none_o

Nei giorni 26-27-28 aprile verranno presentati manufatti in seta dipinta: Kimoni, stole e opere pittoriche tutte legate a temi pucciniani , alcune già esposte alla Fondazione Puccini Festival.Lo storico Caffè di Simo, un luogo  iconico nel cuore  di Lucca  in via Fillungo riapre, per tre mesi, dopo una decennale  chiusura, nel fine settimana per ospitare eventi, conferenze, incontri per il Centenario  di Puccini. 

#NotizieDalComune #VecchianoLavoriPubblici #VecchianoSport
none_a
Pisa, 17 marzo
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
. . . la merxa più la giri, più puzza e te lo stai .....
. . . camminerebbe meglio se prima di fare il tetto .....
Ad un grosso trattore acquistato magari con l'aiuto .....
. . . che su questo ci intendiamo. Sai qual è il .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
di Ottavio Ottibi Baldi
Il parere di Heather Parisi e risposta di Roberto Burioni

27/12/2020 - 9:15

“Io e la mia famiglia non faremo il vaccino, non è sicuro, sono perfettamente consapevole che per questa scelta sarò derisa, attaccata, emarginata e che molti, in assoluta malafede, mi definiranno novax” ha detto Heather Parisi. Intanto bene Roberto Burioni: “più che ad essere attaccata se non fai il vaccino preoccupati se ti ammali e ti attacchi al tram”.

Poi direi alla mia amata Heather che la sicurezza dei vaccini non può stabilirla lei, non è un passo di danza. C’è una sperimentazione rigorosissima e poi è l’agenzia europea per i medicinali, l’Ema, a stabilire se un vaccino è sicuro.

Infine un’ultima considerazione, cara Heather, al mondo non esistete soltanto tu e la tua famiglia, che fortunatamente potrete scegliere se vaccinarvi, ci sono i neonati, i pazienti immunodepressi, chi è sotto chemio e i sieropositivi, impossibilitati ad essere vaccinati.

Per mettere al sicuro le loro vite è necessario interrompere la catena dell'infezione, quindi un gran numero di appartenenti alla popolazione deve diventare immune, si chiama immunità di gregge. Si raggiunge grazie ad una vaccinazione di massa.

Cara Heather, come diceva Sciascia: “dovresti riflettere molto prima di pensare”. Per fortuna, nonostante l’irresponsabilità di certe affermazioni, presto cominceremo a vaccinare anche in Italia.









+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

27/12/2020 - 16:00

AUTORE:
Mario

Ecco un'altra esperto di medicina come i no-vax.
Io ci vedo molto egoismo in questi atteggiamenti, mettere se stessi al centro del mondo senza preoccuparsi degli altri. Quegli altri, non sani come loro, che il vaccino non possono farlo per malattia o altro.
Sono prorpio i cittadini in buona salute che devono vaccinarsi anche per coloro che non lo possono fare. Un'idea di civiltà ed umanità che in alcuni cuori stenta ad arrivare e in cui prevale l'egoismo e l'individualismo.