none_o

La storia degli Usi Civici è lontana nel tempo, quando chi non era nobile o faceva parte della grande famiglia ecclesiastica doveva lottare ogni giorno per sopravvivere alla povertà. Poter sfruttare una parte della altrui proprietà per piccole attività come quella di caccia, di raccogliere legna o erba rappresentava un diritto importante per quelle comunità che è arrivato, con alterne vicende, fino ai giorni nostri. I tempi sono cambiati e anche le problematiche.
Una piccola storia può essere utile per capire.

Mi sono commossa leggendo che presto la Via dei Molini .....
Ora nel lago c'è anche l'azolla caroliniana. . . ! .....
Spett. / le Redazione,

torno a contattarvi per .....
In Francia e Inghilterra la circolazione di coltelli, .....
Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


MEGLIO UN GLAP OGGI CHE UN GLU GLU DOMANI

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


CREDO NEGLI ESSERI UMANI

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


Comunità di relazioni, giustizia, solidarietà sociale e sostenibilità

il "Pontile 102"
none_a
"Dante, una terzina per volta"
di Stefano Benedetti
none_a
Parte l'estate di Molina mon amour
none_a
Villa di Corliano, 29 giugno
none_a
San Giuliano Terme, 27 giugno
none_a
S'inarca la notte
remota sopra i nostri pensieri
di stelle cosparsi.
Fuliggine d'astri e millenni ;si posa
sul dorso di lucciole ignare
che vagano .....
caro baffuto baffino ricorda che la fantasia se sfocia in diffamazione e calunnia quello e reato e non pregare la Santa Vergine a Roma davanti alla porta .....
none_o
SENZA FUTURO
di Trilussa

12/7/2020 - 17:49

 
Una mamma di un ragazzino di quindici anni residente nella provincia di Lucca scopre uno strano materiale sul cellulare del ragazzino. Non solo materiale pedopornografico ma anche immagini raccapriccianti di suicidi, mutilazioni, decapitazioni di persone o animali. La denuncia coinvolge una ventina di ragazzini in tutta Italia di cui il maggiore di 17 anni, sette adolescenti, tutti 13 enni. 

E’ solo l’ultimo episodio, e particolarmente grave per la qualità dello scambio, dei molti che coinvolgono minori che scambiano foto a sfondo sessuale in cambio di soldi.

 

Sorvolando sulle responsabilità di quella famiglia, che sicuramente ci saranno ma che non abbiamo strumenti per valutare, un’osservazione si impone inesorabile: la morte del futuro ha cancellato nei ragazzi l’idea di crescita. Un tempo la vita era un percorso e ogni fase consisteva in un passaggio che tendeva a uno scopo: il raggiungimento della consapevolezza di se stessi e di che cosa si voleva diventare. A un certo punto il meccanismo è saltato. La vita ha smesso di essere una scala da salire un gradino dopo l’altro ed è diventata un’arena piatta e senza confini. Ma se manca l’idea di un percorso da compiere, l’unico navigatore diventa l’utilitarismo. Voglio soldi e me li procuro nel modo più facile. Vendo sesso senza pensare alle conseguenze, perché già la parola «conseguenze» presuppone una coscienza del tempo e dello spazio che non posseggo più. Purtroppo in un mondo che - a casa, in politica, in tv - non fa che togliere ringhiere da tutte le parti, è molto più facile cadere.” (Gramellini-La Stampa)


La prima cosa che viene da domandarci è il tipo di educazione ricevuto da questo ragazzino, e da tutti gli altri coinvolti nella vicenda. La domanda cioè se la madre che lo ha scoperto, oltre che occuparsi del contenuto del cellulare del figlio, si è occupata anche della sua mente, della sua educazione, quali valori è stata capace di trasmettere, se si è interessata o preoccupata di quelli che questo adolescente esprimeva nel loro rapporto quotidiano, di cosa diceva, argomentava, di come si comportava visto che per questi ragazzini probabilmente scambiarsi questi contenuti era considerata una cosa normale, quasi innocente. Lo stesso per le foto a contenuto pornografico che molte ragazzine scambiano con piccolo regali, poco denaro, ricariche di cellulari.


Ci domandiamo poi se è giusto, e soprattutto educativo, lasciare che ragazzini così piccoli dedichino così tanto tempo a videogiochi violenti e cruenti o guardino senza controllo trasmissioni come il Grande Fratello e derivati recenti da cui, mente ancora in formazione, non possono che trarre principi errati, false informazioni. Che ispiri cioè un modello di vita da cui non può derivare che incertezza e infelicità una volta riportato nella vita reale, quella banale di tutti i giorni, al di fuori della finzione e del teatrino infantile della televisione.


E non si può poi non spostare il discorso sulla nostra televisione, passata oramai da servizio pubblico istituzionalmente dedicato alla informazione e formazione dei cittadini a quella di puro intrattenimento, allo spettacolo della gara quotidiana fra i vari network a chi riesce a fornire trasmissioni più insulse, chiassose, a chi è in grado di accaparrarsi i protagonisti più maleducati, screanzati, urlanti e litigiosi.  Quando non viene utilizzata, in una forma più subdola e sottile, per influenzare le idee politiche, i giudizi e le valutazioni di quei cittadini che la utilizzano come unica forma di informazione, come unico canale di collegamento con il mondo che li circonda. Cittadini che non leggono i giornali, non praticano Internet, non hanno, per motivi di interesse o di lavoro, altra fonte di informazione che i telegiornali lottizzati del nostro servizio pubblico e privato.


Anche la pubblicità, a volte ossessiva ed invadente, non fa che peggiorare la situazione con la proposizione di modelli e atteggiamenti negativi, la rappresentazione di un mondo sempre giovane, in salute, bello, sorridente, dove il sesso e la seduzione aprono tutte le porte, anche quello della felicità. Anche gli spots che reclamizzano bevande alcoliche, che passano frequentemente specialmente in trasmissioni rivolte ad un pubblico giovane, presentano l’alcool come il lasciapassare per lo sballo, l’allegria e la felicità, badando bene a non informare che questo è alla base della più numerosa moria di giovani sulle strade notturne delle discoteche, in buona compagnia con l’uso oramai indiscriminato di sostanze stupefacenti, presenza costante e ossessiva nella nostra malata civiltà.


La scuola, come istituzione pubblica, non sempre riesce a controbattere queste forze e spesso gli insegnanti si sentono demotivati sia per la scarsa considerazione in cui vengono tenuti, sia per le tante difficoltà che devono affrontare, dalle strutture non idonee e spesso fatiscenti in cui si trovano ad operare alla scarsa educazione degli studenti, fino agli ostacoli che spesso pone la stressa famiglia ai modelli formativi proposti. C’è ancora fortunatamente chi cerca di lottare contro questa deriva pericolosa ma non tutti ne hanno la forza e molti abbandonano questi ragazzi ad una educazione basata su stereotipati modelli televisivi nella speranza di un supporto familiare educativo che molto spesso manca per fretta e/o per necessità di produzione di reddito.


Così si viene a perdere l’idea del futuro, della famosa scaletta in cui si fanno dei piani di crescita, con obiettivi da raggiungere man mano che la vita va avanti, in maniera graduale attraverso una programmazione sempre sostenuta però da un corretto impegno personale. La scuola, la preparazione professionale, il lavoro, la formazione di una famiglia. Senza questi obiettivi progressivi ed una corretta educazione (direi anche una buona scala di valori) passa l’idea che per arrivare a qualunque obiettivo occorra la raccomandazione, o peggio la vendita del proprio corpo, la prostituzione della propria anima sull’altare di un utilitarismo senza freni, e soprattutto senza coscienza. Non un pasto fatto di piccole portate da gustare piano piano nel tempo e nella consapevolezza ma un unico grande piatto con cui saziarsi, subito, all’inizio.


Ma cosa c’è poi, dopo?
Il caso di questi ragazzini è ancora più grave anche se al momento appare un caso isolato, anche se comprende individui di tutta Italia che pare non si conoscessero di persona, mentre sono frequenti casi di vendita di foto a sfondo sessuale, specie da parte di ragazzine molto giovani. Nel caso delle ragazzine che vendono le loro foto quando hai svalutato così il tuo corpo, venduto anche la tua anima, di nascosto alla tua famiglia, alla madre che ti ha generato, quando hai raccolto denaro inutile da spendere alla tua età, raccolto in maniera tanto semplice, senza fatica, senza sudore, senza impegno ma solo utilizzando il tuo corpo, cosa vuoi poi dalla vita? Cosa ti aspetti, tu dodicenne o tredicenne, poi, dal tuo futuro?


Anche lo Stato non ci aiuta in questo, la politica viaggia di solito su un binario diverso e tutto suo, preso dalle sue cose molto lontane spesso, dai problemi reali del paese, la scuola si è detto essere in difficoltà. Se un baluardo rimane questo è la famiglia, la sola in grado di difendere i giovani da questa perdita del futuro e che dovrebbe riprendersi quel ruolo di indirizzo, educazione e formazione che aveva un tempo e che troppo spesso, oggi, lascia nelle mani dei Media che non sono nati per questo scopo e quindi non possono fornire modelli corretti.


Come infine dice una madre:
 “Credo si debba insegnare ai propri figli una scala di valori irrinunciabili, in primo luogo la stima di sè stessi, da non perdere mai. Va da sè che i figli sono influenzati dal "clima culturale" che si respira in famiglia e se tutto appare come scontato, se non si hanno valori familiari dai quali partire per costruirsi una propria personalità si può arrivare arriva a episodi come questi….La società, poi, con i suoi deprimenti esempi non aiuta certo nella formazione positiva dei giovani!”
 
 

 
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri