none_o

Proseguendo la serie di articoli sulle vicende ( e leggende) del territorio, Agostino Agostini ci regala il resoconto immaginifico del serpente-alato, che abitava il castello dei Pagano da Vecchiano. Fu ucciso - secondo la leggenda - da Nino Orlandi nel 1109 nella selva palatina di Migliarino (oggi tenuta Salviati). Imbalsamato fu posto nel Duomo di Pisa ma ando' perduto nell'incendio del 1595. Una ulteriore riprova della grande ricchezza storica del nostro territorio.

Buongiorno a tutti, sono Costanza Modica, ho 17 anni, .....
Ammetto l'errore, ho solo visto il simbolo di presentazione, .....
. . . . Buonafede Alfonso, candidato sindaco di Firenze, .....
Cosa ci dicono le votazioni in Sardegna?

Calenda .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
none_a
Associazione ambientalista - LA CITTÀ ECOLOGICA APS
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Eccolo
Come una furia scatenata
è arrivato il vento
a riportare tormento
alle marine
Prima con le piogge
che hanno colpito
la montagna
con smottanento
frane .....
LA TARI è ARRIVATA E SALATA
MA IL KIT PER LA RACCOLTA NON ANCORA
SIAMO A MARZO.

COME MAI?
COSì NON VA BENE.
Parte l'estate di Molina mon amour
"Bonsoir l'été".

19/6/2021 - 20:26


"Bonsoir l'été". Parte l'estate di Molina mon amourMolina mon amour riparte e lo fa dalla piazza "di sotto" del Paese, il cuore di Molina di Quosa."Bonsoir l'été", questo il nome dell'iniziativa di venerdì 25 giugno, vuole essere un appuntamento libero e aperto a tutti (in rispetto delle normative anti Covid ancora vigenti), in grado di rappresentare il punto di partenza di un'estate all'insegna della cultura e dello stare insieme.

 Sarà il maestro Carlo Boccacci col suo pianobar ad accogliere il pubblico in piazza e si partirà all'imbrunire.L'estate di Molina mon amour proseguirà poi con uno spettacolo di Marco Azzurrini (16 luglio), poi la Guida romantica di Molina di Quosa con Simone Gabbriellini detto "Il Brenda" (31 luglio), un incontro-spettacolo con Francesco Bottai e Fabrizio Bartelloni (8 agosto) e un concerto del maestro Carlo Boccacci (21 agosto). Su ogni appuntamento torneremo a tempo debito."Un'estate di ripartenza con pochi appuntamenti ma molto legati al territorio e agli artisti che sono da sempre vicini a Molina mon amour - commenta il presidente dell'associazione Gabriele Santoni durante la conferenza stampa, che si può riascoltare qui -.

Li ringrazio, come ringrazio tutte le persone che si impegnano per gli spettacoli che proponiamo e tutto quello che c'è intorno, a partire dal gruppo cucina, il più 'sacrificato' dall'emergenza sanitaria. Tornerà anche la nostra cena sociale dedicata ad Alessandro Della Croce, 'Il Topino', appuntamento che non può mancare anche se 'alla giusta distanza'. Con questi appuntamenti estivi intendiamo prendere le misure e preparare il nostro ritorno in autunno al magazzino di Antonio con una nuova stagione teatrale, compatibilmente con l'evolversi della situazione sanitaria. Infine, nel settembre 'del ripensamento', si riattiverà anche la biblioteca dell'associazione con presentazioni di libri, a cui parteciperà anche Daniela Bertini, altro graditissimo ritorno".La foto di gruppo in allegato è pre Covid.--Parte l'estate di Molina mon amour

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

20/6/2021 - 8:05

AUTORE:
P.G_

Molina come Migliarino.
Un gruppo di amici appassionati si impegnano a fornire spettacoli e momenti di aggregazione alla popolazione senza interessi e, probabilmente, anche con pochi soldi.
Lode a loro per il loro impegno e invidia per la loro voglia di fare e di mettersi in gioco.
Noi migliarinesi l'abbiamo fatto con il Maggio Migliarinese per oltre un decennio quando il mancato ricambio generazionale ci ha fermato.
Rimaniamo comunque orgogliosi di quanto fatto e speriamo che i molinesi abbiano lo stesso successo del nostro Maggio.
Un augurio speciale al Presidente!