none_o


L'articolo di oggi non poteva non far riferimento alla festa del SS. Crocifisso che Pontasserchio si appresta a celebrare, il 28 aprile.Da quella ricorrenza è nata la Fiera del 28, che poi da diversi anni si è trasformata in Agrifiera, pronta ad essere inaugurata il 19 aprile per aprire i battenti sabato 20.La vicenda che viene narrata, con il riferimento al miracolo del SS. Crocifisso, riguarda la diatriba sorta tra parroci per il possesso di una campana alla fine del '700, originata dalla "dismissione" delle due vecchie chiese di Vecchializia. 

. . . quanto ad essere informato, sicuramente lo sono .....
Lei non è "abbastanzina informato" si informi chi .....
. . . è che Macron vuole Lagarde a capo della commissione .....
"250 giorni dall’apertura del Giubileo 2025: le .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
San Giuliano Terme
Illuminazione, segui l'avanzamento dei lavori

3/1/2022 - 16:41


Il progetto di riqualificazione della pubblica illuminazione a cura di Siram Veolia, concessionario del servizio di gestione integrata degli impianti di illuminazione pubblica e degli impianti termici ed elettrici degli edifici del Comune di San Giuliano Terme, è volto alla riduzione dei consumi energetici mediante la sostituzione dei corpi illuminanti attualmente in opera in favore di altri con tecnologia LED.

 

Il numero totale di corpi illuminanti oggetto di intervento di riqualifica sono 5.478 all’interno dell’intero territorio comunale.

Altro step di riduzione dei consumi è ottenuto installando, sui quadri elettrici, interruttori di tipo astronomico, per accendere gli impianti contemporaneamente al crepuscolo geografico della zona, e sistemi di telecontrollo.

Da un punto di vista della sicurezza è prevista la sostituzione di armadi stradali, di quadri elettrici, di linee elettriche danneggiate e la sostituzione e verniciatura di pali di sostegno rotti, danneggiati, eccessivamente arrugginiti o inclinati. I lavori sono iniziati il 21 dicembre 2021.


Di seguito, attraverso questi indicatori, è possibile seguire lo sviluppo del progetto all’interno del territorio.
 
Aggiornato al 31 dicembre 2021
 
APPARATI DI ILLUMINAZIONE SOSTITUITI 210
 
STATO AVANZAMENTO INTERVENTO 4 %
 
RIDUZIONE CONSUMI ENERGETICI 3 %
 
RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO2 681 kg risparmiati in una settimana

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

4/1/2022 - 18:50

AUTORE:
Marlo Puccetti

Proprio questo articolo fa richiamo ad uno precedente sulla illuminazione della rotatoria di Orzignano del 4 luglio 2021 dove sembrava imminente l'illuminazione della rotatoria. Siamo ai primi di gennaio 2022 e ancora si brancola nel buio. L'unico che potrebbe esultare è Revol che richiama allo spegnimento della illuminazione pubblica di notte. Di per sè è un ossimoro se metti la illuminazione pubblica per poi spegnerla addirittura dalle 23 in estate basterebbe non accenderla. Si rischia di avere una visione fondamentalista incomprensibile, perchè tenere spento? al limite in alcuni casi si potrebbe tenere acceso alternativamente (un punto luce si e uno no).Comunque in Francia l'interruzione è dalle 01 di notte alle 6 del mattino ma non dappertutto. Obiettivamente anch'io mi meraviglio dei parcheggi pubblici dove spesso c'è una illuminazione a giorno. Come in tutte le cose ci vuole buon senso.
Marlo Puccetti

3/1/2022 - 22:11

AUTORE:
Revol

E giusto pensare al risparmio energetico quando si parla di illuminazione pubblica ma bisogna anche combinarla alla lotta contro l'inquinamento luminoso del quale si parla ben poco in Italia eppure è il paese con l'inquinamento più alto d'Europa in questo campo. Basta guardare le foto satellitari notturne. La pianura Padana è un gigante triangolo giallo invece che nero. E anche da Pisa a Firenze si vedono poco o nulla le stelle di notte. Spero che il Comune di San Giuliano abbia preso in considerazione la Legge Regionale 37/00 per progettare la nuova illuminazione e chi sa se presto potrà essere di esempio per altri comune d'italia scegliendo di spegnere del tutto l'illuminazione di notte come avviene sempre di più in vari comuni d'Europa peraltro in Francia dove scelgono di spegnere le illuminazione pubbliche dalle 23.00 alle 6.00 con rilevanti risparmi e senza problema aggiuntivo di sicurezza.