none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
REDAZIONE - de Il Foglio
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Antonio Mazzeo
none_a
di Andrea Paganelli
none_a
PRESENTAZIONE DI Antonio Giuseppe Campo (per studenti e lavoratori fuori sede)
none_a
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Le emozioni letterarie di Lily.

10/2/2022 - 13:32



Ho cercato inutilmente di far parlare questa solitudine.... Pino Daniele 


Forse in mezzo ad un mondo affollato ha intravisto la solitudine. Forse un giorno, passeggiando in Spaccanapoli brulicante di umanità, ha incontrato lo sguardo perso di qualcuno. Forse l’ha sperimentata lui, la solitudine. Perché scegliere di essere solo, di trovare sé stesso, radici, vissuti, futuro o passato, può anche fare bene all' anima. Se invece la solitudine la si patisce, come abbandono, indifferenza, invisibilità, ti porta un groppo in gola, uno struggimento infinito. Sono stanze e cieli senza parole, senza abbracci, senza sguardi. E puoi morire tra i tuoi pensieri, raccolta in te stessa seduta su una sedia, con un Dio finalmente pietoso che ti poggia la mano sulla testa e ti agguanta il cuore con gentilezza.

Lo spero.

Perché il mio Dio si incazzerebbe, atterrerebbe più che suscitare. Ma lui lo sa che sono intemperante, bizzosa, scoppiettante. Ogni tato sospira e mi acciuffa. Tanto per ricordarmi che anche se non amo i suoi intermediari, anzi li detesto in gran parte, il capo è lui. La fede è un dono, un fardello, un dubbio, un imbarazzo, la possibilità consolante di essere immortali, unici. Ma in verità siamo unici anche senza un Dio, la vita ci appartiene. Ed è appunto quando sei consapevole che potresti vivere anche senza la sua idea, che potresti non averne bisogno, che il gioco si fa serio. Quando anche il Perché, dove sei, facile la storia del libero arbitrio non generano sdegno o derisione, è proprio esattamente lì che sai di essere perduta all'ateismo. Da quel momento come va va, devi prendere la bicicletta e andare dove la solitudine è un sospiro e una vergogna. Essere soli non è mai una colpa, non essere riusciti a conquistare l’amore e l’attenzione di qualcuno. E' al contrario la vigliaccheria di chi ha scelto di tenersi stretto il suo tempo, la sua vita luccicante (non è oro quel che luccica).

Ciao Irma lasciami la bicicletta appoggiata all' albero...

(bimba pedala e chiacchera quando serve, il bene è l'unica cosa che non si paga)

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri