none_o

L’impoverimento del linguaggio e l’incapacità di descrivere le proprie emozioni è una delle principali cause dell’aumento di violenza nella sfera pubblica e privata ma anche responsabile di una accertata riduzione della nostra intelligenza.

A tutti coloro che, con a mio parere una buona dose .....
Il mondo va avanti e le genti pure, nel bene e nel .....
. . . . . . . . . . . un t'è bastata la lezione a .....
. . . nel 2029 il PdR debba esser eletto direttamente .....
Vecchiano è Voilontariato
#tantifiliunasolamaglia


“Il gioco serio del teatro”

Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

....Ci siete? Proviamo ad aprire quella porta e ad incontrarci?
Mandateci un messaggio e noi organizzeremo un incontro.

C’è un’idea strana che aleggia su Migliarino, una sorta di profezia, a Migliarino non c’è niente e non succede niente.Siamo sicuri che a Migliarino non ci sia nulla? Proviamo a fare un inventario...

Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Spazio Donna.
Perché la memoria non sia persa.
none_a
Dal web
none_a
Franca
none_a
San Giuliano Terme, 20 febbraio
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Elezioni del PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
none_a
Alberto Zangrillo - covid
none_a
Circolo Arci Vasca Azzurra Nodica
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Accade a volte
che in sere con orli d'autunno
il ricordo sovvenga di quando
sul finire di scale e cortili
cosparsi nel vento
folle divenni,
senz'altro .....
Con grande dispiacere e soltanto casualmente in questi giorni sono venuta a conoscenza della morte del Dottor Assanta. Ritengo sia stato un esempio di .....
none_o
Dai ponti al mare

6/9/2021 - 13:56



Una trentina di anni fa ebbi il coraggio di cimentarmi nella stesura di un libro che “fermasse” nel tempo i miei ricordi della vita passata sul Serchio e scrissi: Il meraviglioso viaggio di Chiube fra paesi paesani pesci proverbi e poesie sul Serchio.

 
La presentazione fu nella Casa Coli di Bocca di Serchio con una bella dimostrazione di affetto da parte degli amici migliarinesi.
Il risultato fu oltre le aspettative tanto da dover fare la seconda edizione e da essere chiamato dalla professoressa Scatena al liceo Dini di Pisa per presentarlo ad una classe quarta con un tremendo batticuore che passò poi velocemente.
Ora, anzi è già da tempo che volevo farlo, non passerò più da un editore, ma userò questo strumento per far leggere le “storie” di paesi e paesani di un tempo.
Uno dei giovani del liceo mi chiese il perché ho raccontato cose dei primi anni della mia vita da fanciullo per passare poi a quella di giovanotto saltando l’età di “mezzo”. Gli dissi che: non lo sapevo!

 

Questa la dedica


Ai miei nonni
 

 

 "È bello andà' ‘n barca nell'acqua,
 ma solo dove si vede le du' ripe"
Marino
 
"La più bella società è quella coi soci dispari,
ma sotto tre"
Antonio

 
Apro una parentesi: con il passare degli anni ho raccolto (e pubblicato) moltissime poesie dove vi fosse, anche se solo per una volta, la parola “Serchio”, poesie antiche, classiche, dialettali, complicate o semplicissime, ma la più bella in assoluto è questa dell'apertura e, assolutamente, non perché  è  di un migliarinese:
 
ALLE CHIARE ACQUE DEL SERCHIO

 

Limpid'acque del Serchio, che scorrete
placidamente al mare e che specchiate
le vostre rive verdi, ricordate
quand'io da fanciulletto nelle liete
sere d'april, desiderando quiete,
da voi venivo e voi come incantate,
le voci del mio cuore ascoltavate,
l'intime voci mie, dolci e segrete?
Venivo sulle vostre rive solo,
e all'ombra delle acacie mi sedevo
vi contemplavo e interrogavo invano!
Mentre nel bosco un vedovo usignolo
mesto d'amor cantava: allor tacevo,
e l'eco rispondea  laggiù  lontano…!

 
Marco Giunio Barsotti
 
 
PROLOGO


"No Nicola, non si chiama così!"
Non era la prima volta che attraversavamo quel ponte e non era neanche la prima volta che mio figlio scambiava per il fiume di casa sua ogni altro corso d'acqua piccolo o grande che fosse. Tutti siamo affezionati ai luoghi natii, alle colline viste dalla finestra della camerina, ai campi battuti nelle prime corse, ai monti scalati per la prima volta, ma niente resta più vivo nella memoria e nel sentimento dei ricordi della prima sciacquata nel fiume vicino casa. Per questo mio figlio, quando vedeva un fiume, diceva: "Ecco il Serchio".
Non c'era modo di dissuaderlo; il fiume, ogni fiume, era il Serchio e basta.
Lui conosceva quello come "fiume", il fiume di casa sua, quello dove faceva rimbalzare le ciarelle, quello dove aveva preso i suoi primi pesciolini e l'acqua era fiume e il fiume era Serchio. La geografia poteva andare a farsi benedire, era l'amore per il suo Serchio quello che contava di più.
Caro Nicola, diceva il Carducci: "or non è più quel tempo e quell'età", ma per noi non è ancora tutto perduto e intendo per noi Serchio compreso. Basta avere coraggio, amore verso la propria terra, che nel nostro caso significa acqua, e tanto ottimismo e fiducia nel prossimo.
Tuo nonno mi raccontava che quando andavano a caccia, lui e Sandrino, portavano solo il pane e il companatico, che a dissetarli ci pensava l'acqua del Serchio. Quest'acqua che ora, in certi momenti di controllo secondo la voglia e la disponibilità dell'organo preposto alla tutela dei fiumi, è dichiarata batteriologicamente pura, ed è facile farsi venire alla mente la battuta che: "lo è infatti, perché non vi vivrebbero neanche i batteri più duri".
Solo qualche bimbetto "cignalato" la può bere ora senza conseguenze, quasi che a vegliare sui piccoli ci sia un santo protettore addetto a “coleri ed epatiti”, come nel caso della piccola Silvietta, di appena un anno, che fuggita gattonando da sotto la baracca di Paolo a Bocca di Serchio, arrivò non vista al fiume e lì si ingozzò di acqua finché tutti noi, allarmati, corremmo verso quel corpicino che stava là, fermo a buco ritto. La Silvia si prese così una solenne sculacciata dalla madre che cominciò ad urlare, non tanto perché la figlia avesse corso il pericolo di affogare o dalla felicità di vederla salva, ma perché aveva bevuto "quello schifo di acqua".
Ora, siccome mi sembra di esserti venuto a noia a raccontarti di tutto quello che mi succedeva da bambino sul Serchio e al mare, ti metto tutto “periscritto” così non si potrà più dire che:
le ‘iacchere le porta via ‘r vento!
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

6/9/2021 - 20:33

AUTORE:
Chiube

Prima di tutto grazie a te che segui le mie strampalataggini, prova con: è bagnata perché è cascata in Serchio! Alla prossima carissimo GdT.

6/9/2021 - 19:05

AUTORE:
GigiDiTeglia

.......... per avermi e per averci fatto conoscere il dialogo fra te e la Tua terra e il Tuo Fiume, per aver ricordato il passato con rara tenerezza ............. grazie all'ingenuità di un bimbo come Nicola che ha attraversato tanti "Serchio" .......... e grazie per avermi fatto ricordare l'ingenuità della mia nipotina e il mio imbarazzo nel risponderle quando attraversando il Serchio e mi chiese " nonno come mai l'acqua è bagnata?" ........ Con la tua saggezza, amico chiube, con quali parole avresti risposto ad una bimba di neanche tre anni. ........ GigiDiTeglia