none_o

 

 

 

Cronaca della prima regata dell’America’s Cup, tra un Forza Italia e un Forza Nuova Zelanda, con disappunto del nostro corrispondente sul giro di miliardi spesi in una gara in cui la vela non c’entra niente; ecco quindi, per contrasto, il riferimento al Maori e alla sua antica canoa. E poi la polemica: i monoscafi volanti sono ancora barche a vela?

. . . . . . . . . . . . di San Frediano vincitore .....
I M5S e le destre ci vogliono divisi.

E’ certo .....
. . . la stima verso se stessi lascia il tempo che .....
. . . devo ringraziare l'amico Beppe di T. che stamattina .....
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


. . . che restano nel porto per paura
che le correnti le trascinino via con troppa violenza.
Conosco delle barche che arrugginiscono in porto
per .....
Fra uno ( leghista ? ), che parla di mercato delle vacche di Conte, come se il centrodestra non l' avesse mai fatto, ricordate Scilipoti e altri, e .....
La nuova pubblicazione di MdS
“VALERIE”
di Maria Cristina Impagnatiello

4/12/2020 - 16:43



“Valérie” di Maria Cristina Impagnatiello (MdS Editore)
 
Presentazione  in diretta streaming Domenica 13 dicembre h. 19:00 
 
Pur condizionata e in parte limitata dall’emergenza sanitaria e dalle relative misure di contenimento, che hanno imposto una profonda revisione del calendario delle uscite del 2020, non si arresta l’attività della casa editrice MdS, che fra pochi giorni darà alla luce la nona pubblicazione dell’anno, il romanzo Valérie della scrittrice, pugliese d’origine ma pisana d’adozione, Maria Cristina Impagnatiello.

 
Una storia, quella raccontata nel libro, che prende le mosse dalla decisione di una ragazza pugliese di lasciare Otranto e trasferirsi a Roma per provare a fare l’attrice, e figlia di una vera e propria illuminazione, come ci racconta la stessa autrice.

 

“Da tempo – racconta infatti Impagnatiello - avevo in mente i personaggi principali e il desiderio di dare un'ambientazione “teatrale” alla storia, ma l'idea che costituisce il cuore della narrazione, ossia quella dei piccoli cambiamenti fisici che si manifestano sul corpo della protagonista man mano che studia nuovi ruoli teatrali percepibili solo dal suo compagno, mi è balenata in mente per caso, proprio come una lampadina che si accende”.


La Puglia, la passione per il teatro, quella per la scrittura; nella trama si rintracciano molti elementi che sembrano provenire dalla biografia stessa dell’autrice, che tuttavia conferma solo in parte questa suggestione.

 

“Ci sono molti elementi che prendono ispirazione dal mio vissuto – spiega - ma solamente nella loro origine. Mi riferisco proprio all'esperienza teatrale e al contesto geografico pugliese che senza dubbio mi appartengono, ma che poi vengono sviluppati indipendentemente attraverso i personaggi, che una volta nati hanno assunto vita propria.

Di veramente autobiografico c'è solo un elemento: i sogni che via via vengono raccontati.

Del resto ho voluto che la voce narrante del romanzo fosse quella di un uomo anche per segnalare un grado di separazione in più rispetto alla mia vicenda personale”.


Un romanzo, quello di Impagnatiello, che arriva a tre anni di distanza dal debutto con “La strega bambina” (edizioni ETS) e che segna una evoluzione da un punto di vista stilistico e narrativo.


"Nel primo romanzo ero come in mare aperto, incerta su quale direzione prendere e sempre alla ricerca della sponda più vicina dove poter attraccare. – ci confida l’autrice - È stato emozionante, inaspettato, intimo, come lo sono tutte le prime volte.

Questa volta conoscevo già la rotta e mi sono goduta la navigazione, sentendomi meno in balia dei marosi, per così dire”.


Marosi, intemperie, se non addirittura tempeste che certo non saranno mancate in un anno così particolare.

“A livello personale non è stato facile – racconta Impagnatiello - circondati come siamo dall'incertezza costante per il futuro.

Ma, come sempre è accaduto nella mia vita, la scrittura è stata per me un mondo in cui potermi rifugiare e nel quale la realtà viene messa alla porta.

Mi ha aiutato, quindi, a superare questi mesi difficili e mi ha offerto, per qualche ora ogni giorno, la possibilità di evadere in un universo parallelo che io stessa ho costruito”.
 
Un universo che tutti noi potremo esplorare fra pochi giorni e, in particolare, a partire da domenica 13 dicembre alle 19:00, quando, in diretta streaming dalla pagina facebook di MdS Editore, ci sarà la prima presentazione del romanzo con la partecipazione, oltre che dell’autrice, di Fabrizio Bartelloni, editor del testo e curatore della collana Cattive strade, e della scrittrice Sara Ficocelli che ha firmato la prefazione. 
 
IL LIBRO 
Cosa succede quando un attore è sul palco?

Che cosa lo spinge a indossare, sera dopo sera, spettacolo dopo spettacolo, panni, costumi e toni che non sono suoi?

È forse il desiderio di diventare, anche solo per due ore, una persona diversa?

Di sicuro è questo che induce Valeria a trasferirsi da Otranto a Roma per studiare recitazione, trascinando con sé Daniele, il ragazzo di dieci anni più grande che lei “ama anche se ancora non lo sa”, e che sarà soggiogato e travolto dall’iridescenza di personaggi e personalità che trasformerà a poco a poco il corpo stesso della ragazza.

Come se ogni ruolo lasciasse un segno del suo passaggio, Daniele inizia infatti a notare dettagli prima sconosciuti, piccole variazioni apparentemente percepibili soltanto da lui in Valeria,  divenuta nel frattempo Valérie in nome di un’arte ormai confusa con la vita, che lo obbligheranno a una sofferta indagine, sospesa fra un passato rimosso eppure fiammeggiante e un presente intenso e a tratti indecifrabile, sulla propria e sull’altrui identità.
 
L’AUTRICE 
Maria Cristina Impagnatiello, pugliese d'origine e pisana d'adozione, ha iniziato a scrivere a dieci anni, complice una Olivetti verde oliva regalatale dai suoi genitori.
Laureata in Letterature e Filologie Europee all'Università di Pisa, ha pubblicato finora vari racconti con MDS Editore e per le Edizioni Il Foglio e ha pubblicato il suo primo romanzo “La Strega bambina” con Edizioni ETS.

Fa parte della compagnia teatrale “Teatro Studio”.
Vive spesso di sogni, e a volte i suoi sogni diventano realtà.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: