none_o

Come si fa a non voler lottare per la propria vita? È una domanda che si pongono gli stessi medici curanti negli ospedali di come si possa rischiare e affrontare la morte per un assurdo rispetto di un principio, di una propria e malsana idea.

Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
Nell’ultima settimana, mentre alcuni giornali scrivevano .....
Uno dei problemi più seri di molti personaggi del .....
Colpa mia ehhh; mi sfugge il nesso che lega i 300 .....
1. Se leggi i bollettini ufficiali delle ASL il triste .....
Vecchiano è Voilontariato
#tantifiliunasolamaglia


“Il gioco serio del teatro”

Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

....Ci siete? Proviamo ad aprire quella porta e ad incontrarci?
Mandateci un messaggio e noi organizzeremo un incontro.

C’è un’idea strana che aleggia su Migliarino, una sorta di profezia, a Migliarino non c’è niente e non succede niente.Siamo sicuri che a Migliarino non ci sia nulla? Proviamo a fare un inventario...

Di Matteo Cannella
none_a
La bellezza è negli occhi di chi guarda
di Luigi Polito e Sandro Petri
none_a
bit.ly/segre2020-"Il mare nero dell'indifferenza",
none_a
di
Bruno Pollacci
none_a
Elezioni del PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
none_a
Alberto Zangrillo - covid
none_a
Circolo Arci Vasca Azzurra Nodica
none_a
Comelico Superiore, Veneto
none_a
"Che tempo che fa"
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Accade a volte
che in sere con orli d'autunno
il ricordo sovvenga di quando
sul finire di scale e cortili
cosparsi nel vento
folle divenni,
senz'altro .....
Con grande dispiacere e soltanto casualmente in questi giorni sono venuta a conoscenza della morte del Dottor Assanta. Ritengo sia stato un esempio di .....
“Il Parlamento farà ciò che ritiene”: nello scontro con Franceschini tutta l’indipendenza di Draghi
“Il Parlamento farà ciò che ritiene”:

18/9/2021 - 8:16

“Il Parlamento farà ciò che ritiene”: nello scontro con Franceschini tutta l’indipendenza di Draghi

I diktat non sono consentiti. Figurarsi le minacce velate.


Questo il “Draghi-pensiero” applicato a quanto accaduto poche ore fa in Consiglio dei Ministri: protagonisti Dario Franceschini e Roberto Speranza. O più correttamente: Franceschini e lo stesso Draghi.
I fatti: il ministro della Cultura, rivolgendosi al titolare della Salute, ha chiesto che all’estensione del “super Green pass” seguisse la piena capienza per i teatri. Fuga in avanti secondo Draghi, che ha impiegato all’incirca una frazione di secondo per comprendere di essere, ben più di Speranza, il vero destinatario dell’affondo di Franceschini, il quale da tempo sente sul collo il fiato di un intero settore che intende ripartire a pieno regime.
Il metodo Draghi, però, si conferma quello del “rischio calcolato“. E riaprire oggi ad assembramenti massicci in luoghi chiusi, al netto del Green pass, costituirebbe un azzardo. A maggior ragione considerando che le scuole hanno riaperto da pochi giorni, e nemmeno in tutte le regioni. Dunque Draghi è intenzionato a valutare prima l’impatto che queste riaperture avranno sulla curva epidemiologica, poi si vedrà.
Ma al di là del merito, è il modo con cui Draghi si è opposto a Franceschini a descrivere l’essenza della sua leadership. “Non faccio norme ad hoc“, ha risposto alla richiesta di Franceschini. E quando il titolare della Cultura lo ha messo in guardia dicendo: “Ma così il governo andrà sotto in Parlamento“, la replica definitiva è stata un manifesto d’indipendenza. Draghi lo ha gelato: “Il Parlamento farà quel che ritiene. Noi prima valuteremo la situazione epidemiologica e poi decideremo“.
Un memento per tutti i presenti, scandito, al solito, senza bisogno di alzare la voce, con la sicurezza che solo l’autorevolezza può conferire. Questo è Mario Draghi: uno statista, non ricattabile da nessuno.






Fonte: Il Blog di Dario D'Angelo
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

19/9/2021 - 11:43

AUTORE:
Mister Ni

Boia. Pensavo che anche Draghi, come Renzi, avesse il canonico neurone tipo particella di sodio in acqua Lete. Dimmi te.
Pilotato dalla UE in nome della finanza e del capitale multinazionale il primo, non si sa da chi e per cosa il secondo (ma sospetto da tanti interessi personali, oltre ad un'idea velleitaria di trasformazione di Firenze in una metropoli come Roma, Milano o Napoli).
Risparmiarsi certi articoli no?!?

19/9/2021 - 9:45

AUTORE:
Osservatore politico

...e te "curioso" dirai: cosa c'incastra sempre Renzi?
Franceschini oltre essere stato segretario generale (reggente) del PD e per "far niente" come Epifani e Martina con il seguito (l'effettivo) Zingaretti.
Sono stati fra tutti (loroli) un disastro con le loro proposte fuori tempo.
Franceschini addirittura dopo tutti i fiaschi si è anche autocandidato per il colle.
Fra-Nceschini&Fra-Martina Maurizio volevano fare un governo con la 5* stelle subito-subito dopo aver perso le elezioni politiche ed il risultato (se Renzi non li fermava) rammentandogli la votazione della direzione generale PD dell'epoca che al 93% dissero: niente governo con le destre e con la 5*, han vinto; che governino loro.
Il risultato sarebbe stato questo:
Di Maio PdC, Martina vice del Di Maio e il Franceschini unico ministro del vecchio governo Gentiloni che rimaneva al suo posto.
Della serie come si dice a Vecchiano: meglio un fio secco che niente!
Sempre il solito Franceschini si premurò alle due di notte di telefonare a Matteo Renzi di dimettersi subito la mattina dopo da seg. PD causa elezioni perse (a causa di Bersani, Speranza, Epifani e Grasso) che 15 giorni prima delle elezioni politiche formarono altri due partiti Art 1 e LeU in contrapposizione al loro partito.

Ed ora menomale che Mario Draghi c'è e non è ricattabile da gente della politica politicante di quella schiera sunniominata con l'aggiunta del perfido Da-Lema.

....e ti rimando al titolo-“Il Parlamento farà ciò che ritiene”: nello scontro con Franceschini tutta l’indipendenza di Draghi.

Caro "curioso" Matteo Renzi; se ti interessa ha detto: son tranquillo, io ho già dato: ho fatto il presidente della provincia di Firenze, il sindaco della città più bella al mondo, tre anni PdC ed ora a Chigi c'è uno più bravo di me.....ma sostiene Piepoli: Renzi è ancora giovane e...curiosando-curiosando ci sta anche che...dopo averci dato Sergio Mattarella e Mario Draghi e bada bene; già si è messo in proprio perchè sotto Zingaretti ora si aveva il PD con elezioni anticipate all'opposizione di un governo Salvini-Meloni e fuori dall'Europa ed una pandemia incontrollata come nei paesi sottosviluppati, invece l'italo-americano prof. Fauci dice che l'Italia è più avanti dell'America di Biden;
Un sarà mia (mica) per caso che Draghi Mario essendo al comando comanda e...salacca il "furioso x gnente" il Franceschini Dario per non dire Darietto?

19/9/2021 - 6:50

AUTORE:
GigiDiTeglia

............... se gli facessero mancare l'apporto si dimetterebbe ma la responsabilità sarebbe dei ministri faziosi per pensano alla loro poltrona. ........ Il Presidente del Consiglio tira dritto per il bene dell'Italia tutta e per farla uscire dal pantano della pandemia e per la ripresa economica che crea lavoro e che è già fra le più forti d'Europa. ......... Da queste richieste " alla franceschiello " si valuta la pochezza di alcuni politici che ci hanno governato fino a pochi mesi fa. ........... GigiDiTeglia

19/9/2021 - 1:48

AUTORE:
Curioso

Se il governo andasse sotto in parlamento, che fa lo statista, si dimette ?