none_o


Una vicenda tutta personale viene descritta in questo nuovo articolo di Franco Gabbani, una storia che ci offre un preciso quadro sulla leva per l'esercito di Napoleone, in grado di "vincere al solo apparire", ma che descrive anche le situazioni sociali del tempo e le scorciatoie per evitare ai rampolli di famiglie facoltose il grandissimo rischio di partire per la guerra, una delle tante. 

Palio Rionale Vecchianese
none_a
Circolo ARCI-Migliarino
none_a
Comune di Vecchiano- Nuova Allerta Meteo Gialla in arrivo
none_a
. . . uno sul web, ora, che vaneggia che la sua .....
. . . . . . . . . . . a tutto il popolo della "Voce". .....
. . . mia nonna aveva le ruote era un carretto. La .....
. . . la merda dello stallatico più la giri più puzza. .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
di Fabiano Corsini
none_a
Pisa, 24-27 giugno
none_a
Tirrenia, 17 giugno
none_a
di Alessio Niccolai con Alma Pisarum APS
none_a
Villa di Corliano, 27 giugno
none_a
Le cose andrebbero meglio
se non bene
se si procedesse
tutti quanti insieme. . .
rispettando modi, tempi, capacità
valorizzando le competenze .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Associazione “Politica, Ora!”
Economia circolare, la sfida del futuro “Fa bene all'ambiente, all'economia e al portafoglio.

14/7/2020 - 14:31

Se ne è discusso a Firenze durante un incontro promosso dall'associazione “Politica, Ora!” presieduta da Roberto d'Ippolito Economia circolare, la sfida del futuro “Fa bene all'ambiente, all'economia e al portafoglio. La Toscana sulla buona strada”

 


Firenze 14 luglio 2020 - E' la sfida del futuro: riutilizzare gli oggetti, avere un uso più efficiente possibile delle risorse, ridurre al minimo la produzione dei rifiuti. In due parole: economia circolare. E' quanto è emerso durante l'incontro "Economia Circolare, un grande progetto europeo" promosso dall'associazione “Politica, Ora!” che si è tenuto ieri al Caffè Letterario Le Murate a Firenze, al quale hanno partecipato l'eurodeputata Simona Bonafè, relatrice del Parlamento Europeo sul progetto per l'economia circolare, e Roberto d'Ippolito, avvocato e presidente di “Politica, Ora!”.
“Per la prima volta si deve ripensare al ciclo produttivo con lo scopo di riusare il più possibile i beni e gli stessi strumenti e questo ha una ricaduta in termini di risparmio, di tutela ambientale e di efficienza del sistema economico” ha affermato d'Ippolito. 

L'Unione Europea ha varato un programma di economia circolare e le Regioni “sono chiamate a svolgere un ruolo importante per far sì che il ciclo produttivo sia finalizzato a realizzare manufatti che durino il più a lungo possibile, possano essere riciclati e con il minor dispendio di energie possibile”. La scommessa è cambiare stile di vita, per il benessere del pianeta e dei suoi abitanti. La Regione Toscana “è già su questa strada: ha appena approvato una legge che contempla le esigenza di nuove cicli produttivi nel settore dei rifiuti, come quelli lapidei e della siderurgia”.

L'obiettivo è che la Toscana raggiunga l'autosufficienza per lo smaltimento dei rifiuti evitando lo spreco e riducendo il conferimento dei rifiuti in discarica.
“Se contiamo così il pianeta prima ci presenterà il conto: non possiamo uscire da un'emergenza sanitaria e ritrovarci in un'emergenza ambientale” ha aggiunto Simona Bonafè. “In Toscana abbiamo già dei settori interamente circolari, il cartario di Lucca o quello orafo, ma dobbiamo fare investimenti sull'informazione e sul cambio di modelli produttivi per favorire questo sistema, che è il sistema del futuro”. L'economia circolare porta benefici: “L' obiettivo finale è la compatibilità ambientale e il rispetto delle fonti primarie della Terra, ma serve anche a stimolare l'inventiva, la capacità artigianale dei toscani, aiuta a risparmiare, e a migliorare la qualità della vita. In più, riuscire a compiere un circuito virtuoso permette di non trasferire fuori regione i rifiuti e quindi rendere le bollette più leggere” ha spiegato d'Ippolito. 

Ne è convinta anche Bonafè. “Se recuperiamo materia prima dai rifiuti, non dovremo più pagare per smaltirli ma possiamo avere dei benefici in bolletta”.


+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri