none_o

Se la guerra si dovesse decidere in televisione probabilmente sarebbe una guerra infinita, stante le diverse e spesso divergenti opinioni. Su tutto, sulle cause, le strategie, le soluzioni. Ma ogni opinione è di per sé, per definizione, rispettabile, se non presa per interesse personale o strategia politica. Ognuno ha il diritto costituzionale di esprimere la sua evitando sempre di offendere gli altri.

BASE MILITARE A COLTANO
. . . . . finalmente la Provincia .....
La saluto affettuosamente senza improperi…non mi .....
. . . . . . . . . . . . . . . tu sia indottrinato .....
. . . . trovatene uno bono, ne hai immensamente bisogno. .....


Quando la poesia chiama bisogna rispondere.

(di Nadia Chiaverini)


Credo che nascondere o modificare il proprio corpo che invecchia, faccia parte di un agire - imparato - che non vuole farci accedere con agio alla saggezza dell'invecchiamento.


Quando ero bambina aspettavo con entusiasmo la seconda domenica di maggio perché era la festa della mamma e coincideva con quella del paese di Migliarino dove vivevo con la mia famiglia.

di Mara Carfagna, ministro per il Sud (a cura di BB, red VdS)
none_a
Dal blog di Fulvia Ferrero (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Umberto Mosso (a cura di BB, red VdS)
none_a
Zelensky a sorpresa al Festival di Cannes (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
MIgliarino-Vecchiano calcio
none_a
Sentirsi come zolla di terra appena arata e accogliere i semi portati dal vento per sperare sempre in nuove messi.
Ho apprezzato moltissimo che qualcuno abbia sentito il bisogno di far conoscere la scritta di un probabile spacciatore-tossicodipendente poeta presso la .....
Dal web
IL DOPPIO STANDARD NELLA PANDEMIA.

23/1/2022 - 9:45

IL DOPPIO STANDARD NELLA PANDEMIA.

 

I dati settimanali sull’andamento della pandemia, diffusi ieri dall’Istituto Superiore di Sanità, ci dicono due cose che vale la pena sottolineare.La prima è che la curva dei contagi, dei ricoveri e delle terapie intensive, dopo settimane in salita dovuta ad Omicron, tende ad appiattirsi, condizione che in genere precede la discesa.

La seconda è che un non vaccinato ha oltre l’80% di possibilità in più di infettarsi rispetto a un vaccinato con tre dosi, quindi di contagiare, e che la possibilità che muoia è 33 volte superiore a quella che muoia un vaccinato.Non c’è bisogno di essere statistici per fare un calcolo semplice, simulando in quale situazione avremmo potuto essere oggi se tutti si fossero vaccinati secondo i tempi e le modalità decise dal governo. Avremmo 1/33°, dico un trentatreesimo, degli attuali deceduti. Ieri sono stati 333, sarebbero stati 10.

Il mio sarà pure un calcolo poco scientifico, ma anche se invece di 10 decessi ne avessimo avuti 100 avremmo comunque risparmiato 233 vite.Significa che i NoVax hanno perso la partita, umana e politica, confermando che, prima ancora, avevano perso l’istinto di autoconservazione che caratterizza tutti gli esseri viventi. Spiriti morti nella mente, prima ancora che nel corpo, ai quali non rimane che dire che quei dati sono falsi senza portare, come al solito, alcuna prova a conferma di questa affermazione.Con zero NoVax saremmo in uno scenario diverso, che sarebbe stato possibile se tutti avessero seguito le istruzioni di sopravvivenza e convivenza con la pandemia. Anche se la nostra è ancora la situazione migliore a livello europeo, vedendo le condizioni di Francia e Germania, considerando l’equilibrio in continuo adattamento tra le misure sanitarie e quelle economiche che, entrambe, ci consentono di vivere.

Il fatto che non tutti si siano vaccinati ci ha costretto, secondo la linea di “comprensione a condizione che” seguita fin qui, a inerpicarci in regole di comportamento sempre più complesse le quali, comunque, hanno funzionato se consideriamo le chiusure della prima ondata con le aperture di quella attuale, nonostante quest’ultima sia più veloce ed espansiva.I media che negli ultimi due mesi hanno attaccato Draghi commentando i numeri della quarta ondata forse senza capirli, farebbero bene a smetterla di prendere in giro la gente, dato che si è capito che sono condizionati dall’indirizzo politico dei loro editori.

Ai direttori che non fanno giornalismo, ma vestono abusivamente e su commissione i panni dei “grandi elettori” virtuali per condizionare l’opinione pubblica sulle decisioni di quelli veri, hanno fatto un pessimo servizio al Paese e alla professione.

I dati di ieri ci dicono, infine, che sarebbe ora di smetterla di tollerare i NoVax considerando un tampone negativo alla stregua di un ciclo vaccinale compiuto. Non è possibile che continui ad esistere un greenpass “di base”, ottenuto col solo tampone, che dia l’agibilità anche se a un numero limitato di movimenti.Perché non si tratta più solo di un problema sanitario, c’è da sanzionare l’iresponsabilità di ogni singolo NoVax che, in base ad una malintesa e incostituzionale idea di libertà individuale, mette a rischio la salute e la vita di altre persone.

Il campo NoVax si va restringendo. Vedremo dopo il 1 febbraio quanto funzioneranno le nuove restrizioni per loro, ma la politica dei tamponi di massa non ha senso ormai, se non per chi ha bisogno di una diagnosi.Un tampone che fotografa un istante non può valere tre vaccini, neanche per entrare dal tabaccaio. Se dobbiamo convivere ancora molto tempo con la pandemia non può prolungarsi oltre questo doppio standard. 
UM

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri