none_o

 

 

 

Contro la pandemia Jacinda Arden, premier della Nuova Zelanda, ha scelto la via più drastica: lockdown generale e chiusura delle frontiere. Con empatia, pragmatismo e coraggio ha fermato il covid-19, sconfitto la destra populista e vinto le elezioni. Bruno Ferraro, da Auckland, ritrae Jacinda come una leader che può dare una lezione magistrale ai politici occidentali su come gestire una crisi.

. . . detto tra noi sono solo un brigante, non un .....
. . . non immaginerebbe mai.
Ho sentito un "uccellino" .....
. . . si assuma la responsabilità di esporsi con nome .....
Delle idee di questa signora non mi interessa granchè. .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Marco Galice, insegnante
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Poste Italiane comunica
none_a
Primo corso online di scrittura per la scena
none_a
San Giuliano Terme
none_a
A breve in libreria
none_a
di Lorenzo Tosa
none_a
Per effetto del DPCM del 3 novembre 2020
none_a
Quarantesimo della morte del Cav. Vittorino Benotto
none_a
Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 14 novembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


Prima strillano che va riaperto tutto, contestano l'emergenza, negano la pandemia, gridano al complotto! . . . poi, QUANDO ESPLODE LA SECONDA ONDATA, .....
E' semplice: positivo al 1° e 2° tampone. . dopo 21 gg la asl mi dà la liberatoria. Al 23° giorno, per mio scrupolo, e da privato. . effettuo 3° .....
…e tutto partì da Avane!
GUT, quelli che non si fermano mai!

16/11/2020 - 9:41


Sabato, alle ore 21.06,  Giacomo Barsanti, poeta cantore del Gruppo ‘Urtura Toscana (G.U.T.), scrive una mail agli associati, dei quali anch’io faccio parte:
Meno di tre ore alla seonda zona rossa dell'era covidiana. Pronto lo spumante? Momenti storici ragazzi, e son toccati a noi.
Che culo!
Dopo una mezz’oretta, alle 21.46, Tiziano Consani di Castelmaggiore, anch’egli gran rimatore, risponde:  
Pòrdo dice di stappà 'na bottiglia di vino bòno a la salute di tutti noiartri! E di disinfettassi le mane col la grappa di vinaccia de la Vignaccia di Treccolli! Bòna e statemi tutti  benone parecchio assai.
È tardi, si va a letto aspettando la storica giornata rossa, più potente dell’armata!


Domenica mattina, Enrico Pelosini, un big del gruppo, alle  9.29 scrive:
TANT'AGURI

Amici con l'ottava vi saluto

La scrivo mentre sono a defecare

Al giorno novo dare il benvenuto

È cosa che ritengo salutare.

Bisogna sta' attenti allo starnuto

Perché occhi ti vanno a scrutare.

Ha rotto i coglioni. Se ne vada via

Questa vigliacca e stronza pandemia


Non sappiamo per quali motivi trattengano uno dei più forti “ottavarimisti” del GUT, Stefano Benedetti, che “solamente” alle   10.29 risponde all’amico:
Saluti a tutti i recrusi.


Stamani a scende giù da casa mia
Arivo ‘n fondo e vedo San Giuliano
Appena fermo ll’auto ar crocevia 
Un vecchio zoppo mi porge la mano
E penso certo sordi un ni do’ mia
Ma lui mi viene ar vetro ‘ontromano 
Ni do un euro e lui mi fa un inchino
Mi dice la miseria un c’ha r vaccino!
 
Il Pelosini abbocca e contrattacca alle 10.35:
 
Mi si impone ora di precisare
L'impulso non nasce dal messaggio
Ho acceso il cellular prima del fare
Ed ho colto vostro scritto saggio. 
Così mi so 'messo a improvvisare
Ricordando Calisto vecchio saggio. 
"cose importanti mai dei dimenticare. 
Ma necessario è sol il cacare.
 
Stefano è in moto e non lo fermerà più nessuno e alle  10.57 risponde:
 
Amico Pelo leggo il tuo rimare
E m’immedesimo nella tenzone
Vorrei in maniera degna replicare
Vorrei citar Petrarca e la Canzone
Oppure il Sommo Dante scomodare
E meditar la tua affermazione 
L’ottava tua che cachi e’ rima grande
Attento a un lascia’ scritte le mutande.
 
Non ci sono solamente Rimatori nel GUT, ci sono anche agguerrite “Rimatrici”, come Manuela Marcantelli  che, alle 11.16, interviene:
 
Che leggiadria ad oggi qui s’espande
Con argomenti d’arte quotidiana
Ma ‘un sembran certo odori di lavande
Quelli che giungon dall’area pisana
Nel loco ove tu sei ti fai domande
Su questa pandemia di razza umana
S’è meglio improvvisare anche sui cessi
Oppure sta’ a conta’ mali e decessi
 
E Giacomo? C’è c’è, e alle 11.34 spara:
 
Io dio che si voglino fa fessi
Con tutte este colorate zone
Un lo vedete ome semo messi
Ora c'è libera defeazione
Ma a caà un zaremo più li stessi
Ci vorà l'atocertifiazione
Ragazzi un ci si leva più le zampe
Speramo pellomeno he vinca Trampe
 
Stefano ha il fucile carico e spara alle  11.44:
 
A senti r nome già mi vien le vampe
Ed a pensa’ ar colore delle zzone
Vi dono quest’ottava alle stampe
E voglio esse bello vorgarone
E Dio me ne liberi e me scampe
Di vesta invero brutta situazione 
Se siamo nella merda a buo punzone
Voglio morì solo in zona marone!
 
Il Pelosini fremeva già di suo, ma ora, 11.47, parte all’attacco :
 
Che leggo? Tu voi che vinca Trumpe
Spero sia ironia caro Barsanti
Diritti calpestati con le zampe
Ancora conta i voti che un so' tanti.
Se dura ancor L'america si rompe.
Hai perso! Te lo sai un ci so' santi!
Lui è lì che sempre strepita e piange
Io tra poco divoro le lasagne
 
Giacomo non accetta e risponde alle 11.54:
 
Lo sai in lucchesia os'è r marone
E' quell'aggeggio per levà r bottino
Qui di bottino sai ce n'è un bidone
Com'è Bidone in Usa ir figurino
Ma Pelo un lo vede ir trappolone
Eppure basta un po' vedé di fino
Bidonen da chi è stato finanziato
Ce l'han messo per rovinà ogni stato
 
5 minuti e, esattamente alle 11.59, rientra Manuela:
 
O che ti metti a di’ un fa’ ir coglione
Se voi ti spiego  tutto con gran cura
Ti dio perché ir Barzanti ha l’opinione
Ed è perché der virusse ha paura
E sorte allora la provoazione
Per dare alla su’ fifa un po’ di stura
Lui fa l’alternativo e quello dotto
Pe’ un confessa che lui si caa sotto
 
Tutti gasati al massimo e G.B,  12.04, riribatte:
 
Per ora io son crudo e no cotto
Si vede Manuela un lo apisci
Rifretti nell'ottava tua di botto
Nder mentre ir tu discorso vi condisci
Ti dio allora io val'è r mi motto
Così che te armeno la finisci
Dio ar popolo se se n'è accorto
Chi ha paura di morì è già morto
 
Tomo tomo, quatto quatto, come diceva Totò, Lorenzo Gremigni Francini, alle 12.16, intervienecon:
 
Di virusse ner mondo ce n’è tanti 
Di bischeri però ce n’è di più
Dovrebbero incontrassi l’uni e l’antri
E ‘r mondo sortirebbe un ber bigiù
Ringrazio questi amici poetanti
Mi ci levo ‘r cappello ‘n su e ‘n giù
Scuserete l’ottava da badessa
Ma so appena tornato dalla Messa
 
Stefano stava ungendo il fucile e, alle 12.18, spara una bordata:
 
Infatti da stamani un si fa motto 
e cala anco la urva der contagio 
Er virusse sembra e sia ridotto 
Ed covidde ha avuto un ber presagio
Ir vibrione s’e caato sotto
Er mondo s’aspettava esto presagio
R motivo si domandano gli astanti
Lui ha paura d’infetta’ r Barzanti!
 
E il grande “Barzanti”, tre minuti, alle 12.21:
 
Caro Stefano stavorta un m'incanti
Un pol'esse che r virusse sia io
Io sono l'incantevole Barsanti
Grande e grosso vant'è vero iddio
Ir culo lo farò a tutti vanti
Io li manderò tutti ndell'obrio
Virusse ce n'è uno e quello sia
L'eterno virusse della poesia
 
E l’anch’esso grande Stefano, tre minuti, 12.24, per finire la mattinata:
 
A me di mori’ paura ho mia
ormai la natura un m’interessa
Il fato sopraggiunga e così sia
La mi moral resta indefessa
Un m’interessa più nemmen la fia
Ma una osa sol mi resta mpressa
La morte se mi vien la prendo a rutti
E voglio anco manda ffanculo tutti.
 
 Queste le ottave straordinarie che si sono scambiate gli amici per scongiurare il maledetto isolamento al quale sono, siamo, sottoposti, ma basta poco(!) per avvicinarsi: ironia (facile), un computer (facile), tempo (facilissimo- non manca) ed estro che quello non è da tutti!
Grazie GUT (alla pisana) e Gut, alla tedesca!
Ora sono andati a pranzo ma ritorneranno nel pomeriggio, dopo il ponce allora!
 


+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




16/11/2020 - 23:02

AUTORE:
Spettatore

ma con me tu perdi.....vorrei segnalare a lor signori rimatori a braccio, se già non la conoscono, e comunque ai lettori di queste righe la sfida in versi fra il Guercio e Remito raccontata da Roberto Benigni...altra categoria
https://www.youtube.com/watch?v=H9hmr_06ZX0&ab_channel=BruceCarletto

16/11/2020 - 13:26

AUTORE:
Stefano

Un bèr grazie di ‘òre a Giàomo ‘r Barsanti per avémmi ‘nserito tra ll’indirizzi der GUTte. Nun so scrìve’ ‘n ottave ‘ome vói, ma mi diverto ‘n casino a lèggevvi. E che ‘r Covìdde (o Còvidde) vadi a ffà’ ‘n culo.

16/11/2020 - 10:49

AUTORE:
Loetitia

Grande rimatori, che bello mi colorate una quarantena con colori autunnali. Non so rimare come voi del GUT ma vi leggo con delizia.