none_o

Correva l’anno 1867 quando Henry Nestlè comunicò alla stampa di aver salvato la vita ad un bambino prematuro la cui madre non poteva allattarlo perché gravemente malata. Disse di averlo nutrito con un prodotto costituito da “latte svizzero intero con l’aggiunta di cereali cotti al forno con un procedimento speciale di mia invenzione”. Era nata la famosa farina lattea che procurò al signor Nestlè ingenti guadagni....

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
. . . a pancetta. . . come l'ex forummista LdB (se .....
. . . cambi canale quando lo vede.
Forse lo invitano .....
. . . . se non tutte le puntate e tutte le sere di .....
. . . . . . . . . . . . . . Mattarella ha dato, con .....
Pisa, 3 ottobre
none_a
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Molina di Quosa, 29 settembre
none_a
Molina di Quosa, 25 settembre
none_a
Marina di Pisa
none_a
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
Pisa, 20 settembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Rafforzare il legame caccia-agricoltura
Un incontro fra il presidente nazionale Federcaccia Buconi e la ministra Bellanova

10/8/2020 - 23:28

Rafforzare il legame caccia-agricoltura


Un incontro fra il presidente nazionale Federcaccia Buconi e la ministra Bellanova apre una rinnovata fase di rapporti fra mondo agricolo e mondo venatorio improntata al reciproco riconoscimento e valorizzazione dei diversi, ma fortemente interconnessi, ruoli
Roma, 10 agosto 2020 - Si è svolto negli scorsi giorni nella sede romana del MIPAAF un incontro fra il presidente nazionale della Federazione Italiana della Caccia Massimo Buconi e la ministra delle politiche agricole alimentari e forestali Teresa Bellanova.
“Ho incontrato nella ministra Teresa Bellanova – alla quale vanno i miei più sinceri ringraziamenti per aver trovato, pur in un momento così delicato e denso di impegni, uno spazio da dedicarci – una interlocutrice attenta e aperta all’ascolto, assolutamente libera da pregiudizi e prevenzioni nei confronti della caccia e delle centinaia di migliaia di cittadini che la praticano in modo diligente, consapevole e rispettoso delle leggi” ha dichiarato il presidente Buconi.
Nel corso del cordiale e proficuo colloquio sono stati toccati diversi temi in evidenza sulle rispettive agende, ponendo le basi per un auspicabile rilancio di una collaborazione ancora più stretta fra mondo venatorio e mondo agricolo. Da parte di Federcaccia infatti, un obbiettivo non più rimandabile è quello di riprendere e rilanciare un rapporto di alleanza, strategico per entrambi, all’insegna di una maggior pianificazione e realizzazione di iniziative capaci di creare le condizioni per una pratica venatoria più efficace e soddisfacente e insieme per una più compiuta realizzazione di un assetto multifunzionale dell’impresa agricola. L’auspicio è che da questo incontro in prospettiva possa nascere una azione di valorizzazione dei rispettivi ruoli, sia come comparti produttivi, economici e occupazionali di primaria importanza per il Paese, sia in quello di tutori di un tessuto culturale e sociale rurale fatto di stili di vita, tradizioni, saperi e conoscenze di inestimabile valore immateriale. Un contesto che vede la figura del cacciatore fortemente radicata sul territorio, con una diffusione capillare attraverso sedi e circoli in tutta Italia, partecipe e protagonista in ogni attività di volontariato, dalla protezione civile al sanitario, alle iniziative sociali e di promozione locale.
“In attesa di una sempre più necessaria riforma della normativa venatoria nazionale, resa difficile da un diffuso atteggiamento di chiusura ideologica che vede ogni intervento in questo campo solo in un’ottica ulteriormente restrittiva e non gestionale – ha dichiarato Buconi – Federcaccia ritiene necessario portare nelle stanze del MIPAAF i temi della caccia, della gestione integrata del territorio sia in aree protette che in aree cacciabili, anche attraverso la legittimazione del ruolo di pubblica rilevanza dei coadiutori nella applicazione dei piani di controllo e contenimento delle specie opportuniste e invasive. Significa riportare la caccia là dove per sua stessa natura dovrebbe stare, una sorta di ritorno nel mondo rurale assolutamente necessario anche per la qualità della vita dei cittadini” ha concluso il presidente Buconi.
Ufficio stampa Federazione Italiana della Caccia

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: