none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . mia nonna aveva le ruote era un carretto. La .....
. . . la merda dello stallatico più la giri più puzza. .....
. . . ci siamo eruditi, siamo passati da Rametti a .....
Ripetere 1000 volte la verità assoluta dei fatti con .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per scrivere alla rubrica: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Tirrenia, 17 giugno
none_a
di Alessio Niccolai con Alma Pisarum APS
none_a
Villa di Corliano, 27 giugno
none_a
Pugnano, 22 giugno
none_a
Tirrenia, 15 giugno
none_a
Le cose andrebbero meglio
se non bene
se si procedesse
tutti quanti insieme. . .
rispettando modi, tempi, capacità
valorizzando le competenze .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
di Matteo Bagnoli FdI Pontedera
Troppi debiti e nuova discarica: il Comune di Pontedera così non va!

1/1/2021 - 20:09

Troppi debiti e nuova discarica: il Comune di Pontedera così non va!
 
Durante l’ultimo Consilgio comuanale del 2020 è stata fatta l'illustrazione di un bilancio di previsione lunga tre ore cercando, da parte dell’amministrazione comunale, di vendere dei bei sogni alla città di Pontedera. Peccato che su tanti aspetti l'amministrazione sia stata volutamente fumosa. Omettendo molte questioni spinose che emergono dalle carte. 
 
Partiamo dalla cessazione di un terreno del polo ambientale a Ecofor Service. Stando ai piani industriali, la discarica era destinata a chiudere la propria attività per il raggiungimento della vita tecnica. Questi terreni che il Comune venderà serviranno a Ecofor Service per andare ad aumentare e ampliare ulteriormente la discarica che quindi non chiuderà. Avremo, quindi, una nuova, l'ennesima, discarica a cielo aperto. La Valdera si confermerà così, ancora di più, patria del rifiuto. L'amministrazione comunale si dimostra disposta a mostrare il fianco e scendere a compromessi con dei privati. Ancora una volta non mettendo al centro degli interessi la vita e la salute dei cittadini. Il secondo punto dolente è la tariffazione puntuale che ci lascia molto perplessi. La tariffazione puntuale, quando viene fatta, si basa sul peso e non sul volume. Invece, senza nessuna logica, nel Comune di Pontedera ci si baserà sul volume. 
 
Per quanto riguarda la revisione periodica delle partecipate: l’amministrazione comunale va a svendere il 16% delle quote di Siat per una cifra di circa 100.000 euro, quando ogni anno questa società partecipata rendeva molto di più. Ma il danno oltre a essere economico, sul valore delle quote, sarà anche poi sulle futura autonomia dell'amministrazione sulle politiche dei parcheggi. Politiche fondamentali per venire incontro ai commercianti e ai residenti. Un domani, quando il comune non avrà  più la maggioranza assoluta della società partecipata, non sarà più possibile applicare determinate agevolazioni perché i soci privati imporranno la loro strategia aziendale. A pagarne le conseguenze in termini anche di possibili aumenti delle tariffe saranno i cittadini.
 
Il bilancio di previsione cerca di trovare un equilibrio che poi non trova, andando a pompare le stime, e cerca di vendere una cosa più bella di quanto in realtà essa sia. Ci sono, infatti, delle valutazioni tirate al massimo, però emerge chiaramente come il Comune sia in difficoltà perché pieno di debiti. Il Comune di Pontedera è costretto a pagare milioni e milioni di euro di mutui su investimenti fatti male dalle precedenti amministrazioni. Peccato che comunque l’attuale sindaco e buona parte degli attuali amministratori erano presenti anche nelle precedenti amministrazioni comunali. Quindi, avrebbero dovuto stare più attenti gli anni precedenti invece di fare adesso promesse con leggerezza senza avere le risorse concrete e gli strumenti per mantenerle. Nel 2022 le aliquote Irpef, stando al documento di previsione, aumenteranno. Ci avrebbe fatto piacere che il sindaco lo avesse detto chiaramente, invece ovviamente si è cercato di nascondere anche quest’ultima amara notizia per i cittadini.
 
Matteo Bagnoli 
FdI Pontedera

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri