none_o

E’ una frase tratta da “Una storia come questa”, canzone del 1971 interpretata da Adriano Celentano su testo e musica di Goffredo Canarini e Miki Del Prete. Una realtà che molti di noi hanno vissuto e che sembra appartenere ad un passato così lontano da essere quasi dimenticato. Ma forse….

Ma il silenzio di un popolo …
A volte scrivere per .....
Stamattina per cause da stabilire c’è stato un incendio .....
. . . come tanti "noialtri autoctoni" a 4 (quattro) .....
Che bellezza il 2 giugno: 10. 000 auto a 10 euro/ cadauna .....
Di Claudia Fusani
none_a
Di Umberto Mosso ( a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
di Lorenzo Gaiani (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
San Giuliano Terme, 3 luglio
none_a
Di Umberto Mosso(a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Libri.
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Ar vernàolo, a questa lingua antìa,
io provo a fanni ‘na radiografia.
Per noi pisani, tanto pe’ chiarì,
è la parlata ‘he si parla ‘vi
inventata .....
A me, come a tanti altri hanno rubato il vaso portafiori in bronzo al cimitero di Pontasserchio, è troppo abbandonato. Anche i defunti meritano rispetto .....
Marina di Pisa, 18 agosto
VERSO BISANZIO
di Fabiano Corsini

17/8/2021 - 21:28

Si presenta oggi al Fortino di Marina di Pisa(il 18 agosto) il nuovo libro di Fabiano Corsini, Presidente dello stesso Circolo , collaboratore de La voce del Serchio, ormai giunto alla sua sesta fatica letteraria. Per i tipi della Ets esce “Verso Bisanzio”, un giallo letterario ambientato nel XV secolo, esattamente nei giorni del 1453 in cui gli Ottomani entravano in Costantinopoli e mettevano così fine all'Impero Romano di Oriente. Il racconto narra di due viaggi, a distanza di 30 anni tra loro, di Piero da Pisa, prima giovane inquieto alla ricerca di una fede più sincera e di risposte alle pulsioni di spiritualità, di tensione religiosa intesa come spinta verso il sublime e la bellezza. Poi, divenuto prete, un Padre Piero accompagnato da un drappello di monaci che si incamminano verso Oriente, nella impossibile missione di riconciliare le due chiese (ortodossa e latina), e di salvare la cristianità dall'avanzata degli infedeli. Nel racconto i personaggi immaginari e le loro storie, di uccisioni vendette e innamoramenti, si intrecciano con vicende realmente accadute e rigorosamente ricostruite. Avvince in particolare la storia della Despina, ovvero della giovanissima Cleope Malatesta, sedicenne figlia del signore di Rimini, data in sposa all'erede del Basileo (imperatore di Costantinopoli), il despota di Mistrà, l'antico Peloponneso, ultimo baluardo bizantino dopo la presa della capitale, per finalità politiche. La poveretta verrà presto sacrificata e la sua morte per mano violenta, tenuta segreta per secoli, solo di recente è stata accertata, e nel libro si racconta come e perché- Il titolo, Verso Bisanzio, è una citazione del lavoro di William B. Yeats, in particolare di una poesia con lo stesso titolo, dove si racconta di un terzo viaggio. Il viaggio sublime per fuggire da questo che “Non è un paese per vecchi”. Il desiderio di vivere ancora in natura minerale, con una rinascita “Fuori dalla natura io non prenderò più la mia forma corporea di alcuna cosa naturale..ma quella forma che orefici greci fanno d'oro battuto e foglia...” Ovviamente a Bisanzio. Un libro molto diverso da quelli a cui Corsini ci aveva abituato, che pure si preannuncia emozionante e.. da leggere.
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri