none_o

A distanza di qualche anno fa piacere ricordare quella grande e partecipata iniziativa che fu il Maggio Migliarinese e rivedere le immagini di un tempo che sembra molto lontano. Pochi volontari con modeste risorse economiche ma tanto entusiasmo, voglia di fare e partecipare alla vita sociale comune riuscirono a portare ad un piccolo paese come Migliarino una serie di eventi e di spettacoli mai visti in una così piccola comunità.

Alcune regioni fanno un open day per chi volontariamente .....
Fare politica significa lavorare con la massima trasparenza .....
. . . . oggi al Corriere dice: Renzi ha fatto cadere .....
Si è rivista la 'coda, anche se piccola, stamani .....
Vecchiano è Volontariato
#Tantifiliunasolamaglia


VIVI IL TUO PAESE, SCENDI IN CAMPO CON NOI

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


MARE MOSSO O MARE CALMO LA TUA VITA PORTIAMO IN SALVO

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


Un paese è di tutti quelli che lo sanno raccontare

"Dante, una terzina per volta"
di Stefano Benedetti
none_a
Italia
none_a
POSTE ITALIANE
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Coltano, Venerdì 4 e sabato 5 giugno
none_a
Pisa, 14 maggio
none_a
POSTE ITALIANE: RISULTATI FINANZIARI DEL PRIMO TRIM
none_a
San Giuliano Terme, 23 maggio
none_a
POSTE ITALIANE:
none_a
Migliarino Volley
none_a
Pontasserchio
none_a
Migliarino Volley - U15 Femminile
none_a
Migliarino Volley
none_a
Ei fu. Siccome immobile,
dato il mortal sospiro,
stette la spoglia immemore
orba di tanto spiro,
così percossa, attonita
la terra al nunzio .....
caro baffuto baffino ricorda che la fantasia se sfocia in diffamazione e calunnia quello e reato e non pregare la Santa Vergine a Roma davanti alla porta .....
di Lorenzo Tosa
Ugur e Oezlem

11/11/2020 - 14:20

Un giorno, tra molti anni, quando la pandemia di Coronavirus sarà solo un lontano ricordo, questi volti e questi nomi, quello di Ugur Sahin e Oezlem Tuereci, potrebbero essere studiati sui libri di Storia.


Già perché dietro il vaccino per il Covid lanciato dall’americana Pfizer e dalla tedesca BioNTech c’è questa coppia di coniugi ricercatori, entrambi turchi, entrambi figli dell’emigrazione, entrambi trapiantati in Germania: arrivato con la madre a quattro anni lui; nata da famiglia immigrata lei.


Figlio di un operaio Ford a Colonia, Sahin ha sempre avuto in testa solo una cosa: la medicina. Muove i primi passi alla clinica universitaria della sua città, prima di trasferirsi ad Homburg, dove conosce la sua futura moglie, con cui condivide l’ossessione per la scienza. Ne sono così travolti che, il giorno del loro matrimonio, Ugur e Oezlem vanno a lavorare nel loro laboratorio come una mattina qualsiasi, e lì ritornano subito dopo la cerimonia.


Nel 2001 fondano la loro prima azienda farmaceutica, che diventa in breve un punto di riferimento mondiale nelle terapie contro il cancro basate sugli anticorpi e, 15 anni dopo, viene acquisita dal colosso giapponese Astellas per 1,3 miliardi di euro.


In mezzo la nascita della BioNTech, e ancora una volta il lavoro di Sahin e Tuereci si concentra sulla ricerca sul cancro. Quando, però, scoppia l’epidemia di Coronavirus in Cina, decidono di concentrarsi su un nuovo vaccino sperimentale mai tentato prima. Vanno avanti per mesi, spesso in silenzio, senza proclami. Fino alla notizia di ieri con cui la Pfizer ha annunciato al mondo che il vaccino scoperto da Sahin e Tuereci è efficace al 90%, cambiando forse per sempre le traiettorie delle nostre vite in un modo che oggi fatichiamo esattamente a concepire.


Merito di un uomo e una donna di turche e umilissime origini che, mezzo secolo fa, sono arrivati in Germania con la loro famiglia in cerca di fortuna, senza sapere un giorno che quel sogno infantile avrebbe contribuito forse a cambiare la Storia.


Quelle di Ugur e Oezlem sono storie straordinarie di successo e immigrazione che, per le idee e le politiche di alcuni, non sarebbero mai esistite né mai state lontanamente immaginate.
Sono vite che, nel mondo teorizzato da sovranisti e nazionalisti, sarebbero rimaste “a casa loro”.


Mentre festeggiamo la notizia di un vaccino e rivediamo timidamente la luce, non dimentichiamolo mai.





+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri