none_o


Collegandoci ad un precedente pubblicato sulla Voce nell’ottobre 2017, riguardante la casa che ospitò a Marina di Vecchiano, i marinai incursori della X Mas, casa e annesso che versano nel più grande totale abbandono ormai da moltissimi anni, senza che nessuno faccia qualcosa, vorremmo riproporre una domanda, tenendo di conto di una serie di fatti noti ed acclarati.

Negli ultimi tempi, quando ancora le restrizioni non .....
Se il governo non prende la guida totale delle vaccinazioni .....
. . . del Socialcomunismo🤔 alla sanfredianese😎🧐🤓🙃😂 .....
Qualcuno era Comunista perché Berlinguer era una brava .....
VECCHIANO E' VOLONTARIATO
#TANTIFILIUNASOLAMAGLIA


2 associazioni che vedono le donne protagoniste di molte iniziative e attività, in modo discreto e silenzioso. Un'operosità importante per tanti in maniera diretta, e indirettamente per tutta la comunità, perchè la loro presenza è un monito importante per tutti a non girare la testa e a non restare indifferenti. 

VECCHIANO E' VOLONTARIATO
#TANTIFILIUNASOLAMAGLIA


E’ compito di tutti battersi per salvare l'ambiente e rendere la terra un posto migliore per le generazioni future.

VECCHIANO E' VOLONTARIATO
#TANTIFILIUNASOLAMAGLIA


«Nemo Separet Quod Musica Conjunxit» 
(Nessun separi ciò che la musica ha unito)

Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Alessandro Trocino
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
"Dante, una terzina per volta"
di Stefano Benedetti
none_a
Domenica 11 aprile ore 19.15
none_a
Libreria Civico 14, Marina di Pisa
none_a
RAI Storia, 5 aprile
none_a
"Bruno Pollacci fotografo"
none_a
Terza moglie del nonno dell'ex presidente
none_a
Migliarino Volley
none_a
Accordo di tre anni raggiunto con la società
none_a
Migliarino Volley
none_a
La forza di Elisa, l’avvocata-pugile
none_a
l accompagnai al suo portone
A passi lenti ed ingombranti
Senza quei baci ne un saluto
Già la sentivo più distante

Con nessun gesto né emozione
Il .....
Fra uno ( leghista ? ), che parla di mercato delle vacche di Conte, come se il centrodestra non l' avesse mai fatto, ricordate Scilipoti e altri, e .....
none_o
Il Passo di Dante
di Sandro Petri

14/2/2021 - 14:10


In questi giorni stiamo parlando diffusamente e volentieri dell'acquisizione da parte dell'Amministrazione di San Giuliano e della Regione Toscana della Rocca di Ripafratta, mettendo in risalto gli eventi storici che hanno segnato il ruolo politico e strategico dei luoghi di confine tra Pisa e Lucca.
Ma il 2021 avrà anche una importante ricorrenza, i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, avvenuta il 14 settembre 1321.


Da molti mesi, malgrado la pandemia, molte città hanno dato l'avvio ad una effervescente discussione su quali eventi organizzare.
Naturalmente Firenze e Ravenna sono in prima fila, ma anche per San Giuliano ci sarà l'occasione per dare il giusto rilievo a questa data, che tra l'altro cade nel periodo del Settembre Sangiulianese, manifestazione in fase di forte crescita.

Ma cosa ha a che vedere Dante con il Passo sul confine tra Pisa e Lucca?
Come si può leggere sul sito "Montepisano in Toscana", tutto nasce da questi versi della Divina Commedia:

Questi pareva a me maestro e donno,

cacciando il lupo e lupicini al monte

per che i Pisan veder Lucca non ponno.”

Questo passo è inserito da Dante nel 33° canto della Divina Commedia vv 28-30 e fa riferimento al dialogo che Dante, accompagnato dall’immancabile Virgilio, ha con Ugolino di Guelfo della Gherardesca, Conte di Donoratico, nel cerchio dei traditori.
Questi versi si riferiscono ad un brutto sogno premonitore avuto dal Conte e raccontato a Dante, a proposito di ciò che sarebbe capitato a breve proprio al Conte.

Facendo un piccolo cenno storico, il Conte Ugolino, dopo la sconfitta della Meloria (1285), prese la signoria del Comune Pisano con il titolo di Podestà. Per potersi liberare della morsa della lega contro Pisa da parte di Lucca, Firenze e Genova fu costretto a cedere ai Lucchesi i castelli di Ripafratta, Bientina e Viareggio e ai Fiorentini quelli di Fucecchio, Santa Maria a Monte, Castelfranco e Montecavoli.Punti a dir poco strategici e che lasciavano delle discrete falle nella difesa per il Comune di Pisa.

Tutte queste mosse, seppur strategiche, non lo resero amato da molti e lo portarono a doversi guardare le spalle addirittura dal nipote ma soprattutto dal Vescovo Ruggieri, Arcivescovo di Pisa.
Alla fine il Conte, proprio come predetto nel sogno, si ritrovò a patire la fame chiuso in una torre insieme ad alcuni figli, spirando dopo una settimana.

Ci sono diverse versioni su come furono gli ultimi giorni del Conte, tra cui quella di Dante dove sembra che Ugolino si cibò dei figli per resistere il più possibile e che addirittura essi gli chiesero di farlo. Questa versione è però stata smentita da diversi studi sui corpi trovati all’interno della torre.
Ma questa è un'altra storia.

Se andrete al Passo, troverete una targa con inciso sopra il canto dei versi sopra citati e potrete godere di una vista veramente molto suggestiva.
Piccola diatriba è se la targa sia sita nel territorio lucchese o in quello pisano, ma a noi piace considerarla esattamente al confine.
Un cippo, posto in epoca rinascimentale, ritrae la figura maestosa del vate, ma  quella zona fu di transito già per le abitazioni preistoriche, poi per gli etruschi, i romani e tutti i successivi frequentatori.

La via che conduce al Passo un tempo (prima che fosse scavato il tunnel denominato traforo della Torretta, ma da tutti chiamato il Foro) era un naturale collegamento fra S. Maria del Giudice e San Giuliano, di cui si può percorrere ancora oggi l’antico percorso lastricato di pietre.
E' un percorso breve e facile e la fatica è ripagata da uno splendido panorama dal luogo ove è posta la lapide, panorama notevolmente ampliato se poi da qui si raggiunge una delle vicinissime vette circostanti (monte di San Giuliano, monte Michelle, monte Nicole).Si può partire dall’estremità nord di S. Giuliano, appena sopra gli edifici comunali alla fine di via Niccolini, e proseguendo tra le poche case ed un vecchio muro, appena terminate le case, prima del grande cancello che sbarra il passaggio, sulla sinistra si trova un vecchio ponte, da questo si vede già rispettivamente a destra, inerpicarsi un sentiero (è solo una piccola variante per bypassare il cancello) inoltrandosi quindi sul sentiero 115 che dolcemente sale in direzione del monte di S. Giuliano (quello che ci troveremo davanti, tondo a cupola) fino ad arrivare in prossimità dell’imbocco della galleria e salire poi sul monte.




+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri