità.

Grazie per aver ricordato quel bellissimo periodo del .....
Subito dopo giorni di pioggia ci sono grandi trattori .....
Alcune regioni fanno un open day per chi volontariamente .....
Fare politica significa lavorare con la massima trasparenza .....
Vecchiano è Volontariato
#Tantifiliunasolamaglia


VIVI IL TUO PAESE, SCENDI IN CAMPO CON NOI

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


MARE MOSSO O MARE CALMO LA TUA VITA PORTIAMO IN SALVO

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


Un paese è di tutti quelli che lo sanno raccontare

Pisa, 20 maggio
none_a
Coltano, Venerdì 4 e sabato 5 giugno
none_a
"Dante, una terzina per volta"
di Stefano Benedetti
none_a
Pisa, 14 maggio
none_a
San Giuliano Terme, 23 maggio
none_a
CAMPIONE D'EUROPA DEI SUPERPIUMA
none_a
Migliarino Volley
none_a
Pontasserchio
none_a
Migliarino Volley - U15 Femminile
none_a
Ei fu. Siccome immobile,
dato il mortal sospiro,
stette la spoglia immemore
orba di tanto spiro,
così percossa, attonita
la terra al nunzio .....
caro baffuto baffino ricorda che la fantasia se sfocia in diffamazione e calunnia quello e reato e non pregare la Santa Vergine a Roma davanti alla porta .....
Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
Un'esortazione alla responsabilità singola e collettiva

9/7/2020 - 22:32


 Un'esortazione alla responsabilità singola e collettiva

Il Covid 19 con la sua facilità di contagio e la sua gravità mortale, ha obbligato ed obbliga tutti a tenere nuovi comportamenti di allerta e di responsabilità, personali e sociali, ma ha anche costretto e continua a costringere molte persone a condizionare fortemente l'operatività delle proprie attività lavorative, con situazioni che hanno già portato e continuano a portare a chiusure e fallimenti o comunque a situazioni di gravissima difficoltà economica.

Ci sono tanti dipendenti di varie attività a casa che ancora non hanno percepito cassa integrazione o l'hanno percepita solo per un mese da marzo e ci sono artigiani, partite I.V.A., commercianti ed esercenti di varia tipologia che dopo aver dato fondo ai propri risparmi per far fronte alle spese e per sopravvivere tutti questi mesi, dall'inizio del lock down, ora sono veramente arrivati a toccare il fondo ed a considerare la stessa sopravvivenza delle proprie attività, e costretti quindi a mettere a casa migliaia di lavoratori.

Ogni giorno sentiamo notizie e vediamo testimonianze di comportamenti singoli e collettivi di superficialità ed irresponsabilità verso le direttive che raccomandano le distanze sociali, l'uso delle mascherine e le elementari condizioni di attenzione affinchè sia possibile non favorire ed arrestare la diffusione del virus, non favorendo certo speranze per l'immediato futuro, sia in relazione alla salute pubblica che alla ripresa economica. Molte persone considerano il virus come una cosa superata, sottovalutabile o non così preoccupante, dimenticando l'enorme dramma di migliaia d'intubati nei reparti ospedalieri di rianimazione e le migliaia di morti, non solo certo tra i più anziani, includendo anche coloro che in pieno servizio medico e paramedico, o tornati volontariamente ad offrire il proprio operato per salvare vite umane, hanno pagato in primis con le loro di vite.

Sono stati dimenticati i tanti anziani lasciati morire a casa o nelle residenze per anziani perchè condannati dalla loro stessa età, non curati per lasciar posto ed opportunità di salvezza ai più giovani.

Sono stati dimenticati gli interi paesi isolati in quarantena come in una sorta di film tra horror e fantascienza e sono state dimenticate le persone morte anche se curate ed intubate, senza il conforto finale di una parola amorevole o di una mano accarezzata o stretta da un familiare. Ancora oggi mi sento come forzato, drammaticamente obbligato a stare in una situazione negativa, non libera, non naturale, di grande difficoltà vitale, senza grandi speranze di ritorno alla cosiddetta “normalità” e ad una ripresa economica capace di farci vivere decorosamente, con dignità. Una nazione è fatta del suo popolo ed il popolo è costituito da singoli cittatini, e specialmente in situazioni gravi come questa, scatenata dal coronavirus, ogni cittadino potrebbe e dovrebbe sentirsi responsabile per se stesso e per la collettività, offrendo il proprio comportamento per i fini del bene personale e collettivo. Ogni cittadino può e deve esprimere coscienza reale della situazione e conseguente responsabilità, senza per una volta delegare “altri” al suo posto.

Ognuno può e deve fare la sua parte, può e deve dare il suo contributo. Solo così un popolo può esprimere l'essenza, il significato ed il valore di vera nazione evoluta, matura per essere considerata e rispettata come tale. Se molti cittadini hanno risposto e continuano a rispondere al richiamo della responsabilità, molti altri invece non lo hanno fatto e soprattutto non lo fanno ora, dopo la riapertura, ed a loro và il mio accorato appello alla presa di coscienza e l'esortazione alla corretteza ed alla responsabilità dei comportamenti.

 

Questo mio disegno grottesco di un individuo tenuto pressato sott'acqua, in difficoltà, contro il suo volere, vuole essere un simbolo del mio senso odierno di oppressione esistenziale, nella speranza che possa indurre ogni persona ad una lucida riflessione e ad un comportamento di solidarietà umana e sociale responsabilmente corretta. Solo attraverso la responsabilità singola, come popolo potremo salvarci e risollevarci.








 



















Fonte: Bruno Pollacci Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri