none_o


Nel cervello di ognuno di noi si trovano alcune decine di miliardi di neuroni, piccole cellule nervose che ci permettono di ragionare, ricordare, piangere, ridere e amare; microscopici elementi responsabili dei nostri ricordi, dei nostri ragionamenti e delle nostre emozioni.Nei neonati e nei bambini il cervello è un organo straordinario in perenne attività con nuovi neuroni che continuano a formarsi con grande intensità e a formare fra di loro reti di interscambio di informazioni.

. . la conta dei giornali stranieri che hanno criticato .....
Dopo mesi di zona rossa la decisione e l’inizio dei .....
. . . Art 1 non lasciò la maggioranza, dette l' appoggio .....
. . . che lasciò il PD, quando al Governo c'era .....
di Claudio Robbiani
none_a
di Gianfranco Polillo
none_a
di Franco Bechis - Il Tempo.it
none_a
L’appello al Governo
none_a
Lavoro, Acli Toscana
none_a
Ok da Renzi Il piano prevede spese e investimenti fino a 310
none_a
di Andrea Viola-Avvocato e consigliere comunale, Italia Viva
none_a
Comunicato lista n°1 ASBUC Vecchiano-Nodica-Avane-Filettole
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


Natale 2020

Un angelico coro sopra la capanna
l'amore sviscerato della mamma
il calore del bue e dell'asinello
il vagito del dolce Bambinello
le .....
25 PERSONE SOTTO L'OMBRELLO AD ASPETTARE IL SERVIZIO CHE NON ARRIVA MAI, A METATO C'ERA UNA DIRETTRICE VALIDA CHE FACEVA GIRARE TUTTO BENE L'HANNO TOLTA. .....
San Giuliano Terme
Rocca di Ripafratta patrimonio del Comune di San Giuliano Terme: ok dal Consiglio comunale

1/8/2020 - 16:19


Con voto unanime del Consiglio comunale durante la seduta di giovedì 30 luglio, la   rocca di San Paolino a Ripafratta  passa ufficialmente al patrimonio del   Comune di San Giuliano Terme.
Va quindi a concludersi favorevolmente un percorso durato diversi anni e che vedrà finalmente la rocca di San Paolino pronta a imboccare la strada della completa valorizzazione.


Ammonta a 130 mila euro la spesa effettuata in condivisione dal Comune di San Giuliano Terme (30 mila) e dalla Regione Toscana (100 mila) per l'acquisto del monumento dai proprietari. Gli ultimi passaggi formali sono rappresentati dalle transazioni economiche e dal rogito notarile per l'effettivo passaggio di proprietà.

Tutto questo, è bene sottolinearlo, non sarebbe stato possibile senza un voto favorevole del Consiglio comunale.

"Un voto storico - commenta il sindaco   Sergio Di Maio  -, non nascondo la grande emozione.

La rocca di San Paolino è stata fin dal mio insediamento nel 2014 una delle principali 'ossessioni'.

Abbiamo tentato diverse soluzioni senza mai fermarci, fino a trovare quella giusta, che ci ha permesso di annoverare la rocca al nostro patrimonio comunale.

Ringrazio la Regione Toscana per il contributo.

Ringrazio anche l'Università di Pisa, in particolare il  professor  Marco Giorgio Bevilacqua e il suo team per il lavoro sul piano di recupero che stanno portando avanti.
Un ultimo ringraziamento, ma non per importanza, va all'associazione Salviamo la Rocca per averci sempre creduto e per aver stimolato costantemente l'amministrazione comunale a non perdere di vista l'obiettivo: un contributo che ritengo decisivo".

“Un momento storico - commenta l'associazione Salviamo la Rocca -. Era ormai chiaro che la proprietà pubblica del bene fosse una condizione imprescindibile per poter progettare e ricercare fondi.

In questo senso, l’impegno del sindaco Sergio Di Maio e dell’amministrazione sangiulianese è stato costante e incrollabile, anche nei momenti più difficili; intraprendere un’azione di questo tipo, in un periodo storico non certo facile per gli enti locali, è stato un gesto di lungimiranza e coraggio amministrativo. 

Dobbiamo ringraziare la Regione Toscana per il contributo fondamentale nell'acquisto.

Un coinvolgimento iniziato con la visita a Ripafratta del presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani due anni fa e continuata con l’impegno e la determinazione del consigliere Antonio Mazzeo, che ringraziamo per aver seguito l’iter a Firenze.

L’impegno di alcune delle forze politiche sul territorio è stato costante, pensiamo al confronto continuo con i consiglieri e le forze di maggioranza sul territorio del Lungomonte, ma anche al confronto con i partiti attualmente all'opposizione. 

L’Università di Pisa, sotto la direzione del professor Marco Giorgio Bevilacqua, sta ultimando il lavoro sul Programma strategico per il recupero della Rocca, che speriamo di poter presentare durante la Festa della Rocca, che si terrà domenica 13 settembre a Ripafratta. 

Un grazie particolare infine ai soci e volontari dell’associazione.

Questo traguardo è merito anche della perseveranza di tante persone che hanno sacrificato tanta parte del loro tempo, da anni, per la loro comunità e per il loro territorio.

Da qui - conclude l'associazione - si parte per un nuovo percorso, altrettanto lungo e complesso, ma un po’ meno in salita. La nostra determinazione ne esce rafforzata e crescerà con il tempo".
 
(foto a cura dell'associazione Salviamo la Rocca)

Comune di San Giuliano Terme - comunicazione

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




5/8/2020 - 11:09

AUTORE:
marco

....mi auguro che prima o poi si pensi a fare qualcosa per "Mirteto" in Asciano, dato che sono anni che viene chiesto un intervento di recupero e magari di acquisizione dell'immobile medievale, tenuto presente che le passate amministrazioni comunali avevano espresso in piu'riunioni di frazione l'interesse a fare qualcosa per impedire il totale deterioramento della struttura attualmente priva di copertura.