none_o


Collegandoci ad un precedente pubblicato sulla Voce nell’ottobre 2017, riguardante la casa che ospitò a Marina di Vecchiano, i marinai incursori della X Mas, casa e annesso che versano nel più grande totale abbandono ormai da moltissimi anni, senza che nessuno faccia qualcosa, vorremmo riproporre una domanda, tenendo di conto di una serie di fatti noti ed acclarati.

Negli ultimi tempi, quando ancora le restrizioni non .....
Se il governo non prende la guida totale delle vaccinazioni .....
. . . del Socialcomunismo🤔 alla sanfredianese😎🧐🤓🙃😂 .....
Qualcuno era Comunista perché Berlinguer era una brava .....
VECCHIANO E' VOLONTARIATO
#TANTIFILIUNASOLAMAGLIA


2 associazioni che vedono le donne protagoniste di molte iniziative e attività, in modo discreto e silenzioso. Un'operosità importante per tanti in maniera diretta, e indirettamente per tutta la comunità, perchè la loro presenza è un monito importante per tutti a non girare la testa e a non restare indifferenti. 

VECCHIANO E' VOLONTARIATO
#TANTIFILIUNASOLAMAGLIA


E’ compito di tutti battersi per salvare l'ambiente e rendere la terra un posto migliore per le generazioni future.

VECCHIANO E' VOLONTARIATO
#TANTIFILIUNASOLAMAGLIA


«Nemo Separet Quod Musica Conjunxit» 
(Nessun separi ciò che la musica ha unito)

Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Alessandro Trocino
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
"Dante, una terzina per volta"
di Stefano Benedetti
none_a
Domenica 11 aprile ore 19.15
none_a
Libreria Civico 14, Marina di Pisa
none_a
RAI Storia, 5 aprile
none_a
"Bruno Pollacci fotografo"
none_a
Terza moglie del nonno dell'ex presidente
none_a
Migliarino Volley
none_a
Accordo di tre anni raggiunto con la società
none_a
Migliarino Volley
none_a
La forza di Elisa, l’avvocata-pugile
none_a
l accompagnai al suo portone
A passi lenti ed ingombranti
Senza quei baci ne un saluto
Già la sentivo più distante

Con nessun gesto né emozione
Il .....
Fra uno ( leghista ? ), che parla di mercato delle vacche di Conte, come se il centrodestra non l' avesse mai fatto, ricordate Scilipoti e altri, e .....
none_o
Hola Diego
di Ovidio Della Croce

6/12/2020 - 11:23

FINALMENTE DOMENICA!
 
Il 2020, così assurdo e imponderabile, per i linguisti dell’Oxford English Dictionary è un anno indefinibile e non avrà una parola simbolo. Ai professori inglesi evidentemente è sfuggito l’inizio di Propaganda Live di venerdì 27 novembre:
 
“Quest’anno continua a essere un anno di merda, si può dire tranquillamente, proprio così, lo dico proprio piatto, perché ormai no… voglio dire, siamo così, siamo che è morto il più grande di tutti e, niente, insomma è una notizia, è difficile prescindere da quanto è successo… che era l’altro ieri? neanche mi ricordo più… sì, mercoledì di pomeriggio: Diego Armando Maradona non c’è più, Diego Armando Maradona ci sarà per sempre, mi sento di dire la più grande delle  banalità, ma è la cosa più giusta da dire”.

Così Diego Bianchi ha aperto Propaganda Live. Con le feste che s’avvicinano, non ne parliamo, che tristezza… una delle poche cose allegre che mi può capitare è il Capodanno 2021 con Propaganda Live!
 
