none_o

L’impoverimento del linguaggio e l’incapacità di descrivere le proprie emozioni è una delle principali cause dell’aumento di violenza nella sfera pubblica e privata ma anche responsabile di una accertata riduzione della nostra intelligenza.

A tutti coloro che, con a mio parere una buona dose .....
Il mondo va avanti e le genti pure, nel bene e nel .....
. . . . . . . . . . . un t'è bastata la lezione a .....
. . . nel 2029 il PdR debba esser eletto direttamente .....
Vecchiano è Voilontariato
#tantifiliunasolamaglia


“Il gioco serio del teatro”

Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

....Ci siete? Proviamo ad aprire quella porta e ad incontrarci?
Mandateci un messaggio e noi organizzeremo un incontro.

C’è un’idea strana che aleggia su Migliarino, una sorta di profezia, a Migliarino non c’è niente e non succede niente.Siamo sicuri che a Migliarino non ci sia nulla? Proviamo a fare un inventario...

Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Spazio Donna.
Perché la memoria non sia persa.
none_a
Dal web
none_a
Franca
none_a
San Giuliano Terme, 20 febbraio
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Elezioni del PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
none_a
Alberto Zangrillo - covid
none_a
Circolo Arci Vasca Azzurra Nodica
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Accade a volte
che in sere con orli d'autunno
il ricordo sovvenga di quando
sul finire di scale e cortili
cosparsi nel vento
folle divenni,
senz'altro .....
Con grande dispiacere e soltanto casualmente in questi giorni sono venuta a conoscenza della morte del Dottor Assanta. Ritengo sia stato un esempio di .....
#UNALTRACOSA di Enrico Tuzii - Università La Sapienza Roma
IL SENATORE MONTI METTE IL DITO NELLA PIAGA

29/11/2021 - 13:13

IL SENATORE MONTI METTE IL DITO NELLA PIAGA, sollevando il problema che l’infodemia in corso ormai da due anni ha causato nel nostro Paese.
Dando voce a tutti, in nome della democrazia,  si sono accavallate informazioni giuste e sbagliate, lasciando ai telespettatori (i meno colti d’Europa!) la facoltà di decidere cosa è vero e cosa invece non lo è.
Senza il greenpass, ad oggi, mezza Italia non sarebbe vaccinata e la pandemia sarebbe ancora in corso.


La soluzione non è quella proposta da Monti.
Non è il “controllo dell’informazione dall’alto”.
Non è una rinuncia alla democrazia.

La soluzione è la stessa che avremmo dovuto adottare quando la tv si impossessò della politica, più di 25 anni fa, giacché in quel campo le false notizie hanno fatto danni anche peggiori.

La soluzione è il “fact checking”,ossia accertamento dei fatti.

Gli attuali conduttori tv sono impreparati a questa funzione,e spesso non sanno nulla dell’argomento di cui si parla.
Hanno attenzione solo per i tempi pubblicitari.
Per il “tassativo” da mandare in quel momento a costo di interrompere il filo di un discorso che può fare chiarezza sul tema del dibattito.
L’importanza del ruolo sociale dei conduttori non è percepita dal mainstream mediatico, che li arruola come manovali dello spot pubblicitario e pure molto ben pagati.
La tv è solo una macchina da soldi e più si alzano i toni più sale l’audience.
È SOLO QUESTO che conta!

Occorre risolvere al più presto questo problema di civiltá e correggere questa pericolosa miopia.
Siamo primi in Europa per analfabetismo funzionale.
Un primato che sarebbe meglio far cadere…





+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

30/11/2021 - 9:00

AUTORE:
Paolo Gelli

... che su Omicron bisogna agire presto.
L’OMS che non c’è nessuna prova che la variante sua più pericolosa e che comunque con Omicron non è morto nessuno.
Tre notizie “sottopancia” al notiziario mentre uno si prepara il caffè.
Infodemia insomma: notizie in (almeno apparente) contrasto che hanno ingenerato confusione e nella confusione ci può andare a finire tutto. In particolare le notizie contrastanti sgonfiano una questione, la volgono quasi al ridicolo.
Perché guardate, stando almeno al mio non statistico campione, il delirio no-vax nasce con un sentimento di negazione: “è troppo grossa per essere vera, non è possibile che la mia vita venga stravolta così, ci nascondono qualcosa, vedrai che è tutta una manovra di... “mettete chi vi pare). Ricordo perfettamente i primi post dell’apocalisse pandemica di L. e di P.: tutti erano all’insegna di una specie di motto alla Woody Allen: “cosa penso del Covid? Sono assolutamente contraria!”
E quindi sarebbe bene che i preposti alla deontologia professionale dei giornalisti dessero delle regole un po’ ferree, con modalità un po’ meno democratiche, come ha auspicato Mario Monti, costretto subito dopo a mettersi in ginocchio sui ceci. Ma io non sono Monti e quindi concordo sul fatto che sarebbe utile una “comunicazione di guerra”.

29/11/2021 - 18:24

AUTORE:
Beppe il Nero

Altra new entry, direttamente dal mondo accademico di Facebook. Questo è forte eh ? Ha studiato psicologia, non è dato sapere quanto, ma ha studiato. E ha le ricette pronte per tutto. Anche quelle del suo medico.