none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . mia nonna aveva le ruote era un carretto. La .....
. . . la merda dello stallatico più la giri più puzza. .....
. . . ci siamo eruditi, siamo passati da Rametti a .....
Ripetere 1000 volte la verità assoluta dei fatti con .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per scrivere alla rubrica: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Tirrenia, 17 giugno
none_a
di Alessio Niccolai con Alma Pisarum APS
none_a
Villa di Corliano, 27 giugno
none_a
Pugnano, 22 giugno
none_a
Tirrenia, 15 giugno
none_a
Le cose andrebbero meglio
se non bene
se si procedesse
tutti quanti insieme. . .
rispettando modi, tempi, capacità
valorizzando le competenze .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Pontasserchio
Meno trenta giorni ad Agrifiera 2022, la 112esima edizione: work in progress

22/3/2022 - 13:17

Il 19 aprile la conferenza stampa di lancio, il 22 l'inaugurazione ufficiale al Parco della Pace


Agrifiera 2022, ci siamo!
Dopo le recenti decisioni del Governo, si fa sempre più concreta la possibilità di svolgere Agrifiera 2022, la numero 112, dopo due anni di sospensione, evento infausto avvenuto soltanto durante la Seconda guerra mondiale.


Ai primi di febbraio, l'amministrazione comunale si è trovata di fronte a un bivio, con l'impossibilità di ritardare la decisione, se cancellare la fiera per il terzo anno consecutivo o credere fino in fondo alla possibilità che un miglioramento della situazione pandemica rendesse poi possibile realizzarla senza vincoli e limitazioni, che ne snaturassero le caratteristiche di appuntamento importante e fortemente condiviso da tanti visitatori nel Parco della Pace "Tiziano Terzani" di Pontasserchio.

 

Poteva essere una scommessa azzardata, ma si deciso di farla e i fatti sono, fortunatamente, dalla nostra parte.


Da qualche settimana si è partiti a pieno regime, con l'impegno del sindaco Sergio Di Maio e della vicesindaca con delega ad Agrifiera, Lucia Scatena, per prima cosa ricostituendo l'assemblea e il Comitato di gestione della fiera, rendendo così operative le decisioni prese e le attività conseguenti.


I segnali sono già visibili, con Geste, la società in house del Comune, che sta provvedendo alla sistemazione dell'area animali (steccate, tettoie).


Il progetto generale di Agrifiera, la prima di fatto di quest'amministrazione insediatasi a giugno 2019, era già pronto dal 2020 con numerose modifiche rispetto al passato, quindi sono stati sufficienti piccoli aggiustamenti.

Di rilievo ci sarà l'eliminazione del grande padiglione centrale, riducendo così gli spazi al chiuso, ottenendo stand espositivi più arieggiati, cosa non trascurabile in tempo di pandemia da Covid-19.

Anche l'area istituzionale modificherà la sua forma, passando a uno sviluppo circolare.


L'attesa che si è creata in questi due anni è ben valutabile dalle richieste di partecipazione degli espositori dei vari settori.

Se ne prevedono alla fine oltre 200.

Dovrebbero fare ritorno anche i "gemelli" di Bad Tölz, da cui attendiamo verso fine marzo la risposta definitiva, che ci auguriamo potrà essere positiva.

In fase di completamento anche i programmi dei convegni e degli spettacoli.

 

Una piacevole novità, in particolare per i bimbi, come si può immaginare dai bozzetti, sarà l'inserimento di una "fattoria" realizzata in cartapesta dal maestro Emilio Cinquini, uno dei protagonisti dei carri di prima categoria del Carnevale di Viareggio.

In termini di immagine, è allo studio il nuovo logo ed è già in programma un'ulteriore novità per il 2023, su cui contiamo di tornare più avanti.

 

La data prevista, come già comunicato, è dal 23 aprile al 1° maggio, con inaugurazione il 22 aprile.

L'inaugurazione sarà preceduta dalla tradizionale sfilata dal Teatro Rossini all'ingresso della fiera.
L'amministrazione comunale sta già lavorando a tal fine con le associazioni di Pontasserchio, la Filarmonica Sangiulianese, gli Arcieri della Rocca di San Paolino a Ripafratta e Antitesi Teatro Circo, cercando di allargare ancora di più la partecipazione.

 

Come si può capire, mancano ancora numerosi dettagli, che verranno integralmente svelati nella conferenza stampa che si terrà il 19 aprile, luogo e orario da stabilire.
Però è chiaro che tutto sarà pronto per ospitare questa nuova e attesissima edizione 2022 nel Parco della Pace (e mai questa collocazione è stata più adeguata visto quanto accade nel mondo), intitolato a Tiziano Terzani, a Pontasserchio. 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri