none_o

Se la guerra si dovesse decidere in televisione probabilmente sarebbe una guerra infinita, stante le diverse e spesso divergenti opinioni. Su tutto, sulle cause, le strategie, le soluzioni. Ma ogni opinione è di per sé, per definizione, rispettabile, se non presa per interesse personale o strategia politica. Ognuno ha il diritto costituzionale di esprimere la sua evitando sempre di offendere gli altri.

BASE MILITARE A COLTANO
. . . . . finalmente la Provincia .....
La saluto affettuosamente senza improperi…non mi .....
. . . . . . . . . . . . . . . tu sia indottrinato .....
. . . . trovatene uno bono, ne hai immensamente bisogno. .....


Quando la poesia chiama bisogna rispondere.

(di Nadia Chiaverini)


Credo che nascondere o modificare il proprio corpo che invecchia, faccia parte di un agire - imparato - che non vuole farci accedere con agio alla saggezza dell'invecchiamento.


Quando ero bambina aspettavo con entusiasmo la seconda domenica di maggio perché era la festa della mamma e coincideva con quella del paese di Migliarino dove vivevo con la mia famiglia.

Dal blog di Fulvia Ferrero (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Umberto Mosso (a cura di BB, red VdS)
none_a
Zelensky a sorpresa al Festival di Cannes (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Giovanni Frullano eletto segretario all’unanimità
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
MIgliarino-Vecchiano calcio
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Sentirsi come zolla di terra appena arata e accogliere i semi portati dal vento per sperare sempre in nuove messi.
Ho apprezzato moltissimo che qualcuno abbia sentito il bisogno di far conoscere la scritta di un probabile spacciatore-tossicodipendente poeta presso la .....
di
Fabio Bordignon- il Mattino
Fermo immagine sul 2021

22/12/2021 - 8:49

Fermo immagine sul 2021


Le immancabili gallerie e le classifiche di fine anno raccontano i successi dell’Italia. Ma mentre scorriamo, su siti nazionali ed europei, la timeline del 2021, un brivido corre lungo la schiena: e se la magia, nel 2022, dovesse dissolversi?
Muniti di terza dose, ci apprestiamo ad entrare nel terzo (!) anno dell’era Covid, e le principali ansie (e le principali tensioni) derivano, ancora, dal fronte sanitario. Sebbene i risultati della via italiana al contenimento del virus siano stati riconosciuti anche in Europa, la situazione rimane precaria. Come, di riflesso, rimangono precarie le stime sulla crescita economica. Sulle quali, come ha ricordato ieri Sabino Cassese sul Corriere, pesano ancora le tante debolezze dell’Italia. Tra queste, rimane, forse per prima, la fragilità del sistema politico.
Del resto, il primato di Paese dell’anno, assegnatoci dall’Economist, lo dobbiamo (anche) all’uomo dell’anno: Mario Draghi, la «persona più potente d’Europa», secondo un’altra graduatoria continentale, quella di Politico.eu, che lo etichetta come «tecnocrate politico». Peccato non sia ancora chiaro come tale potere verrà esercitato, nei prossimi mesi. Anzitutto, da quale palazzo. Visto che il 2022 è destinato ad aprirsi davanti al bivio Chigi/Quirinale.
In un mondo sempre più veloce e interconnesso, attraversato da continue crisi, i risultati devono essere confermati: anno per anno, giorno per giorno. Le immagini degli ultimi mesi non possono essere fermate. Ci dicono, però, che un’altra Italia è possibile. E che, in tutte le recenti foto di famiglia, c’è lui: l’attuale Presidente del consiglio. È necessario, quindi, fare il prima possibile chiarezza sul suo futuro. Il sistema politico-istituzionale, tuttavia, non sembra in grado di farlo. Pare, anzi, alle prese con l’ennesimo cortocircuito. I partiti incapaci di indicare una via d’uscita alla situazione d’impasse. L’interessato, per correttezza istituzionale, non può esprimersi. I cittadini vorrebbero farlo – come ci dice il Rapporto annuale su Gli Italiani e lo Stato LaPolis-Demos, pubblicato oggi su L’Espresso – ma non possono.
In assenza di una soluzione, questo passaggio potrebbe presto rigettarci dentro una spirale di conflittualità-instabilità-elezioni-caos politico. Magari non succederà. Ma le avvisaglie ci sono tutte. Le ricadute sarebbero gravose, per l’intero sistema paese.
La paura, allora, è giustificata. La paura di svegliarci dal sogno. Riscoprirci quelli di sempre. Trovarci, da campioni d’Europa, a faticare nuovamente sui campi minori. Certo, alla mezzanotte del 31 dicembre i Måneskin non si trasformeranno nei Cugini di campagna, Matteo Berrettini nel geom. Filini («ragioniere che fa, batti?»). Ma la paura di tornare tra le cenerentole d’Europa non è poi del tutto infondata.
 Fabio Bordignon @fabord

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri