none_o

L’impoverimento del linguaggio e l’incapacità di descrivere le proprie emozioni è una delle principali cause dell’aumento di violenza nella sfera pubblica e privata ma anche responsabile di una accertata riduzione della nostra intelligenza.

A tutti coloro che, con a mio parere una buona dose .....
Il mondo va avanti e le genti pure, nel bene e nel .....
. . . . . . . . . . . un t'è bastata la lezione a .....
. . . nel 2029 il PdR debba esser eletto direttamente .....
Vecchiano è Voilontariato
#tantifiliunasolamaglia


“Il gioco serio del teatro”

Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

....Ci siete? Proviamo ad aprire quella porta e ad incontrarci?
Mandateci un messaggio e noi organizzeremo un incontro.

C’è un’idea strana che aleggia su Migliarino, una sorta di profezia, a Migliarino non c’è niente e non succede niente.Siamo sicuri che a Migliarino non ci sia nulla? Proviamo a fare un inventario...

Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Spazio Donna.
Perché la memoria non sia persa.
none_a
Dal web
none_a
Franca
none_a
San Giuliano Terme, 20 febbraio
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Elezioni del PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
none_a
Alberto Zangrillo - covid
none_a
Circolo Arci Vasca Azzurra Nodica
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Accade a volte
che in sere con orli d'autunno
il ricordo sovvenga di quando
sul finire di scale e cortili
cosparsi nel vento
folle divenni,
senz'altro .....
Con grande dispiacere e soltanto casualmente in questi giorni sono venuta a conoscenza della morte del Dottor Assanta. Ritengo sia stato un esempio di .....
"Dante, una terzina per volta"
di Stefano Benedetti
DANTE GIOCAVA A SCACCHI?

30/4/2021 - 11:36




L’incendio suo seguiva ogne scintilla;
ed eran tante, che ’l numero loro
più che ’l doppiar de li scacchi s’inmilla.”
(Par. XXVIII, 91-93)

S'inmilla?

Siamo Paradiso e Dante (ancora insieme, ma per poco alla Sua Amata Beatrice) attraversa il primo cielo mobile e avvicinandosi a Dio trova ovunque angeli e "tenta" di definirne, di dircene il numero, di dirci quanti sono. E lo fa alla sua maniera.


Con questa terzina il poeta allude chiaramente alla leggenda orientale di Sissa Nassir, l'inventore degli scacchi per conto del Re di Persia, che quando quest'ultimo gli chiese cosa dargli in ricompensa per aver inventato il gioco, egli, argutamente, rispose che si "sarebbe accontentato" di qualche chicco di riso appoggiato sopra la scacchiera. E precisamente uno, sul primo quadrato, due sul secondo, quattro (sempre il doppio) sul terzo e così via a "raddoppiare" fino al 64esimo quadrato della scacchiera.

Il Re sulle prime acconsente, (spesso i potenti lo fanno) ma poi, fatti i calcoli, resta più che sorpreso e ci ripensa, perché quella che a prima vista sembra una manciata di riso invece equivale a una quantità di chicchi capace di coprire all'incirca tutta la superficie del globo terrestre oceani compresi.


Qui Dante per dirci il numero di questi angeli usa appunto “inmilla” e come sempre ha fatto sì che scendessero fiumi di inchiostro e di pagine nei settecento anni e passa successivi a commentare questo verbo  “inmillare" non proprio chiaro.

Se avesse voluto, Dante, (senza farci perdere troppo tempo) avrebbe potuto usare la parolina "infinito", ma non lo fa.

 
La profonda costruzione geometrico/matematica dell'Aldilà dantesco, conserva fino in fondo caratteristiche numeriche che rendono "possibile", ovvero numerabile, contabile, la sua struttura fisica.

Tutto è governato da una legge misurabile e non "inmisurabile",  tutto il Creato è dentro una logica chiara filosofico/matematica.


Tutto a parte Dio!  
Il Creatore, è a lui che  Dante invece riserva parole e poesia tutt'altro che numeriche e "finite" ma infinite e non comprensibili dal modesto nostro intelletto umano al Suo confronto. 


Ma per restare alla mera poesia, ai meri versi, a Dante, per meravigliarci, ogni momento della sua Arte, basta chiudere gli occhi, pensare, riaprirli e sospettare che Dante, abbia magari un giorno giocato a scacchi con Dio.
Non so dirvi se abbia perso.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri