none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
di Andrea Paganelli
none_a
PRESENTAZIONE DI Antonio Giuseppe Campo (per studenti e lavoratori fuori sede)
none_a
IL SEGRETARIO DE LLA SEZIONE DI SAN GI ULIANO TERME
none_a
Di Andrea Paganelli
none_a
IMMAGINA San Giuliano Terme
none_a
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
SCOMPARSA
Mauro Tolaini ci ha lasciato

21/4/2022 - 19:25

E' deceduto ieri dopo breve malattia Mauro Tolaini.

La salma si trova esposta presso la camera mortuaria della Pubblica Assistenza di Pisa in via Bargagna ed il funerale, in forma civile, si terrà presso il cimitero di Migliarino alle ore 15 30 di domani, venerdi 22 aprile.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

25/4/2022 - 18:59

AUTORE:
P.G_

Si suole dire che nei piccoli paesi quelli che contavano veramente, e a cui rivolgersi in caso di necessità o per un semplice consiglio, fossero il dottore e il prete, ma anche il maestro, il farmacista o il maresciallo dei carabinieri se c’erano.

A Migliarino per noi più giovani che ci occupavamo un po’ di politica e molto di sociale c’era anche un’altra figura di riferimento a cui rivolgerci quando c’era qualche problema da risolvere e questo era Mauro del Tolaini.

Operaio specializzato nella lavorazione del ferro, poca scuola ma grande intelligenza, occupava un punto di riferimento per tutto quello che succedeva a Migliarino. La Casa del Popolo porta moltissime tracce della sua presenza, non solo intellettuale ma propriamente fisica. Quando si guarda un traliccio, una lampada, un ferro ritorto, una scala o un portone possiamo stare sicuri che dietro c’è stata la mano di Mauro. Senza denaro, ci mancherebbe, solo il costo vivo del materiale e la pazienza di aspettare che avesse finito il suo turno di lavoro in fabbrica prima di mettere mano alla nuova struttura.

Durante le assemblee, sia si parlasse di politica o di problemi sociali, Mauro era sempre presente e molti aspettavano sempre con trepidazione e interesse il suo intervento perché aveva il raro dono di saper cogliere sempre il nocciolo della questione, senza mai deviare dalla sua linea di onestà e della ricerca del bene comune, non per se stesso ma per la comunità, cose sempre più rare al giorno d’oggi.


Qualche volta a braccio, qualche volta con pochi appunti si alzava in piedi e con la sua voce stentorea che non aveva bisogno del microfono esponeva, con pacatezza ma anche con passione civile, il suo punto di vista, anche in dissenso talvolta, ma sempre con il massimo rispetto per gli altri.

Con lui se ne va un’ epoca, una persona semplice e modesta che era riuscita da semplice operaio a diventare un personaggio politico importante nel comune di Vecchiano fino a ricoprire cariche importanti sia nel suo vecchio partito che nell’Amministrazione Comunale.


Ultimamente un po’ per età e un po’ per la delusione di vedere il suo partito lacerato e cambiato, con la tendenza a escludere le vecchie correnti di pensiero e le vecchie idee nel nome di una rottamazione che desse adito alla nascita di nuove idee e nuove energie per un mondo diverso, si era fatto da parte.

Era rimasto comunque, anche se anziano e con qualche problema di salute, un punto fermo di riferimento per tutti coloro che pensavamo di poter dare ancora qualcosa in campo sociale per la nostra piccola comunità di Migliarino.

Ciao Mauro, ciao amico mio!

23/4/2022 - 22:55

AUTORE:
Marco Filippeschi

.... di Mauro Tolaini perché in questi giorni sono stato fuori Pisa per lavoro.
Voglio ricordarlo perché l'ho conosciuto come persona intelligente, impegnata e integerrima e sento profondamente quanto sia grande questa perdita. Un compagno che ha dato un grandissimo contributo a Vecchiano e alla sinistra, in tutti i suoi passaggi di trasformazione. Nel partito in cui ha militato, dal Pci in poi, è stato un dirigente autorevole e capace, stimato da tutti, di intuito politico raffinato, che porgeva con generosità la sua saggezza e la sua tenacia. Per tanti tanti anni un riferimento fondamentale. Da persone come lui è stato creato un grande capitale civico e sociale, che ha fatto la differenza, quando un partito, quello che Mauro sentiva suo, era una vera comunità guidata da visione e passione, autonomia intellettuale dei suoi militanti, altruismo, spirito di sacrificio e disinteresse personale.
Proprio a Vecchiano, per la vitalità e la spinta dal basso che hanno dato i vecchianesi, si sono vinte battaglie politiche e fatte conquiste decisive per la nostra provincia: in primo piano quella per l'istituzione del Parco Naturale, oggi insidiato. Ho nostalgia e mi commuovo a ripensare a tante riunioni fatte con lui, al rapporto di fiducia e di amicizia che c'è stato fra noi e a quanto ho imparato da Mauro e dagli altri come lui. Gli devo, gli dobbiamo tantissimo. Spero che si trovi il modo di ricordarlo ancora come merita e di riconoscere la sua esperienza. Mi stringo con tanto affetto ai suoi familiari e ai compagni di Vecchiano che lo rimpiangono".

22/4/2022 - 11:49

AUTORE:
Marzia Mazzanti

Alla notizia della morte di Mauro Tolaini sorpresa e tristezza mi hanno pervaso. In un attimo il tempo passato è riemerso: ero una giovane donna di 21 anni eletta assessore(oggi si direbbe assessora) alla Cultura e Decentramento del mio paese. Fu un'esperienza insolita per quegli anni, era la fine degli anni '70, insolita ed imprevista per me ma anche per tutta l'Italia di quegli anni, infatti donne e per di più molto giovani in un'amministrazione comunale se ne vedevano veramente poche , ma tutto il Consiglio Comunale era in gran parte costituito di persone giovani, fu veramente un evento nuovo. Tra i più esperti e maturi c'era appunto il compagno Tolaini, che per me rappresentò subito la classe operaia attiva, militante e la coerenza ideologica e pragmatica del PCI di allora. Sempre sorridente e cordiale e nel contempo schietto e determinato mi accolse e mi guidò in quel nuovo percorso. Gli sarò sempre grata per questo e grazie anche a lui non rinnegherò mai quell'esperienza che per me fu molto formativa.
Grazie Mauro !!!

22/4/2022 - 11:00

AUTORE:
Federica Malloggi

Grazie Mauro per tutto il bene che ci hai donato. Sei stato un nostro faro con la tua forza e vitalità e questo ci rimarrà per sempre. Ti vogliamo bene e ci uniamo al dolore immenso della famiglia. Ciao Mauro!