none_o


All'interno di questa rubrica abbiamo sempre ospitato temi non di attualità, bensì legati alla storia, storia sociale, politica, ambientale e storia di ricordi del nostro territorio. Ora vorremmo estendere la visuale storica, impegnandoci in un obiettivo ambizioso: fornire un quadro generale della vita delle comunità rurali dell'800 nel comune di Vecchiano.

Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
La storia è una perfetta sconosciuta su questo forum, .....
. . . . . . . . . . . . condotta da Jader Jacobelli .....
. . . minacce e offese al di fuori degli anni "70, .....
. . . Enrico Letta che fan parte della stessa maggioranza .....
Vecchiano è Voilontariato
#tantifiliunasolamaglia


“Il gioco serio del teatro”

Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


UN IMPEGNO COSTANTE PER MANTENERE VIVO IL PASSATO E FRUIRNE ANCORA IN FUTURO

Vecchiano Civica presenta i propri candidati
none_a
A NODICA-Piazza Enzo Ferrari: Sabato dalle 9.00 alle 19.00
none_a
Un Cuore per Vecchiano
none_a
Insieme per Vecchiano
Filettole, 19 settembre
none_a
Insieme Per Vecchiano - Candidate/Candidati
none_a
Insieme Per Vecchiano - Candidate/Candidati
none_a
pubblicazione Candidati
none_a
di EROS CARLOPPI ( Presidente del C. D. Provinciale del PSI)
none_a
Vecchiano Civica presenta i propri candidati
none_a
Insieme per Vecchiano - Candidate/Candidati
none_a
“Il Parlamento farà ciò che ritiene”: nello scontro con Franceschini tutta l’indipendenza di Draghi
none_a
Rifiuti, Mazzetti (FI)
none_a
di Ernesto Galli della Loggia
none_a
Di Salvatore Carollo
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Misericordia del CEP, Gabella (Calci)
none_a
Metato
none_a
Il Bargellona si accontenta della Coppa Limiti
none_a
È con te
Facciamo oggi quella scelta
Oggi in due ma restiamo sempre noi
È con te
Che la vita è come foglia
Noi leggeri saggi dentro vuoti mai
Sei .....
caro baffuto baffino ricorda che la fantasia se sfocia in diffamazione e calunnia quello e reato e non pregare la Santa Vergine a Roma davanti alla porta .....
di Renzo Moschini
L’AMBIENTE OGGI

11/4/2021 - 11:08

L’AMBIENTE OGGI


La discussione sull’ambiente, da anni, sia che riguardasse la politica, la cultura o le leggi,  quasi sempre affronta specifici aspetti.
Soprattutto dopo che a seguito di nuove importanti leggi - a lungo controverse come quella sui parchi - erano state decise nuove gestioni che comportavano e implicavano anche  l’istituzione di nuovi enti e relative sedi di governo.
Da qui derivarono nuove competenze per stato, regioni ed enti locali che avrebbero dovuto essere gestite sempre meno separatamente e di comune accordo (collaborazione istituzionale).
Come si svilupparono le situazioni lo sappiamo, tanto è vero che ancora oggi stato e regioni faticano, perfino di fronte all’emergenza della pandemia, a collaborare.
Ma passiamo ad oggi. Per quanto riguarda l’ambiente, e specialmente gli aspetti di maggior pregio che non a caso erano stati inclusi nei parchi nazionali, regionali, altre aree protette e riserve, non possiamo più limitarci a denunciare una situazione che in questi anni -basti vedere la Toscana- si è ulteriormente aggravata. E ciò nonostante le proposte da  noi avanzate in un libro su “Ambiente e territorio. I parchi tra crisi e rilancio”, con prefazione del ministro dell’ambiente Sergio  Costa, che convenne con noi sulla necessità e urgenza di una politica finalmente nazionale, quindi ministeriale,  in grado di convogliare e sostenere le più varie e diverse realtà territoriali a raccordarsi e integrarsi in un impegno comune.
Purtroppo, per quanto fossimo consapevoli anche dei nostri errori e ritardi, ai quali avremmo dovuto rimediare, in particolare sui piani dei parchi rimasti in troppi casi al palo (sia pure con previsioni decisamente irrealistiche), sul ministero non siamo riusciti a incidere, tanto è vero che anche Costa non è più ministro.
Anche per questo abbiamo pensato di tornare alla carica con nuovo libro che documenti innanzitutto gli effetti negativi, a partire dai parchi, che l’insuccesso delle tesi da noi sostenute ha avuto sulla situazione nazionale. Ma se vogliamo tornare alla carica oggi, rispetto a ieri dovremmo avere una visione più aggiornata e complessa, e tener conto delle novità che si susseguono, e valutare il contesto ambientale nella sua globalità. Perfino il nome del Ministero è cambiato e non vi è più neppure un ministro dell’ambiente e il Ministero è diventato della ‘Transizione ecologica’. Più chiari non si poteva essere. Purtroppo risulta, al momento, che in questo misterioso ministero i dirigenti e gli uffici che si occupano dei parchi siano orfani di un referente politico, cui anche i parchi possano rivolgersi come è sempre accaduto. Al di là delle aree protette e della loro tipologia, la vera priorità è la conservazione della Natura e della Biodiversità, ciò che non esclude l’esigenza di promuovere azioni e interventi sulla manutenzione del territorio. Nel bene e nel male, in passato, è esistita una “Direzione Generale per la Conservazione della Natura” che, almeno nel titolo, poteva essere una garanzia.
Noi infatti avevamo tentato, con Costa, di rendere attivi uffici e funzionari per consentire allo stesso ministro, di decidere e operare. Se vogliamo tornare alla carica per riprovare, dobbiamo partire da questa imprevista situazione che richiederebbe il ripristino di un effettivo ministero dell’ambiente, senza trucchi o trovate sconcertanti.
Il nuovo libro a cui abbiamo messo mano ha questo preciso e indispensabile obbiettivo. e anche quello di rimettere in movimento i parchi che stanno sempre più sparendo dalla  scena politico- istituzionale. Crescono infatti a vista d’occhio quelli che si chiedono se in Italia i parchi hanno un futuro.

Se le cose non cambiano e alla svelta anche il presente è a rischio di una crisi dalla quale sarà difficile se non impossibile uscire. Specialmente se il governo, ma anche le regioni e le altre entità politiche, continueranno a trastullarsi ignorando qualsiasi proposta che rimetta la politica e la cultura del bene comune – e non i traffici e gli affari- al centro degli impegni.
Renzo Moschini
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri