none_o


L'articolo di oggi non poteva non far riferimento alla festa del SS. Crocifisso che Pontasserchio si appresta a celebrare, il 28 aprile.Da quella ricorrenza è nata la Fiera del 28, che poi da diversi anni si è trasformata in Agrifiera, pronta ad essere inaugurata il 19 aprile per aprire i battenti sabato 20.La vicenda che viene narrata, con il riferimento al miracolo del SS. Crocifisso, riguarda la diatriba sorta tra parroci per il possesso di una campana alla fine del '700, originata dalla "dismissione" delle due vecchie chiese di Vecchializia. 

. . . quanto ad essere informato, sicuramente lo sono .....
Lei non è "abbastanzina informato" si informi chi .....
. . . è che Macron vuole Lagarde a capo della commissione .....
"250 giorni dall’apertura del Giubileo 2025: le .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
di Renzo Moschini
I Parchi hanno un futuro e quale?

2/1/2021 - 11:22

I  Parchi hanno un futuro e quale?


E’ un interrogativo al quale in questo momento dobbiamo cercare di rispondere seriamente perché i rischi sono reali e incombenti anche se, a giudicare da come stanno le cose nel paese, non sembrerebbe affatto. Infatti non è certo la prima volta che il contesto nazionale presenta seri segni di crisi, ma non ricordo una situazione altrettanto scoraggiante e preoccupante sul piano nazionale delle reazioni politico-istituzionali.
E’ da qui che dobbiamo partire consapevoli delle posta in gioco. Una vera sfida che non possiamo illuderci che ad affrontarla, e soprattutto a vincerla,  bastino le solite chiacchere che lasciano il tempo che trovano.
Perché è a questo punto che siamo giunti, e da qui dobbiamo uscire non sconfitti. E c’è una sola via: riuscire finalmente a definire concordemente, tra Governo, Parlamento, Regioni, associazioni rappresentative dei Parchi,  un programma di lavoro NAZIONALE che non serva solo ad alimentare conflitti e litigi sui vari poteri e competenze come avviene quasi regolarmente e puntualmente ogni volta.
Quindi anche l’avvio non può che partire dal piano nazionale, finora rifiutato come evidenzia la risposta negativa e persino sprezzante di una Conferenza nazionale dei parchi che è sempre seguita alla proposta.
Inutile chiederci perché.

E’ fin troppo chiaro ed evidente: un appuntamento politico-istituzionale del genere non può sfuggire ad un serio esame autocritico delle responsabilità dei vari soggetti nessuno escluso. Insomma nessuno ne uscirebbe indenne e senza colpe.
Essendo stato incaricato, a seguito di un recente incontro svoltosi attraverso una videoconferenza, di predisporre un documento a cui stiamo lavorando, con vari colleghi, per rilanciare i parchi, ho ritenuto opportuno e utile anticipare questa proposta direttamente al Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare On.le Sergio Costa.
Renzo Moschini

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri