none_o

 

 

 

Contro la pandemia Jacinda Arden, premier della Nuova Zelanda, ha scelto la via più drastica: lockdown generale e chiusura delle frontiere. Con empatia, pragmatismo e coraggio ha fermato il covid-19, sconfitto la destra populista e vinto le elezioni. Bruno Ferraro, da Auckland, ritrae Jacinda come una leader che può dare una lezione magistrale ai politici occidentali su come gestire una crisi.

Delle idee di questa signora non mi interessa granchè. .....
. . . io non sono d'accordo.
Sono anch'io come tanti, .....
SI, CI VOLE R TEMPO per collaudare le bottiglie, .....
. . . . . . . . . . la cittadinanza e lo nominerà .....
Dl Covid: Legnaioli (Lega)
none_a
“Spazio a chi ci porta competenza”
none_a
Segreteria prov.le P.S.I. Pisa”
none_a
ASSOCIAZIONE DEGLI AMICI DI PISA
none_a
Estratto della lettera al quotidiano La Repubblica il 24/11
none_a
di Renzo Moschini, già parlamentare
none_a
diretta live sulla pagina di
Forza Italia Toscana
none_a
Fernando Bezzi - italia viva date fiducia alla competenza
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Poste Italiane comunica
none_a
di Marco Galice, insegnante
none_a
Di Alessandro Anderle-Laureato in Filosofia e laureando in Scienze Religiose. Insegno Pluralismo e dialogo fra le religioni,
none_a
San Giuliano Terme
none_a
A breve in libreria
none_a
di Lorenzo Tosa
none_a
Per effetto del DPCM del 3 novembre 2020
none_a
Quarantesimo della morte del Cav. Vittorino Benotto
none_a
Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 14 novembre
none_a
San Giuliano Terme, 8 novembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


Prima strillano che va riaperto tutto, contestano l'emergenza, negano la pandemia, gridano al complotto! . . . poi, QUANDO ESPLODE LA SECONDA ONDATA, .....
Se non si capiva niente prima, come pretendere che si capisca qualcosa oggi?

Qualcuno dice che non intende usare i 40 miliardi del MES, perché in .....
di Umberto Mosso
SU CATIUSCIA MARINI NON ERA VERO NIENTE.

20/10/2020 - 8:41

SU CATIUSCIA MARINI NON ERA VERO NIENTE.


Ricordate l’indagine che, partita da Terni, coinvolse l’intera Regione Umbria portando alle dimissioni della sua Presidente, Catiuscia Marini, e alla successiva elezione di una Presidente di centrodestra?

Un terremoto giudiziario, amplificato a dismisura dai media, che scosse tutta l’Italia. Insieme a lei fu “mandato a casa”, come suole dire la destra più barbara, anche il sindaco dem di Terni Leopoldo Di Girolamo.
Ora l’indagine, dopo quasi quattro anni, si è chiusa col non luogo a procedere perché “il fatto non sussiste”. Neanche le scuse e tanti saluti.
Una vita politica distrutta, l’isolamento e il distacco dei suoi stessi compagni, quattro anni di angoscia e di rabbia repressa nel sapersi innocente e il cambio di segno politico di una Regione, indotto dalla violenza mediatica e da una cinica e feroce, quella sì disonesta, strumentalizzazione della destra.
La coreografia è importante, anche per capire come vengono spesi i nostri soldi. Un fatto etico, non venale.
Una mattina Terni si sveglia come in stato d’assedio. In favore delle telecamere 52 volanti con le sirene accese, arrivate in città in autocolonne anche dalle regioni vicine, circondano il palazzo comunale e 104 uomini armati lo occupano, mentre un elicottero volteggia controllando l’area dell’azione. Tutto per cercare le “carte” che dovrebbero provare una presunta “Turbata regolarità degli incanti e falsità ideologica”. La stessa motivazione che, sei mesi dopo il blitz, porterà all’arresto domiciliare dei presunti delinquenti, come ordinato dal Giudice per le indagini preliminari, che convalida le richieste del PM.
Concluse le indagini “il fatto non sussiste”. “Una bellissima notizia”, dichiara Catiuscia Marini, “ma non avevo dubbi sulla loro onestà”, dice degli altri 45 indagati, tutti prosciolti dall’accusa di aver pilotato le assunzioni nella sanità umbra. Ma è lei che soprattutto ha pagato il prezzo più alto, additata - innocente - al pubblico ludibrio, mentre oggi media e TG non riservano alla notizia del proscioglimento lo stesso spazio dato al blitz e alle indagini seguenti.
Per gli italiani serve sapere che qualcuno ha cambiato verso, con tutta la sproporzione di forza dello Stato nei confronti di cittadini innocenti fino a prova contraria, alla politica e all’amministrazione di una intera Regione e di un comune importante come Terni. Nessuno pagherà per questo.
Per Marini e Di Girolamo non rimane che dichiarare la loro amarezza per essere stati scaricati allora dal PD, come al solito claudicante e tremebondo, emarginati e isolati dal loro partito come fossero appestati.
“Che delusione Zingaretti”, dice Marini. Il segretario che ha lasciato, assistito dall’incolore Valter Verini nominato commissario del PD in Umbria, che si distruggesse una parte importante del gruppo dirigente del suo partito e amministratori, onesti e capaci, solo sulla base di un avviso di garanzia.
Il garantismo non è solo un obbligo costituzionale verso i singoli cittadini, ma protegge l’intera comunità da involuzioni democratiche conseguenza di mala giustizia.





























+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: