none_o


Collegandoci ad un precedente pubblicato sulla Voce nell’ottobre 2017, riguardante la casa che ospitò a Marina di Vecchiano, i marinai incursori della X Mas, casa e annesso che versano nel più grande totale abbandono ormai da moltissimi anni, senza che nessuno faccia qualcosa, vorremmo riproporre una domanda, tenendo di conto di una serie di fatti noti ed acclarati.

Negli ultimi tempi, quando ancora le restrizioni non .....
Se il governo non prende la guida totale delle vaccinazioni .....
. . . del Socialcomunismo🤔 alla sanfredianese😎🧐🤓🙃😂 .....
Qualcuno era Comunista perché Berlinguer era una brava .....
VECCHIANO E' VOLONTARIATO
#TANTIFILIUNASOLAMAGLIA


2 associazioni che vedono le donne protagoniste di molte iniziative e attività, in modo discreto e silenzioso. Un'operosità importante per tanti in maniera diretta, e indirettamente per tutta la comunità, perchè la loro presenza è un monito importante per tutti a non girare la testa e a non restare indifferenti. 

VECCHIANO E' VOLONTARIATO
#TANTIFILIUNASOLAMAGLIA


E’ compito di tutti battersi per salvare l'ambiente e rendere la terra un posto migliore per le generazioni future.

VECCHIANO E' VOLONTARIATO
#TANTIFILIUNASOLAMAGLIA


«Nemo Separet Quod Musica Conjunxit» 
(Nessun separi ciò che la musica ha unito)

Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Alessandro Trocino
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
"Dante, una terzina per volta"
di Stefano Benedetti
none_a
Domenica 11 aprile ore 19.15
none_a
Libreria Civico 14, Marina di Pisa
none_a
RAI Storia, 5 aprile
none_a
"Bruno Pollacci fotografo"
none_a
Terza moglie del nonno dell'ex presidente
none_a
Migliarino Volley
none_a
Accordo di tre anni raggiunto con la società
none_a
Migliarino Volley
none_a
La forza di Elisa, l’avvocata-pugile
none_a
l accompagnai al suo portone
A passi lenti ed ingombranti
Senza quei baci ne un saluto
Già la sentivo più distante

Con nessun gesto né emozione
Il .....
Fra uno ( leghista ? ), che parla di mercato delle vacche di Conte, come se il centrodestra non l' avesse mai fatto, ricordate Scilipoti e altri, e .....
none_o
Qualcuno si ricorderà di noi
Cristina Marinari

7/3/2021 - 10:02

Lunedì 8 marzo, sulla pagina facebook di Molina mon amour, è possibile seguire un video in ricordo di Agitu Ideo Gudeta, una donna dal carattere forte e capace di grandi progetti. Si intitola La principessa delle capre felici, una storia di Ovidio Della Croce, arricchita dalle illustrazioni di Daniela Sandoni e dalla voce di Daniela Bertini. L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio del Comune di San Giuliano Terme.
 
 
"Qualcuno io dico si ricorderà di noi nel futuro".
SAFFO
 
 
C’è una storia che dovete conoscere.
Non ve la posso raccontare, perché non voglio togliervi l’emozione della lettura o dell’ascolto.
Vi faccio solo il nome della protagonista: Agitu Ideo Gudeta.
I nomi sono importanti perché, quando tutto svanisce, rimangono a evocare il ricordo. Nei nomi c’è il tempo passato, ci sono le cose fatte insieme alle persone, i luoghi, altri nomi, le nostre vite. E questo nome forse vi ha fatto tornare alla mente qualcosa.
Qualcuno magari questa storia la conosce già, perché ha letto i tanti articoli di cronaca che hanno riempito le pagine dei giornali poco più di due mesi fa. Ma la cronaca è spesso fredda, impersonale o peggio ancora parziale. Personalmente ho trovato fastidioso questo approccio nei tanti articoli che ho letto e mi ha disturbato nella maggior parte dei tentativi fatti da quelli che hanno provato a raccontarla.
Ho trovato migliori e decisamente più incisivi i racconti per immagini, anche animate, in cui ci sono solo fotogrammi senza testo, che ognuno è libero di interpretare, senza insinuazioni e giudizi di parte.
 
Ma torniamo alla nostra storia, che è una favola vera e ha molto a che fare con la memoria. Il termine ha una radice antica, deriva da un verbo che significa ricordare, trattenere nella mente.
Avere memoria di qualcosa o qualcuno significa continuare a farlo esistere nel ricordo.
È importante che certe storie non svaniscano e la parola scritta, più di ogni altro strumento, ha un ruolo fondamentale perché rimane, non si cancella, aiuta a mantenere vivo il ricordo. Ci sono storie, come questa, che sono esemplari e devono essere raccontate. Le parole però hanno un peso specifico importante e per raccontare una storia così bisogna trovare quelle giuste. Non è facile per niente.
 
Quando Ovidio Della Croce mi ha raccontato la sua idea di una favola su Agitu Ideo Gudeta, a poche ore dalla diffusione della notizia della sua morte, ho avuto molte perplessità. Non mi sembrava possibile riuscire a scrivere una favola vera, oltretutto senza lieto fine, ma con un finale brutale. Un’impresa temeraria, per me inconcepibile.
Impossibile riuscire ad esprimere a parole, trasformandolo in fiaba, un evento tanto drammatico.
Proprio perché ero inizialmente molto scettica, sono rimasta stupita dal risultato finale. Ho apprezzato la purezza del racconto di Ovidio, una narrazione che non vuole strumentalizzare e non ha interesse a drammatizzare, forzando l’interpretazione. Una prosa delicata, senza retorica, arricchita dalle tavole realizzate da Daniela Sandoni, che accompagnano il testo caricandolo di emozioni.
Il linguista Louis Trolle Hjelmslev sosteneva che “nella lingua, e solo nella lingua, è possibile lottare con l’inesprimibile finché si arrivi ad esprimerlo”.
Questa favola è la prova che aveva ragione.
 
Si intitola La principessa delle capre felici. È stata realizzata con il patrocinio del Comune di San Giuliano Terme e lanciata dall’Associazione Molina mon amour. Sono state create da Massimo Ceccanti cinque versioni illustrate: un Pdf sfogliabile, un Pdf scaricabile, un Ebook, un librino, e un video in cui la voce narrante è quella di Daniela Bertini, che è stato girato nei locali della biblioteca dell’associazione Molina mon amour. I Pdf e l’Ebook hanno una prefazione di Daniela Lucatti e Ketty De Pasquale della Casa della donna di Pisa. Il librino, stampato in poche copie, è reperibile presso la Biblioteca “Uliano Martini” di San Giuliano Terme, alla Biblioteca della Casa della donna di Pisa e alla Biblioteca Molina mon amour.
 
Il video della lettura di Daniela Bertini sarà pubblicato sulla pagina facebook di Molina mon amour domani e la scelta non è casuale: 8 marzo, giornata internazionale della donna, istituita per ricordare le conquiste sociali, economiche e politiche, ma anche le discriminazioni e le violenze di cui le donne sono state e sono ancora oggetto in molte parti del mondo.
 
E se ricordare è necessario, ancora più importante è imporre una riflessione che coinvolga tutti, perché storie come questa abbiano il lieto fine che meritano.
Questo 8 marzo 2021 lo dedichiamo a loro: ad Agitu e a chi con forza e determinazione porterà avanti il suo sogno. Alle vittime e a tutte le donne che resistono.

Fonte: Disegno di Daniela Sandoni
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

7/3/2021 - 21:39

AUTORE:
gio'

Verissimo che i nomi riescono ad evocare e ricordare. personaggi e avvenimenti, ma più ancora suggestioni e fascinazioni legate al ricordo associato....

Questo del resto vale per la musica, le opere letterarie, gli eventi sportivi significativi, che compongono la memoria storica di un popolo, e riescono ad aggregare solidarietà’, e speranze, contribuendo alla creazione di una identità comune ed un senso di appartenenza, sublimando sentimenti fortissimi, che permeano la convivenza e permettono di affrontare e sovente superare le peggiori avversità...

Agitu ideo Gudeta, è una di quelle persone che catalizzano interesse e cristallizzano memorie positive, si distingue nettamente dall’iconografia classica di certa retorica, che celebra la “ bella abissina” che deve accontentarsi di soggiacere ad ipocriti appetiti limitandosi ad aspettare e sperare nella gloria altrui, che si avvicina!

Nelle tragedie e nei conflitti infiniti del Corno d’Africa, tra guerre civili e indipendentismo, fame e atrocità tuttora attuali, Infatti è donna, ed è forte, e non rinuncia a dire la sua, opponendosi a prevaricazioni e ingiustizie, di ogni sorta.

Si impegna con umiltà e la forza delle idee e del buon senso, controbatte le vessazioni con il dialogo e le argomentazioni, non rinuncia a credere nel potere della parola, della denuncia, della composizione pacifica, ma ferma dei dissidi-

Lottando con tenacia e pazienza per l’emancipazione del suo popolo, e delle donne, contribuendo a plasmarne l’evoluzione e il progresso culturale e civile, fino a quando è costretta all’esilio in Italia, per le minacce concrete alla sua vita.

Alleva da profuga capre di una razza in estinzione in trentino, continuando a costituire un esempio ed uno sprone, un riferimento formidabile per amici e nemici, con il semplice esempio e la determinazione nelle piccole cose, le minimalia che lentamente, ma implacabilmente sgretolano la violenza e l’arbitrio, cosi come la goccia d’acqua scava la pietra piu’ dura....

Ora è stata uccisa, per futili motivi, ma la sua eredità vive ancora, anzi si erge come una diga, contenendo l’irrazionalità assurda dell’incomunicabilità , del rancore , delle brutalità gratuite che regolano con la forza le questioni umane.

7/3/2021 - 19:28

AUTORE:
Antonietta Timpano

Vorrei tanto avere il librino!


Ho letto la storia di Agitu scritta da Ovidio subito dopo la sua tragica fine e sono stata testimone attenta della stesura definitiva, dando anche un piccolo contributo.

Bella iniziativa.

'Con la lingua e solo attraverso la lingua si può dire l'indicibile'.

Con questa specie di parafrasi della suggestiva frase del linguista Louis Trolle Hjelmslev saluto e mi congratulo.

Un abbraccio
Antonietta