none_o


Mi è capitato di leggere su FB un post di Massimo Cerri sulla situazione del lago di Massaciuccoli. Una specie di lettera del lago stesso che rievoca i bei tempi passati quando questo posto era zona di caccia, di pesca e di svago per tutti i vecchianesi. Altri post a commento confermano questa visione dell’abbandono di questo luogo ricordando, con una vena nostalgica, gli anni in cui non vi era nessun tipo di vincolo.

di Antonio Mazzeo, consigliere regionale
none_a
di Antonio Mazzeo, consigliere regionale
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Non serve firmarsi, basta anche uno pseudonimo per .....
Nel programma elettorale del mio partito, il PD c'era .....
Buongiorno Alessandro e buongiorno a tutti i lettori .....
Dico soltanto, che per ostentare e compiacersi della .....
Giovedì 13 agosto, alle ore 12 a Coltano
none_a
Sinistra Civica Ecologista
none_a
Sant' Anna di Stazzema, Eros Tetti (Europa Verde Toscana)
none_a
Rafforzare il legame caccia-agricoltura
none_a
CascinaOltre
none_a
Per Forza Italia: Roberto Sbragia
none_a
Vincenzo Marini Recchia
none_a
di Giancarlo Lunardi
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
CULTURA E SPETTACOLO a cura di Giulia Baglini
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Appello di Frei Betto
none_a
Marina di Pisa, 14 agosto
none_a
Tirrenia, 14-15 agosto
none_a
Molina di Quosa, 14 agosto
none_a
Molina di Quosa, 14 agosto
none_a
GIOVEDI 13 AGOSTO LA SESTA TAPPA
none_a
Pontasserchio, 7-8-9 agosto
none_a
Marina di Pisa, 7-8-9 agosto
none_a
Tirrenia, 8-9 agosto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Nuova apertura


    Il Consiglio di Circolo Arci Migliarino è lieto di annunciare ai propri Soci la riapertura dei locali che avverrà il giorno 1 agosto con orario dalle ore 19 alla mezzanotte. Sabato e domenica compresi. L'orario potrà variare in caso di eventi. Informazioni su iniziative sulla pagina FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


#VecchianoSport #Calcio
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
none_o
Coltano e le terre alte.

10/7/2020 - 16:13


“Accendi la tu’ aradio…” 10ª  gita della Ginestra “Una natura fuori dal Comune”, domenica 19-05-1996.    

Coletus: piccolo poggio; Coletanus luogo di piccoli poggi.

Inutile cercare di far risalire Coltano a Colettanus, traduzione di "collettore", nome dato modernamente ai fossi di scolo delle bonifiche, dato che si parla già di Coltano in una lettera del 30 aprile 780 (quando certo le bonifiche erano lontane da essere intraprese) scritta da un signorotto pisano ai monaci dell’abbazia di S. Savino per avere il permesso di cacciare le lontre nel padule di Coltano.

A proposito di lontre, un alto riferimento a questi animali si trova in un articolo del 1930 di una giornalista pisana che riportava, come curiosità degli stagni di Coltano, la cattura del pesce per mezzo di lontre ammaestrate. Forse è vero, ma forse la cronista è stata fuorviata dal nome lontraro che veniva dato anticamente ai pescatori che vivevano nelle numerose capanne di falasco, erette sui luoghi asciutti dell’immenso padule. Tali pescatori prendevano il nome dalla piccola e agile barca che usavano per il loro lavoro e che si chiamava appunto lontra.

Giovan Battista Casti, un abate poeta "giocoso", scriveva in una sua poesia del 1790:

Così di Pisa alla campagna amena

sui verdi prati di Coltano erboso

lungo il sentiero che a Livorno mena,

vidi talora lo stallon fojoso.

Quel sentiero divenne strada e, nel 1844, la Strada Ferrata Lepolda lo trasformò in ferrovia collegando Livorno a Pisa. Solo  più tardi quella stessa linea venne integrata nella Roma-Genova, perché questa inizialmente non toccava Livorno come adesso ma, arrivata a Vada, deviava per potere entrare in Pisa da est, da Porta Fiorentina cioè, e per poi uscirne e andare verso "Migliarino".

Se fosse passata da Livorno non avrebbe infatti potuto toccare Pisa se non dopo complicate manovre dei treni, dato che non  era stata ancora "inventata" la linea del collo d’oca.

I treni sulla piccola antica linea che portava da Livorno a Pisa e a Firenze, passando da Coltano, si fermavano ad un piccolo casello di una piccolissima  località, detta Sofina. Gli unici passeggeri che vi scendevano erano gli operai che andavano al lavoro come braccianti nei campi appena bonificati, gli addetti alla sistemazione dei numerosissimi canali, oppure i cacciatori che andavano a divertirsi in quelle sconfinate terre paludose, ricche di uccelli acquatici e di beccacce.

Nel 1870 il Re Vittorio Emanuele III concesse pesca e caccia libera in Coltano a livornesi e pisani, e si dice che il giorno dell’apertura vi furono uccisi, con i fucili di allora, 700 lepri e 300 fagiani.

Sulle "terre alte" di Coltano, dalla coltivazione di grano e foraggio dei romani siamo passati alle fienagioni con Cosimo I; all’affitto di campi e boschi con Francesco de` Medici; alla tenuta di caccia con i Lorena eall’allevamento di cavalli coii Savoia. Tutto nell’intento di sfruttare, migliorare, bonificare quelle terre, quel meraviglioso quadrato fra due citta altrettanto nobili, quei tremila ettari di natura selvaggia.

Ora il Parco naturale Migliarino-San Rossore- Massaciuccoli promuove un’educazione ambientale attraverso esperienze che sviluppino nei ragazzi le conoscenze degli elementi naturali e il rispetto e la salvaguardia dell’ambiente. Tali proposte, che la Cooperativa "Le Rene" porta avanti da alcuni anni attraverso il suo Centro di didattica ambientale, gestito da giovani biologi e naturalisti, si inseriscono pienamente in un’area di notevole interesse come la Tenuta di Coltano. Qui, su disegno di Bernardo Buontalenti (quello delle Logge di Banchi, per intenderci), nel centro della tenuta, i Medici vollero la costruzione di un palazzo, rettangolare 40 metri per 20, con quattro torri agli angoli e una strana costruzione, il Caffe Haus esagonale, col tetto ricoperto di lastre d’ardesia. I Savoia invece vi costruirono le stalle per la Reale Razza Equina, mentre il Fascio e l’Opera Nazionale Combattenti (O.N.C.) pensarono poi alle case dei poderi, tutte uguali e tutte con nomi che ricordavano i luoghi, i monti, le battaglie, i fiumi della nostra guerra (Piave, Grappa, Isonzo, Pasubio, Montello ecc.).

In Coltano, in un limpido giorno di settembre del 1903. tre uomini scesero da un’auto e si diressero verso il padule Maggiore. Sopra il Poggio di Corniolo uno di loro, magro, ampia fronte, labbra abituate al silenzio, grigi occhi indagatori, disse: "Là, dove sono quelle mucche."

Quello stesso giorno Guglielmo Marconi, Vittorio Emanuele e Luigi Solari ponevano la prima pietra della Stazione Radiotelegrafica, voluta per la posizione centrale di Coltano rispetto alla penisola, per il terreno acquitrinoso e, non ultimo, per il fatto che il Re metteva la sua vasta tenuta a disposizione del Ministero delle Poste. I lavori iniziarono nell’estate del 1904 e il 19 novembre 1911 si inaugurava la stazione con un messaggio alle colonie africane e con un saluto alla Compagnia Marconi in Canada. Intorno al fabbricato, poi sostituito da uno più massiccio in mattoni, sorsero 16 torri di ferro, poi antenne alte 254 metri.
Coltano, stazione trasmittente, era collegato con Nodica, stazione ricevente, (tutti sanno dov’è la Radio   nel piano di Vecchiano), tramite un cavo sotterraneo di 30 Km, a 11 coppie telefoniche e Nodica a sua volta, con tutti gli impianti telegrafici dei piroscafi delle linee di New York, Buenos Aires, Valparaíso, Vancouver, Shanghai, Australie e Cap Town.

Il Ministero delle Poste passò l’impianto alla Marina Militare, e questa all`Italia Radio, ma l’avvento delle onde corte fece decadere l’importanza della stazione di Coltano, anche dopo il ritorno al Ministero  delle Comunicazioni.  La guerra distrusse tutto nel 1945 e ora la Rai ed una base di ascolto Nato sono i soli tenutari delle alte colonne  bianche e rosse, quasi un onore ai colori dei Cavalieri di   Santo Stefano che ebbero la tenuta dal 1562 al 1586.   

Oggi i visitatori non vedranno più quelli che qualcuno chiamava "aratri a vela", cioè i navicelli che, nascosti dal grano, lasciavano scorgere solo la vela, né vedranno tagliatori di erbe, di falasco e i lontrari. Ma la vastità degli ambienti a pascolo, la maestosità dei boschi di cerro e carpino, il Fosso del Caligi, la Fossa chiara, la Sementina, il Porcile, il Biscottino, il Bosco degli Allori, i Palazzi, fanno andare con la mente alle lotte dei coloni per l’appoderamento fascista, ai lavori immensi di bonifica  del Palude Maggiore, alle grandi caccie dei Lorena. Al contrario, la vicinanza e la fama dell’aeroporto internazionale di San Giusto non fa più ricordare il primo tentativo di volo dei fratelli Antoni nel 1909 nei prati della Reale tenuta di San Rossore e la prima scuola di pilotaggio su un campo di volo, costruito dalla società Vikers-Terni di  La Spezia proprio in Coltano, per potervi collaudare i  Farman M.F. 1914. Qui ottennero il brevetto militare circa   1000 allievi e Alessandro Marchetti ideò e costruì l’M.V.T., un monomotore da caccia che il 9 dicembre del  1919 conquistò il record mondiale di volo con 260,869 km/h. Il campo fu definitivamente chiuso e abbandonato sul finire del 1926 e non ne rimane pin traccia. 

E ora, bambini, se vedete qualcosa di scuro in una   fossa, provate a darmi una zampata; se scappa e bela e la pecora nera del pastore, se scappa e bestemmia è uno    zinghero del campo nomadi che forse stava cacando, ma se   sgraffia e soffia scappate voi e, se ci riuscite, cercate di correre più forte della “felix pardo" di razza melanica.

 

(questa ultima nota derivava dal fatto che in quegli anni si raccontava che in Coltano era stata avvistata una pantera nera!)

 p.s la foto di copertina è un disegno per la pubblicità della Ginestra, uno schizzo di Lara Biondi, ora assessore per lo sviluppo economico del comune di Vecchiano.

p.p.s tanto tempo fa, come nelle novelle, a Riglione, paese godereccio di balere e sagre, Roano Birindelli, estemporaneo cantante, storpiava così pisanamente un verso della canzone: “Abbassa la tua radio, per favor, se vuoi sentire I battiti del mio cuore.” 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




17/7/2020 - 15:51

AUTORE:
Lara

Grazie Umberto per avermi ricordato in questo bel pezzo, nel quale oltre al disegno, ritrovo molti luoghi del mio lavoro...la Sofina, la diramazione delle linee FS su Pisa C.Bel ricordo quello degli anni de "La Ginestra"...e forse è vero per davvero, che le cose belle tornano sempre!
Lara