none_o

A distanza di qualche anno fa piacere ricordare quella grande e partecipata iniziativa che fu il Maggio Migliarinese e rivedere le immagini di un tempo che sembra molto lontano. Pochi volontari con modeste risorse economiche ma tanto entusiasmo, voglia di fare e partecipare alla vita sociale comune riuscirono a portare ad un piccolo paese come Migliarino una serie di eventi e di spettacoli mai visti in una così piccola comunità.

Grazie per aver ricordato quel bellissimo periodo del .....
Subito dopo giorni di pioggia ci sono grandi trattori .....
Alcune regioni fanno un open day per chi volontariamente .....
Fare politica significa lavorare con la massima trasparenza .....
Vecchiano è Volontariato
#Tantifiliunasolamaglia


VIVI IL TUO PAESE, SCENDI IN CAMPO CON NOI

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


MARE MOSSO O MARE CALMO LA TUA VITA PORTIAMO IN SALVO

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


Un paese è di tutti quelli che lo sanno raccontare

Pisa, 20 maggio
none_a
Coltano, Venerdì 4 e sabato 5 giugno
none_a
"Dante, una terzina per volta"
di Stefano Benedetti
none_a
Pisa, 14 maggio
none_a
San Giuliano Terme, 23 maggio
none_a
CAMPIONE D'EUROPA DEI SUPERPIUMA
none_a
Migliarino Volley
none_a
Pontasserchio
none_a
Migliarino Volley - U15 Femminile
none_a
Ei fu. Siccome immobile,
dato il mortal sospiro,
stette la spoglia immemore
orba di tanto spiro,
così percossa, attonita
la terra al nunzio .....
caro baffuto baffino ricorda che la fantasia se sfocia in diffamazione e calunnia quello e reato e non pregare la Santa Vergine a Roma davanti alla porta .....
di Umberto Mosso
SU CATIUSCIA MARINI NON ERA VERO NIENTE.

20/10/2020 - 8:41

SU CATIUSCIA MARINI NON ERA VERO NIENTE.


Ricordate l’indagine che, partita da Terni, coinvolse l’intera Regione Umbria portando alle dimissioni della sua Presidente, Catiuscia Marini, e alla successiva elezione di una Presidente di centrodestra?

Un terremoto giudiziario, amplificato a dismisura dai media, che scosse tutta l’Italia. Insieme a lei fu “mandato a casa”, come suole dire la destra più barbara, anche il sindaco dem di Terni Leopoldo Di Girolamo.
Ora l’indagine, dopo quasi quattro anni, si è chiusa col non luogo a procedere perché “il fatto non sussiste”. Neanche le scuse e tanti saluti.
Una vita politica distrutta, l’isolamento e il distacco dei suoi stessi compagni, quattro anni di angoscia e di rabbia repressa nel sapersi innocente e il cambio di segno politico di una Regione, indotto dalla violenza mediatica e da una cinica e feroce, quella sì disonesta, strumentalizzazione della destra.
La coreografia è importante, anche per capire come vengono spesi i nostri soldi. Un fatto etico, non venale.
Una mattina Terni si sveglia come in stato d’assedio. In favore delle telecamere 52 volanti con le sirene accese, arrivate in città in autocolonne anche dalle regioni vicine, circondano il palazzo comunale e 104 uomini armati lo occupano, mentre un elicottero volteggia controllando l’area dell’azione. Tutto per cercare le “carte” che dovrebbero provare una presunta “Turbata regolarità degli incanti e falsità ideologica”. La stessa motivazione che, sei mesi dopo il blitz, porterà all’arresto domiciliare dei presunti delinquenti, come ordinato dal Giudice per le indagini preliminari, che convalida le richieste del PM.
Concluse le indagini “il fatto non sussiste”. “Una bellissima notizia”, dichiara Catiuscia Marini, “ma non avevo dubbi sulla loro onestà”, dice degli altri 45 indagati, tutti prosciolti dall’accusa di aver pilotato le assunzioni nella sanità umbra. Ma è lei che soprattutto ha pagato il prezzo più alto, additata - innocente - al pubblico ludibrio, mentre oggi media e TG non riservano alla notizia del proscioglimento lo stesso spazio dato al blitz e alle indagini seguenti.
Per gli italiani serve sapere che qualcuno ha cambiato verso, con tutta la sproporzione di forza dello Stato nei confronti di cittadini innocenti fino a prova contraria, alla politica e all’amministrazione di una intera Regione e di un comune importante come Terni. Nessuno pagherà per questo.
Per Marini e Di Girolamo non rimane che dichiarare la loro amarezza per essere stati scaricati allora dal PD, come al solito claudicante e tremebondo, emarginati e isolati dal loro partito come fossero appestati.
“Che delusione Zingaretti”, dice Marini. Il segretario che ha lasciato, assistito dall’incolore Valter Verini nominato commissario del PD in Umbria, che si distruggesse una parte importante del gruppo dirigente del suo partito e amministratori, onesti e capaci, solo sulla base di un avviso di garanzia.
Il garantismo non è solo un obbligo costituzionale verso i singoli cittadini, ma protegge l’intera comunità da involuzioni democratiche conseguenza di mala giustizia.





























+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri