none_o

Continua, sul giornale, la storia dell'Asbuc Vecchiano dalla sua nascita fino alla situazione attuale con la costituzione del Comitato di Amministrazione Separata per i Beni Civici in rappresentanza delle frazioni di S.Frediano, S.Alessandro, Nodica, Avane e Filettole, regolarmente eletto da tutti i frazionisti. 

. . . . . . . . . . . da Londra a Tokio. . . . . .....
. . . . dicono. . . ci son stati invii di post che .....
Uno dei più bei, se non il più bello, commenti/ .....
. . . casa perché eri terrorizzato, e se uscivi .....
Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


UN IMPEGNO COSTANTE PER MANTENERE VIVO IL PASSATO E FRUIRNE ANCORA IN FUTURO

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


Veclanum prima di Vecchiano

da Umberto Mosso | Lug 29, 2021
none_a
di Cristian Rocca
none_a
Di Dario D'Angelo
none_a
di Aldo Torchiaro
none_a
Di Dario D'Angelo
none_a
È con te
Facciamo oggi quella scelta
Oggi in due ma restiamo sempre noi
È con te
Che la vita è come foglia
Noi leggeri saggi dentro vuoti mai
Sei .....
caro baffuto baffino ricorda che la fantasia se sfocia in diffamazione e calunnia quello e reato e non pregare la Santa Vergine a Roma davanti alla porta .....
Arrivano i funghi autunnali
Tesserino per la raccolta nel Parco: come fare

2/10/2020 - 13:24

Pisa, 2 ottobre 2020
 
Arrivano i funghi autunnali
Tesserino per la raccolta nel Parco: come fare
La raccolta si può fare domenica, martedì e giovedì per un massimo di un chilo a specie o due chili totali. Regole chiare per garantire un'attività sostenibile
 
Con l'arrivo della stagione autunnale iniziano a spuntare nel Parco i porcini, le russole, i pioppini, i leccini, i lattari e i cantarelli (più noti come gallinacci o finferli). Per raccogliere i funghi è necessario essere in regola con il tesserino  e seguire alcune regole per garantire un'attività sostenibile. Il Parco è un luogo da vivere e insieme rispettare e promuovere, per questo anche quest'anno si è rinnovata la collaborazione con il Gruppo Micologico Pisano che sfocerà nell'organizzazione di iniziative sul tema come una mostra sui funghi che si terrà a Cascine Vecchie.
 
Per chi già ha conseguito negli anni scorsi il tesserino necessario per svolgere l’attività nel territorio del Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli, è sufficiente effettuare il pagamento della quota annuale (valevole fino al 31 dicembre) di 16 euro e conservare la ricevuta di pagamento da esibire in caso di controlli. Chi invece non lo possiede e lo vuole richiedere deve compilare l’apposita domanda e inviarla a enteparcoregionalemsrm@postacert.toscana.it  (modulistica sul sito all'indirizzo www.parcosanrossore.org/amm-trasparente/modulistica/ oppure richiesta informazioni via mail a l.gorreri@sanrossore.toscana.it) e superare un colloquio che verte sulle normative per la raccolta dei funghi nel Parco e sulle modalità di comportamento. Bisogna conoscere le zone dove è consentito l’accesso e come si raccolgono i funghi per non rovinare il sottobosco, e in generale le semplici regole che servono a garantire una fruizione sostenibile e responsabile del territorio. La raccolta è consentita tre giorni alla settimana (domenica, martedì e giovedì), per un massimo di 1 chilo a specie e comunque 2 chili in totale, fanno eccezione le morchelle per le quali il limite massimo è di 30 esemplari, data la loro delicatezza. Non si possono raccogliere nelle zone di riserva integrale e di giovane rimboschimento. Per alcune specie la dimensione minima della cappella deve essere di 3-4 centimetri per preservare i piccoli esemplari, mentre tutti i funghi raccolti devono essere depositati in contenitori areati come cestelli di vimini. I fruitori sono invitati, prima del consumo dei funghi raccolti, a portarli all’ispettorato micologico delle Asl per stabilirne la loro commestibilità, un servizio gratuito che fornisce le corrette indicazioni per il consumo. Per saperne di più: il Parco dispone di una guida dal titolo ‘I funghi del Parco’ disponibile nei centri visita.
 
 
 
Ecco un breve decalogo utile come guida alla raccolta e al consumo dei funghi
 
- Non raccogliere indiscriminatamente tutti i funghi, per non devastare l'equilibrio dell'ecosistema
- I funghi vanno raccolti interi per consentire la corretta individuazione della specie
- È vietato ricorrere all'uso di vanghe, zappe e strumenti che potrebbero danneggiare il sottobosco
- I funghi vanno raccolti sani e non se in cattivo stato, gli esemplari non raccolti devono essere lasciati tal quali e non distrutti
- I funghi raccolti devono essere trasportati in contenitori aerati per la disseminazione delle spore
- Non mettere i funghi sospetti insieme ai funghi buoni e non regalare funghi se la loro commestibilità è incerta
- La cottura, l'essicamento o altri trattamenti non servono a rendere commestibili i funghi velenosi
- Tutti i funghi commestibili vanno consumati ben cotti
- Evitare di far consumare funghi a bambini, donne in gravidanza o allattamento, anziani, persone che presentano intolleranza a particolari alimenti, farmaci o affette da patologie gastriche, epatiche, pancreatiche, renali, senza il consenso del medico
- I funghi commestibili vanno mantenuti in contenitori rigidi e aerati ed in luogo fresco e devono essere consumati, o effettuate le operazioni di conservazione, in tempi brevi
­
Ufficio stampa Raffaele Zortea 
ufficiostampa@sanrossore.toscana.it

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri