none_o


Reparto di Oncologia dell’ospedale di Pisa. Davanti all’edificio molti persone in attesa perché l’ingresso è riservato ai soli pazienti oncologici. Ero fortunatamente un accompagnatore e sono rimasto educatamente fuori come tutti gli altri. Devo dire che eravamo tutti con la mascherina, non so se per paura del contagio o per rispetto degli altri ma la situazione era appagante, come quando si vede il rispetto delle regole da parte di tutti i cittadini.

Poverannoi, è andato ormai. Lo usano sulla 7 di .....
. . . che ne capisce più di te. Fattene, anzi fatevene .....
. . . giorni sta prendendo dei punti la Raggi. . . .....
. . . . . . . . . . . . . . . . l'ha capito? La DaD .....
Greenpeace
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Vecchiano
none_a
San Giuliano Terme, 23 ottobre
none_a
Marina di Pisa, 24 ottobre
none_a
Molina di Quosa, 25 ottobre
none_a
Teatro Nuovo Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 25 ottobre
none_a
Marina di Pisa, 17 ottobre
none_a
Sabato 17 ottobre al Grand Hotel Duomo
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


di Marlo Puccetti
none_a
la ZONE di Pisa
none_a
CSI – Centro Sportivo Italiano-
none_a
Coppa Toscana Juniores sotto la Torre
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Se non si capiva niente prima, come pretendere che si capisca qualcosa oggi?

Qualcuno dice che non intende usare i 40 miliardi del MES, perché in .....
Forza Italia
BONSANGUE: Votiamo NO per dire SÌ alla democrazia

17/9/2020 - 19:55

 Forza Italia: BONSANGUE: Votiamo NO per dire SÌ alla democrazia 

Manca poco alla data per il referendum costituzionale che avrà luogo il 20 e 21 settembre prossimi, dove saremo chiamati a rispondere sul seguente quesito: “Approvate il testo della legge costituzionale concernente “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 240 del 12 ottobre 2019?”.

Ho ricevuto mandato per designare rappresentanti, in occasione di questo importante quesito, per conto del Comitato promotore del referendum, “noiNo”, per sensibilizzare l’opinione pubblica, informare i cittadini ad un voto consapevole e dare forza alle ragioni del NO.

La mia è una posizione personale, in quanto delegata per il predetto comitato, atteso che il Presidente Berlusconi ha lasciato libertà di voto per eletti, dirigenti, iscritti e simpatizzanti.Il rischio per la Toscana, come per le altre regioni d’Italia, è la perdita di rappresentanza dei territori. A farne maggiormente le spese alcune aree della nostra Regione che si vedrebbero tagliare la loro rappresentanza: si passerebbe da 38 a 24 Deputati (-36,84%) e da 18 a 12 Senatori (-33,33%). In realtà, a fronte del taglio dei Parlamentari, non ci sarebbe un significativo contenimento dei costi della politica: stravolgere la Costituzione porterebbe ad un risparmio, di circa 57 milioni di euro l’anno.

Lo 0,007 per cento della nostra spesa pubblica, pari ad un euro all’anno per ciascun italiano, cioè il prezzo di un caffè.

Questa legge, così come è scritta, è sbagliata: non farà risparmiare le casse dello Stato, non renderà il Parlamento più efficiente e non farà eleggere parlamentari più capaci e preparati. Non esiste, oggi, il problema della quantità dei parlamentari, ma quello della loro qualità.E gli italiani devono saperlo.

Invito tutti i cittadini a riflettere prima di dare il proprio voto in occasione di questo referendum, anche per archiviare una triste e sterile stagione politica.Il prossimo weekend, il 20 e 21 settembre, saremo chiamati ad esprimere la nostra opinione.

Per il referendum confermativo non è previsto un quorum da raggiungere: questo vuol dire che l’esito del referendum non dipenderà dalle percentuali di partecipazione degli elettori, ma dal voto della maggioranza dei votanti.

Chiunque voterà sì rafforzerà un governo che, come tutti possiamo notare quotidianamente, sta facendo disastri, e voterà di fatto per il M5s, ovvero per un movimento che ha fatto dell’antipolitica la sua campagna per la sopravvivenza.La riforma sarebbe un atto di demagogia che limiterebbe la rappresentanza, ridurrebbe la libertà e la nostra democrazia.

Occorre votare NO per dire no alla deriva populista: i parlamentari non sono poltrone, ma rappresentano i cittadini e i territori.

La riforma costituzionale non è contro la “casta”, ma contro i cittadini.

Le riforme, quelle vere, devono essere attuate per migliorare le funzionalità delle istituzioni ed il taglio lineare dei parlamentari non produrrà gli effetti sperati, anzi, genererà pericolose distorsioni democratiche.Il tentativo confusionario e demagogico di modifica della composizione del Parlamento di 345 eletti (si passerebbe da 630 a 400 Deputati e da 315 a 200 Senatori) rischia seriamente di alterare gli equilibri tra organi costituzionali, senza inserire questa azione in un quadro complessivo ed organico di adattamenti costituzionali, legislativi e parlamentari.

Ridurre gli sprechi della politica e le inefficienze dei procedimenti legislativi è possibile anche senza indebolire la democrazia rappresentativa e il rapporto tra elettori e eletti.La riforma in questione è di grande rilievo per l’architettura istituzionale e il sistema politico, incidendo sulla rappresentatività delle assemblee e sulla partecipazione, strutture portanti della nostra democrazia.

È indispensabile che elettrici ed elettori, di qualsivoglia orientamento, siano messi in grado di esprimere un voto pienamente consapevole della portata e degli effetti della decisione popolare.Per questi e tanti altri motivi, il 20 e 21 settembre dico di votare No, per dire sì alla democrazia.

Raffaella Bonsanngue
Coordinatore Provinciale di Forza Italia Pisa

 


 





















 









 


 








































Fonte: Comunicazione Forza Italia Pisa
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: