none_o

Se sul campo la guerra continua con le solite nefandezze sui nostri media nazionali appare sbiadita, superata da altri e più urgenti problemi, vecchi come il Covid e nuovi come la recente crisi politica. Oramai è un sottofondo e tranne per il pericolo Zaporizhzhia i nuovi morti e le nuove devastazioni attirano sempre meno l’attenzione dei media nazionali. Come i media anche la nostra psiche si adatta.

Angori Massimiliano
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
. . . era da pubblicare la presa per i fondelli fatta .....
Uno degli scambi di post più interessanti degli ultimi .....
Essere candidati non vuol dire essere eletti. Quest'anno .....
CHE VUOL DIRE: BRAVO BRUNO!
. . . . . . . . . . . .....


"Fra gli alberi" Opera pittorica di Patrizia Falconetti

di Matteo Renzi (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Umberto Mosso (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Renzo Moschini (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
di Renato Brunetta ministro
none_a
Coordinamento regionale Forza Italia Toscana
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
POSTE ITALIANE
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Io, Medico (dr. Pardini e altri)
none_a
Vicopisano
none_a
"Cinema Sotto le Stelle" a Calci
none_a
BUTI
none_a
ANIMALI CELESTI
teatro d’arte civile
none_a
COMITATO PER LA DIFESA DI COLTANO (PARCO MSRM)
none_a
Capita che ci si perde in tempi lontani, dove niente fiorisce spontaneamente.
Ma la vita vive lo stesso
In zone diverse, con ritmi diversi.
Avevo .....
ASSEMBLEA PUBBLICA ASBUC DEL 21 LUGLIO 2022
Ricordiamo che il 21 Luglio 2022 alle ore 20, 30 presso la Sala Consiliare del Comune di Vecchiano, sita .....
di Mario Lavia
La controfigura. Il governo Draghi senza Draghi non ha senso, piuttosto si lavori per rafforzarlo

8/1/2022 - 17:39

La controfigura Il governo Draghi senza Draghi non ha senso, piuttosto si lavori per rafforzarlo

Pensare di proporre un esecutivo fotocopia, ma con un diverso presidente del Consiglio, è assurdo. O si va a elezioni (ma sarebbe infausto) oppure le forze responsabili devono stringere i bulloni del quadro politico e andare avanti, con chi ci sta

Diversi osservatori seri, e una moltitudine di “bartaliani” per i quali è tutto sbagliato e tutto da rifare, vanno sostenendo che Mario Draghi ha sostanzialmente esaurito la sua spinta propulsiva: prova ne è il compromesso di due giorni fa sull’obbligo vaccinale per gli over 50 e le altre misure anti-Covid.
A parte il fatto che è curioso che protagonisti o studiosi della politica si scandalizzino per il fatto che il premier abbia dovuto mediare, come se non fosse a capo di una maggioranza larghissima e dunque super-composita (e questa contrapposizione tra mediazione e decisionismo appare davvero fuori dalla logica della politica), si scopre adesso che Draghi stia operando in una situazione diversa da quella di cinque mesi fa. Ma di cosa ci si stupisce? In questo “prologo quirinalizio” i partiti rialzano tutti la testa e questo non può non determinare un contraccolpo negativo sulla maggioranza; e sentono odore di ritorno pieno al potere in nome dell’ipocrita “primato della politica”.

In molti hanno l’acquolina in bocca sognando un panorama senza più Draghi. Facciamo nomi e cognomi: la Lega che ormai non fa più nulla per mediare; e un M5s che ha cambiato tre linee in due giorni a causa di uno sbandamento ormai irreversibile. Il Pd in questo frangente ha tenuto bene ma ogni tanto qualcuno disegna scenari diversi. Questo improvviso riformarsi del tandem gialloverde è in sé preoccupante, dato il ben noto tasso di volubilità di Salvini e Conte. Ma mentre quest’ultimo non è in grado di avere una linea, il capo leghista sembra entrato di nuovo in modalità-Papeete, stanco di fare una parte non sua, quello del responsabile al servizio di un premier come Draghi.

Stando così le cose è un miracolo il fatto che il presidente del Consiglio sia riuscito a introdurre una serie di norme (che magari andranno meglio specificate e coordinate) per arginare l’ondata spaventosa di Omicron, la quale – va ricordato ai sapientoni di ogni tipo – è piombata come un tornado senza peraltro che Delta fosse stata debellata.

Pertanto la situazione è diventata molto fluida. Di fronte al Paese ci sono sostanzialmente due strade. O si stabilisce che effettivamente il governo Draghi ha esaurito la sua funzione (ma ci vuole un partito che lo dica ed esca dal governo) e allora si deve andare a elezioni anticipate perché la democrazia esige che ci sia un governo che governi, tanto più in una situazione come questa.
Oppure si sceglie di andare avanti con questo governo (che equivale a dire: con questo premier) ovviamente rinegoziando il programma e le priorità per andare dritti verso la fine naturale della legislatura. Tertium non datur.

Le ipotesi di un governo Draghi senza Draghi sembra una presa in giro: ma quale “fotocopia” sarebbe senza il suo pivot? E poi chi sarebbe questa controfigura di Super Mario? Un tecnico non avrebbe la sua forza, un politico avrebbe automaticamente contro mezza maggioranza. Perché mai Matteo Salvini dovrebbe appoggiare un governo a guida Pd, se già fa tanta fatica a stare dietro Draghi? E perché Enrico Letta dovrebbe dire sì a un governo Di Maio? O c’è chi pensa a una maggioranza diversa, più stretta dell’attuale, la quarta maggioranza della legislatura? Via, è tutto molto debole.
Rafforzare Draghi dunque pare la scelta più ragionevole. Dovrebbe essere questa la posizione dei tre partiti che mercoledì sera in Consiglio dei ministri sono stati dalla parte di Draghi e delle misure adottate: Pd, Italia viva e Forza Italia (più LeU che ormai va considerata come una corrente del Pd, anzi, è molto più disciplinata di certe correnti dem).

Se una lezione politica si può trarre dalle ultime scelte del governo è proprio questa, che uno “zoccolo duro”, un “campo draghiano” esiste e deve esistere anche in vista delle elezioni.
Sta soprattutto al Pd ragionare sul da farsi, essendo il partito di Letta il più politicamente attrezzato per individuare una corretta via d’uscita da una situazione potenzialmente pericolosissima, quella del salto nel buio verso elezioni che darebbero un esito infausto per il Pd medesimo. Enrico Letta ha l’occasione per svolgere un’iniziativa che stringa i bulloni del quadro politico, con Mario Draghi e con chi ci vorrà stare. Ma bisogna far presto, se non si vuole che il Paese scivoli di nuovo nella palude.





+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

8/1/2022 - 23:29

AUTORE:
vecchianese di s. Frediano

...te lo tocca.
Talmente bravo che era all'Unita quando Renzi la chiuse.
Ora scrive per un blog carbonaro, nel senso che lo leggono forse i familiari. Sono soddisfazioni...

8/1/2022 - 22:48

AUTORE:
XXXL

....il giornalista Lavia Mario: unci rivi.

8/1/2022 - 22:38

AUTORE:
vecchianese di s. Frediano

Credo che Lavia sia ormai l'unico commentatore che non ha capito, e Draghi lo ha detto chiaramente prima di Natale, che super Mario vuole andare al Quirinale. Ma, niente, lui insiste.
E senza Draghi non c'è maggioranza, senza maggioranza non c'è governo. E, a meno di un mezzo miracolo, la finale sono le elezioni anticipate.
È questo il tasto dolente che agita Lavia, la paura di elezioni.
Che per inciso farebbero comodo a diverse forze politiche : Lega e Fdi va da sé, anche il PD lettiano ci fa un pensierino, tanto per regolare qualche conto interno. I problemi ci sarebbero per i 5stelle di Conte e per tutti i vari partitini personali. Qui sta il problema di tanto agitarsi eh Mario, Lavia ovviamente.
Da ricordare ; prossima legislatura con 400 deputati e 200 senatori.
P.s. è da due anni che siamo in pandemia, prima senza vaccini, ora con i vaccini e siamo sempre impreparati...pure con i cosiddetti migliori..