Non pensavo che anche uno atifoso come me, con una memoria calcistica in bianco e nero (da ragazzino i miei idoli erano “l’angelo dalla faccia sporca” Omar Sivori e “il gigante buono” John Charles) si commuovesse e partecipasse al compianto di milioni di persone per Diego Armando Maradona. Forse perché io mi faccio commuovere dalla commozione pacifica degli altri, dalla serie sono felice quando gli altri sono felici e il contrario. Io, per me sono già convinto di questa risposta.
Se poi riguardo il riscaldamento con le scarpe slacciate sulle note di Live is life nella partita contro Il Bayern di Monaco, che dire?  Be’, per gli acalcio come me (però da ragazzetto giocavo benino) basta questo balletto… na na na na na…
 
Guardando un film, anche leggendo gli articoli che sono stati pubblicati sui giornali e sul web in questi giorni alla fine ho pensato qualcosa che non avevo capito prima di Diego Armando Maradona.  
 
Il film che ho visto è il documentario Maradona by Kusturica, presentato nel 2008 fuori concorso al Festival di Cannes e trasmesso nel corso della trasmissione Atlantide sulla 7 mercoledì 25 novembre, giorno in cui Maradona è morto, lo stesso in cui è morto (quattro anni prima) l’amico Fidel Castro. Intanto ho capito che Maradona ci ha insegnato a sognare. “Ho due sogni: il primo è giocare un Mondiale, il secondo è vincerlo”. “Salir campion”, è il sogno di Diego ragazzetto in bianco e nero che gioca nel fango, padre operario e madre casalinga. “Sono cresciuto in un quartiere povero di Buenos Aires. Un quartiere senza acqua, senza luce e senza telefono.” “Mi resi conto solo da grande che a mia madre, quando vedeva che non c’era da mangiare, veniva mal di stomaco. Non era mal di stomaco, volevamo che mangiassimo noi.”
 
Quella ragazza che ti piace e vorresti baciare, ti bacia. Non riesci ad arrivare in porto con gli studi, e ce la fai a pieni voti. Hai un ideale dentro di te, lo porti avanti e si avvera. Ti senti triste, e incontri qualcuno che ti fa giocare e ti rallegra. Non hai mai vinto niente in vita tua, ecco il tuo riscatto e sei primo. Maradona arrivò al Napoli nella stagione 1984/1985 e, come succede a Macondo in Cent’anni di solitudine, la realtà fu a un passo dalla fantasia. Tra il mondo reale e quello immaginario, nel romanzo di Gabriel Garcia Márquez, c’è uno scarto minimo. Ogni domenica Maradona faceva vedere cose che sembravano impossibili, stava in campo non come uno super allenato che lo fa per mestiere, ma come un poeta o un artista, gioca come un ragazzino pieno di talento che si diverte e gli capita di fare qualche miracolo col pallone. Le vittorie del Napoli negli anni che seguirono (due scudetti, coppa Italia, coppa Uefa), mi pare chiaro, contribuirono a rendere allegra la gente e ad alimentare i sogni di un futuro migliore nei ragazzi come Diego. Se qualcuno era bravo il complimento era: “Sei come Maradona.” Però se qualcun altro avesse fatto il gradasso e fosse stato un millantatore arriva il rimprovero: “Oh, calmati, chi ti credi di essere… Maradona?” Ecco, per farcela devi sognare e inseguire il tuo sogno per tutta la vita. Senza montarti la testa.
 
Nell’articolo che ho letto, Il mito ribelle che donò la felicità alla mia infanzia di Roberto Saviano (la Repubblica, 26 novembre 2020) mi ha colpito un passo che si vede anche in una scena del film di Kusturica. Il padre di un ragazzino malato chiede a Maradona, appena arrivato a Napoli, alla metà dei suoi anni Venti, di giocare una partita di beneficenza ad Acerra per raccogliere fondi per far sì che suo figlio possa fare un’operazione per salvarsi la vita. “Ferlaino, il presidente, non acconsente alla richiesta e Maradona paga una clausola da 12 milioni di lire nell’85 e gioca in questo campo di patate, fangoso dicendo: Si fottessero i Lloyd di Londra, io gioco lo stesso”.
Corrado Ferlaino aveva paura che i giocatori si infortunassero (specialmente Maradona) e poneva problemi assicurativi. Maradona era figlio del popolo, conosceva la sofferenza e la fatica di vivere, pagò la penale all’assicurazione. La partita si giocò, c’era tanta gente e tanti bambini che non erano mai stati allo stadio San Paolo di Napoli. Nel film si vede il riscaldamento dei giocatori del Napoli in un parcheggio fangoso. Maradona, per scaldarsi, si muove come un pugile e tira pugni nell’aria, poi si fa una foto con dei bambini. Comincia la partita. I fondi erano stati raccolti, agli spettatori era bastato vedere Maradona, a Maradona sarebbe bastato giochicchiare. Macché. Diego non fece la differenza tra un’amichevole in un campo fangoso e una finale al Maracanà, giocò come era abituato a fare da piccolo, correndo nel fango, scartando gli avversari, fece una finta per mettere col culo a terra il portiere e segnò un gol dei suoi con scivolata nel fango. Frase celebre di Maradona: “Se stessi con un vestito bianco a un matrimonio e arrivasse un pallone infangato, lo stopperei di petto senza pensarci”. Era come ritornare nel fango in cui era nato.
 
Maradona è stato anche vizi, eccessi, escort, alcol, cocaina, che è la parte più triste della sua vita. La Camorra conosce le sue debolezze, gli fornisce il veleno e lo tiene in scacco. Scriveva Borges: “Ho commesso il peggiore dei peccati / che possa commettere un uomo. / Non sono stato / felice”.
Nelle mie solitarie passeggiate sui Monti Pisani ho incontrato un giovane escursionista di Recanati che si è trasferito a San Giuliano. Al pensiero che veniva dal paese di Leopardi ho detto: Bello! E lui: Leopardi era triste. È la considerazione che facevano i miei studenti, e io non avevo una risposta pronta, ora ce l’avrei: Anche Maradona… Maradona è stato un eroe triste. Siccome il calcio è bellezza, come la poesia, abbiamo avuto la fortuna di vedere un frammento di bellezza, come se avessimo visto Leopardi che scrive L’infinito. Certo, quel gol di mano non è poetico, se mai astuto, ma l’errore è dell’arbitro. “Morreu un deus imperfecto”, ha titolato Público.

C’è una curiosa autointervista con un Diego in giacca e cravatta che intervista Diego in maglietta (rintracciabile sul sito Internazionale.it, 25 novembre 2020, Diego Armando Maradona, lo specchio dell’Argentina).
Diego in giacca e cravatta chiede al Diego in maglietta di cosa si fosse pentito.
“Di non essermi goduto le mie figlie che crescevano, di essermi perso le loro feste… Mi dispiace di aver fatto soffrire mia madre, mio padre, i miei fratelli, coloro che mi amano. Mi dispiace di non aver potuto dare il cento per cento nel calcio perché con la cocaina ho dato vantaggi agli altri. Non ottenevo vantaggi, li davo agli altri.”
Diego in giacca e cravatta chiede al Diego in maglietta di dire qualche parola quando sarebbe arrivato il giorno della sua morte.
“Cosa gli direi? Grazie di aver giocato a calcio, grazie di aver giocato a calcio, perché è lo sport che mi ha dato più gioia, più libertà. È come toccare il cielo con le mani. Grazie al pallone. Sì, metterei una lapide con su scritto: grazie al pallone”.
 
Maradona era genio e sregolatezza, è inutile dire ma se non avesse fatto quella vita di eccessi e dipendenze... Probabilmente la sua sregolatezza era parte del suo essere genio. Era mancino, giocava con la sinistra, che “secondo il Piccolo Larousse significa il contrario di come si deve fare”, osserva Eduardo Galeano. Io non so dire se era il più grande di tutti, dico solo che nella mia personale classifica romantica, che comprende anche Mané Garrincha, Diego Armando Maradona è il Numero 1.

Potrei finire qui, ma è troppo bello l’omaggio di Makkox per Diego che tento di riassumerlo, è meglio vederlo sul sito de LA7. Il cartoon dura due minuti. Titolo: Numero D’10.
 
Maradona è in cielo e si prepara a battere una punizione. Dio è il portiere, dispone la barriera e mette un uomo, Sebastiano come al solito trafitto di frecce, sul palo.
Dio vuole qualcuno sdraiato in barriera, perché quello tira sotto la barriera.
In barriera Gesù si mette le mani davanti e un angelo gli dice: “Perché ti proteggi con le mani lì?”
Gesù: “Lascia perdere… voi angeli non potete capire”.
Maradona tira… Una voce: “Famose a croce.”
La palla sorvola la barriera.
Gesù: “Lui non le ha mai evitate le barriere, ha sempre provato a saltarle.
ZOW… Dio rimane con le mani in mano. SCIUN! La palla si infila nell’incrocio sinistro della porta.
Dio:” Dai, Diego, mi dici come fai?”
“Ah ah ah… nessun segreto è questione di gioia e di allenarsi tanto… tipo, palleggiare con un frutto, così.”
“Ma quella è una mela! Non hai preso mica una delle mie mele?!”
Maradona corre sul campo con la mela al piede e Dio lo insegue urlando: “Corri, corri, tanto te la tolgo!”
“Eh eh… dite tutti così…” “Te la tolgo quella faccia da schiaffi…” Te lo tolgo quel vizio…” “Te la tolgo quella palla…” “… Ma dovete prima arrivarmi”.
E corre tra le nuvole calciando la mela rossa.
Si vede di spalle, con la maglia azzurra Numero D’10.

Fonte: ILLUSTRAZIONE: CHRISTIAN DELLAVEDOVA
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

12/12/2020 - 12:05

AUTORE:
Ovidio DC

Questo mio grazie a tutti e tutte per i commenti che avete scritto capita il 12 dicembre, a 51 anni dalla strage.
Qualcuno ricorda la ballata di Pinelli?
"Quella sera a Milano era caldo. / Ma che caldo che caldo faceva. / "Brigadiere apra un po' la finestra. / E ad un tratto Pinelli cascò."

10/12/2020 - 15:16

AUTORE:
Ultimo

............ che non dimenticheremo. ........ Grazie Pablito. ........... Ultimo

10/12/2020 - 14:15

AUTORE:
Maglia Azzurrra

Questo 2020 è proprio come ha detto Diego Bianchi. È morto anche Paolo Rossi, il campione del Mondiale 1982, simbolo della Nazionale. Ciao “Pablito”, lo chiamano tutti così, ma a me piace di più Paolo, un nome comune. Grande Paolo, riposa in pace.

9/12/2020 - 19:15

AUTORE:
Raffaele

Grazie Ovidio,
Sempre piacevole leggerti.
Hasta siempre Diego!

9/12/2020 - 11:44

AUTORE:
Patrizia

Anch'io come te, alla morte di Maradona, mi sono commossa fino alle lacrime. Più leggevo e sentivo parlare di Diego Armando e giù lacrime copiose; sarà come dici tu che la commozione globale ti si appiccica addosso; includiamo anche il momento che stiamo vivendo che rende tutti noi vulnerabili e assai emotivi.
Non rinnego i miei pianti, ma tra una lacrima e l'altra, mi è venuto in mente la poesia Il 5 Maggio, ed esattamente il verso in cui, Manzoni dice: "Cadde, risorse e giacque". Ecco questo mi è girato per la testa.
Non sapendo niente di calcio, ma leggendo e vedendo quanto accadeva nel mondo, ho preso in considerazione l'uomo Maradona, mi piace, mi piace molto, al netto dei suoi errori che non giudico, apprezzo la generosità e l'umanità di chi non dimentica da dove è venuto. Tutto il resto non ha per me alcun interesse, solo l'uomo al centro.

7/12/2020 - 16:16

AUTORE:
Andrea

Confesso che mi sono emozionato anch’io per la scomparsa di Maradona, non il calciatore che sta nell’Olimpo del calcio, dell’uomo Maradona lottatore indomito contro i poteri forti ed emblema del riscatto di milioni di poveri latinoamericani e del Sud Italia oppresso e arretrato contro il Nord opulento e moralista che ha sempre guardato Napoli e il meridione dall’alto in basso.
Rimpiango più l’uomo che il campione inarrivabile.
Basta fare un giro ai quartieri spagnoli perfetta metafora di tutti i poveri e gli emarginati.
Un uomo ribelle e coraggioso che ha commesso errori, ma che ha sempre pagato in prima persona senza nascondersi dietro le ipocrisie. Un uomo forte che si è sempre rialzato con sacrificio e determinazione ogni volta che è caduto. Perché, come diceva un altro personaggio eccezionale quale Mohamed Alì: non importa quante volte finisci al tappeto, l’importante è rialzarsi ogni volta.
Che la terra ti sia lieve Diego

7/12/2020 - 13:30

AUTORE:
Antonio Ceccherini

bello il tuo Hola Diego, complimenti!
A presto!

7/12/2020 - 11:46

AUTORE:
Antonietta Timpano

Mi è dispiaciuto apprendere la notizia della morte di Diego Armando Maradona, ma non seguo il calcio per scelta quindi le sue prodezze non mi hanno mai fatta giubilare o gioire.

Apprendo qualche dettaglio in più sulla vita di Maradona mentre leggo il tuo articolo, che mi è piaciuto molto. Mi ha sensibilizzato sulla vita del personaggio.
Il tema che mi colpisce di più dell'articolo è quello della tristezza e del conseguente 'naufragio' di Diego.
Nell'articolo accosti la tristezza del campione argentino a quella di Leopardi, mentre citi un tuo ex alunno.
In un scritto di Massimo Gramellini ,ricordo di aver trovato un accostamento tra Ungaretti e Leopardi.
Ungaretti si ispira a 'L'infinito' per l'opera 'Allegria dei naufragi'.

"E subito riprende
il viaggio
come Dopo il naufragio Un superstite
Lupo di mare".

La parola Naufragio è accostata implicitamente a energia, perché Leopardi attraverso di esso naufraga nell'infinito, come fosse la reale forma di piacere e Ungaretti parla di 'ripresa del viaggio, perché , dopo un naufragio,
il lupo di mare, riemerso dall'abisso, riprende il viaggio energicamente.

Diego Armando Maradona, molto più del Leopardi, mi fa pensare a un naufrago che non ha saputo gioire per i vari 'scampati pericoli' nel corso della vita e che è rimasto sempre naufrago, senza casa, senza porti sicuri, 'senza sterzo', come direbbe la nostra Antonella citando Nonna Gipa.
Non da giudicare quindi ma da accogliere nelle sue fragilità con umana empatia. Che la terra sia lieve a lui come a tutte le vittime del Covid 19, inclusa la staffetta partigiana, co-fondatrice de 'Il Manifesto' Lidia Menapace, morta poche ore fa.

6/12/2020 - 16:20

AUTORE:
Cristina

Leopardi non era triste.

Quando ho letto lo Zibaldone mi ha colpito un passaggio: “Terribile è la potenza del riso, chi ha il coraggio di ridere è padrone degli altri, come chi ha il coraggio di morire”.
Ho sempre pensato che chi scrive una frase così non può essere triste, è solo uno che a un certo punto si è arreso.
Forse neanche Maradona era triste, però l’impressione è che a un certo punto si sia arreso anche lui.

Amo moltissimo Borges. La prima volta che ho letto l’Aleph sono rimasta affascinata. Un racconto in particolare, la casa di Asterione, forse in assoluto il mio preferito.
Il mito che conoscevo mi restituiva l’immagine di un personaggio potente, idolatrato, superbo, invincibile.
Borges lo ribalta e l’effetto è disturbante.
Il suo Asterione è stanco, solo, abbandonato da tutti. Vaga in una casa immensa, che ormai è la sua prigione, un labirinto dal quale non ha neanche più voglia di uscire.
Aspetta la fine, come una liberazione. Si è arreso, prima ancora della fine.

“Lo crederesti, Arianna?” disse Teseo “Il Minotauro non s’è quasi difeso”.