none_o


Proseguiamo il percorso annunciato nel presentare questa serie di articoli, arrivare a dare una immagine precisa e approfondita della realtà della vita delle comunità rurali dell'800 nel territorio di Vecchiano.E così, dopo aver presentato la storia e l'albero genealogico della famiglia Salviati e in modo più completo la vita di Scipione Salviati, il Padrone nel senso più completo del termine, entriamo quello che è il cuore del lavoro di Franco Gabbani, la descrizione della vita sociale e il ruolo in ogni evento della famiglia dominante.

Massimiliano Angori
none_a
Lunedì 6 dicembre dalle 18 al @Teatro del Popolo di Migliarino
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Accusarono Renzi di aver dato 10 miliardi (gli 80 euro) .....
Draghi, in consiglio dei ministri, ha proposto un .....
. . . . . . . . . . ovvero i giornalisti seri e bravi .....
Il PD del vescovo Letta ha tolto la tari alla chiesa, .....
....Ci siete? Proviamo ad aprire quella porta e ad incontrarci?
Mandateci un messaggio e noi organizzeremo un incontro.

C’è un’idea strana che aleggia su Migliarino, una sorta di profezia, a Migliarino non c’è niente e non succede niente.Siamo sicuri che a Migliarino non ci sia nulla? Proviamo a fare un inventario...

Vecchiano è Voilontariato
#tantifiliunasolamaglia


“Il gioco serio del teatro”

Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

di Riccardo Ricciardi
none_a
di Anna Ferretti e Michele Passarelli Lio (Coordinatori Provinciali)
none_a
di Renzo Moschini
none_a
I Consiglieri di Vecchiano Civica
none_a
Comitato Comunale di Italia Viva Pisa
none_a
di
Vincenzo Marini Recchia
none_a
Di Alberto Maggi
none_a
di Davide Faraone IV
none_a
Renzi e Toti lanciano il partito di Draghi: per il Colle salgono le quotazioni di Marcello Pera
none_a
Montacchiello (PI)
none_a
Marina di Pisa, 10-12 dicembre
none_a
ARCI Migliarino e CSEN S.Andrea in P.- 12 dicembre
none_a
Circolo ARCI Migliarino
none_a
Marina di Pisa, 3 dicembre
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Seduto al freddo e piove neve
Ma non ti nota quella gente
Con quello sguardo cerchi aiuto
Tu sei per loro inesistente
Mentre tu geli fra il cartone
Passan .....
Buongiorno, stamattina anche complice il forte vento e' caduto un palo della luce stradale in via d'ombra zona largo tazio Nuvolari, solo il "caso" a fatto .....
no vax? Portateli a visitare un reparto"
Ricovero di 208 giorni per battere il Covid.

16/10/2021 - 0:38


Ricovero di 208 giorni per battere il Covid. "I no vax? Portateli a visitare un reparto"

Giorgi, 63 anni, ex presidente del corpo musicale di Altopascio è tornato a casa

di MASSIMO STEFANINI
 "Per cinque mesi ostaggio dell’incubo Covid" "Ho pensato spesso: non torno più a casa..



Paolo Giorgi insieme alla moglie e alle tre figlie

Altopascio (Lucca), 14 ottobre 2021 - Una cittadina in festa. Per il ritorno a casa di Paolo Giorgi, 63 anni, di Altopascio, 208 giorni dopo e svariati ricoveri in ospedale a causa del Covid.

Un record di cui l’ex presidente del corpo musicale di Altopascio avrebbe fatto volentieri a meno. Il ritorno nella sua abitazione è stato salutato dall’affetto di parenti e numerosi amici e anche dal sindaco Sara D’Ambrosio. Una storia a lieto fine anche se i postumi della malattia sono ancora difficoltosi. Soprattutto a livello respiratorio.
Ma riavvolgiamo il nastro, come si suol dire, Giorgi, ricorda come è iniziata questa odissea?

"Purtroppo perfettamente, forse sarebbe meglio dimenticarla questa drammatica esperienza. Il virus ci ha contagiati tutti in famiglia. Il 16 marzo scorso, il personale Usca, le Unità Speciali di Continuità Assistenziale, rilevò un peggioramento e venni condotto, insieme a mia moglie Anna Maria in ospedale, lei in sub intensiva, io in terapia intensiva. Eravamo ad un piano di distanza, ma nessuno sapeva niente dell’altro. E questo ha creato ansia e preoccupazione. Mentre lei ha avuto un decorso regolare, io ho avuto un tracollo".

Che è accaduto?

"La polmonite bilaterale mi stava devastando, ho subito una tracheotomia e poi sono stato intubato.

Non miglioravo e pensavo che non ci avrei levato le gambe, poi la svolta…".

Cosa le ha salvato la vita?"

La presenza a Cisanello di una macchina chiamata Ecmo che provvede ad eseguire l’ossigenazione venosa".

C’è una sensazione dolorosa che ricorda in maniera particolare?

"La percezione di essere all’interno di una bolla di sapone e di respirare acqua. Ho ancora delle visioni se ci ripenso. E’ terribile. Ve lo assicuro. I primi mesi si sono rivelati tremendi. Meno male che successivamente ho cominciato a rivedere la luce in fondo al tunnel, le mie condizioni hanno avuto un lento, ma graduale miglioramento. Poi ho dovuto fare la riabilitazione, perché avevo muscoli completamente atrofizzati e nervi ormai deteriorati.

Prima all’ospedale Versilia, infine a Barga".



+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri