none_o


Evento davvero memorabile a san Giuliano Terme il 25 luglio a partire dalle ore 18, all'interno del Fuori Festival di Montepisano Art Festival 2024, manifestazione che coinvolge i Comuni del Lungomonte pisano, da Buti a Vecchiano."L'idea è nata a partire dalla pubblicazione da parte di MdS Editore di uno straordinario volume su Puccini - spiega Sandro Petri, presidente dell'Associazione La Voce del Serchio - scritto  da un importante interprete delle sue opere, Delfo Menicucci, tenore famoso in tutto il mondo, studioso di tecnica vocale e tante altre cose. 

La carriera politica personale dell’Onorevole Mazzeo .....
Bonaccini ha dato le dimissioni da presidente della .....
. . . c'è più religione ( si esce un'ora prima). .....
. . . uno sul web, ora, che vaneggia che la sua .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Mauro Pallini-Scuola Etica Leonardo: la cultura della sostenibilità
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
APOCALISSE NOKIA di Antonio Campo
none_a
Il mare
con le sue fluttuazioni e il suo andirivieni
è una parvenza della vita
Un'arte fatta di arrivi di partenze
di ritorni di assenze
di presenze
Uno .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Interventi antidegrado
Risanare il Lago ed il Padule di Massaciuccoli

13/3/2021 - 12:46

Risanare il Lago ed il Padule di Massaciuccoli

Interventi antidegrado, pulizia e riqualificazioni: le azioni messe in campo dal Parco


Massarosa/Viareggio/Vecchiano, 13 marzo 2021

- «Prevenzione, controllo e azioni concrete per il Lago ed il Padule di Massaciuccoli: in questi anni abbiamo messo in fila una serie di iniziative per contrastare l'abbandono dei rifiuti e per riordinare la situazione delle bilance e dei ricoveri barchini, strutture nate nei decenni passati senza autorizzazione e che quindi attualmente, com'è noto, non possono essere riqualificate per mancanza di titoli» spiega il presidente del Parco Giovanni Maffei Cardellini.

Innanzitutto l'Ente, dopo essere diventato proprietario di alcune aree situate nel padule nord e sulla costa est e sud del lago, grazie ad un cofinanziamento regionale, qualche anno fa ha rimosso 15 bilance abbandonate, una grande operazione di risanamento ambientale che ha comportato la bonifica dall'amianto e dai rifiuti speciali. L'anno scorso è stato attivato, primo Parco in Italia, il sistema MayDayEarth per la segnalazione geolocalizzata dei rifiuti e la promozione di campagne di pulizia con cittadini e associazioni, un'attività che coinvolge le comunità e diffonde una sensibilità verso l'ambiente che disincentiva ulteriori abbandoni. Inoltre sono aumentati i controlli grazie alla collaborazione delle guardie del Parco con le altre forze dell'ordine e ad un accordo specifico con la polizia locale.

Per la riqualificazione dei manufatti del lago il Parco ha elaborato un piano per riordinare i ricoveri barchini concentrandoli in alcuni punti scelti e promuovendo la loro riqualificazione con materiali sostenibili, mentre nel Piano Integrato del Parco sarà affrontata la questione delle bilance con l'obiettivo di rendere possibile la riqualificazione delle strutture realmente utilizzate, sempre con materiali consoni all'ambiente, e di promuovere la rimozione di quelle abbandonate come ha già fatto il Parco nei terreni di sua proprietà.

Per continuare su questa strada molto importante è la collaborazione con le comunità: proprio recentemente sono nate le 'Sentinelle del lago' che tra le altre attività stanno mappando le situazioni di degrado su cui il Parco interverrà interlocuendo con i proprietari delle aree interessate. È infatti importante ricordare che la maggior parte dei terreni che ricadono sul territorio dell'area protetta non sono di proprietà dell'Ente e che sono i proprietari delle aree ad essere i responsabili della manutenzione e della pulizia delle stesse.

Foto di Valter Bernardeschi



+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

15/3/2021 - 12:59

AUTORE:
Persico Sole

... e se il parco costruisse una o più baracche con bilancia da affittare? Tipo come fanno i privati con i retoni a bocca d'Arno?