none_o


Reparto di Oncologia dell’ospedale di Pisa. Davanti all’edificio molti persone in attesa perché l’ingresso è riservato ai soli pazienti oncologici. Ero fortunatamente un accompagnatore e sono rimasto educatamente fuori come tutti gli altri. Devo dire che eravamo tutti con la mascherina, non so se per paura del contagio o per rispetto degli altri ma la situazione era appagante, come quando si vede il rispetto delle regole da parte di tutti i cittadini.

Leggo sul sole 24 ore che l'ultima informativa di cassa .....
Se non si capiva niente prima, come pretendere che .....
Una notizia eccezionale di oggi, in una giornata comunque .....
. . . ma non sempliciotto!
Sulla Regione Campania .....
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Marina di Pisa, 24 ottobre
none_a
Molina di Quosa, 25 ottobre
none_a
Teatro Nuovo Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 25 ottobre
none_a
Marina di Pisa, 17 ottobre
none_a
Sabato 17 ottobre al Grand Hotel Duomo
none_a
SAn Giuliano Terme, 18 ottobre
none_a
Molina di Quosa, 9 ottobre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


la ZONE di Pisa
none_a
CSI – Centro Sportivo Italiano-
none_a
Coppa Toscana Juniores sotto la Torre
none_a
open day 20 ottobre palestra Proscaenium
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Se non si capiva niente prima, come pretendere che si capisca qualcosa oggi?

Qualcuno dice che non intende usare i 40 miliardi del MES, perché in .....
di Umberto Mosso
COSTITUZIONE IN BRICIOLE

16/10/2020 - 0:55


COSTITUZIONE IN BRICIOLE

 

Se ne parla poco, tra crisi sanitaria e impiego del Next Genaration EU, ma il Parlamento sta discutendo un’altra “piccola” riforma costituzionale, che fa seguito alla riduzione dei parlamentari, per consentire ai 18enni di votare per il Senato.

Apparentemente sembra una modifica intelligente, per fare in modo di uniformare le platee elettorali di Camera e Senato e non ritrovarsi ad avere una maggioranza forte alla Camera e debole al Senato, oppure due maggioranze diverse nei due rami del Parlamento.

In realtà, posso sbagliarmi, a me sembra una grossa stupidaggine perché, in questo modo, si sancisce un bicameralismo ultraperfetto, fotocopia, che non risolve alcun problema di snellimento dei lavori, ma li complica per le note questioni della riduzione della rappresentanza territoriale e della difficoltà di lavoro delle commissioni parlamentari, dove si svolge una parte importante e consistente del lavoro legislativo.

Sentivo in diretta l’intervento di un deputato grillino, felice perché, con questo provvedimento e altri preannunciati, a piccoli passi, si realizzerebbe la strategia del M5S di modifica della Costituzione senza dare troppo nell’occhio, definizione mia, non sua, ma che esplicita il concetto. Insomma una strategia “mollichella a mollichella” che denota il livello basso del pensiero grillino.

La Camera avrebbe dovuto votare oggi la “terza lettura” del provvedimento ma Italia Viva ha chiesto, ed ottenuto, una pausa di riflessione per poter ragionare su una riforma più complessiva dell’assetto parlamentare. Apriti cielo! Il PD va dicendo che Italia Viva è contraria al voto dei 18enni.

Non è così, e meraviglia che gente esperta riduca una tale riforma all’aspetto del voto ai 18enni. Superficialità e allineamento acritico alle posizioni del M5S. Il voto ai 18enni non c’entra nulla. E’ solo una mia idea, ma se devi fare, comunque, una riforma costituzionale che riallinei il Parlamento dopo il “taglio”, allora non sarebbe meglio prevedere una sola Camera?

Direi ok, signori del M5S, siete riusciti a ridurre i parlamentari a 600, ma allora perché non riunirli tutti risolvendo, in un colpo solo, il superamento del bicameralismo, il ristabilirsi di una migliore rappresentanza territoriale (quella della Camera attuale, più o meno) rendendo più agevole e non ripetitivo il lavoro del Parlamento? Oltretutto i 18enni già votano per la Camera dei Deputati.Questo mi sembrerebbe non solo più coerente rispetto al “taglio”, ma anche con tutte le esigenze di funzionalità, efficienza ed economicità fino ad ora sbandierate. Se è questo che si vuole avere. Altrimenti mollichella a mollichella sarà il Parlamento a rimanere strozzato.La ridondanza non è nel numero dei parlamentari, ma il fatto che ci siano due rami del Parlamento che fanno lo stesso lavoro e che ora, per giunta, si vorrebbero costituiti a fotocopia.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




16/10/2020 - 8:08

AUTORE:
Patrizia

È tutto il giorno che dal PD arrivano bordate contro Italia Viva.
L'accusa è quella di aver cambiato idea e di aver tradito il patto di governo sul voto ai 18enni per il Senato.
In realtà chi ha cambiato idea è il PD.
Nell'accordo di governo (in foto) si parlava di abbassare l'età per il voto a 18 anni e di abbassare l'età per candidarsi a 25.
PD e M5S hanno cambiato idea. Vogliono dai giovani vogliono solo il voto per poi continuare ad impedirne le candidature al Senato.
I patti si rispettano, cari amici del PD.