none_o


Il precedente articolo di Franco Gabbani sul Castello di Vecchiano e la Chiesa di Santa Maria ha riscontrato un successo di lettura senza precedenti, con oltre 1400 letture sulla Voce e 1000 utenti singoli che lo hanno raggiunto su Facebook nella pagina dell'Associazione.

Ovviamente non conosciamo le letture su altre pagine su cui è stato condiviso, ma questi dati indicano con chiarezza il gradimento nei confronti dei temi storici del territorio.

Interesse dimostrato anche da Agostino Agostini, che ci ha proposto alcuni argomenti correlati.

ci sarebbe da ridere.
Le ultime dichiarazioni del .....
Cantava la Caselli, è proprio il caso.
Purtroppo .....
. . . . se si dà potere a forze di destra filofasciste. .....
In 10 giorni Marco Travaglio ha guadagnato più che .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Associazione ambientalista - LA CITTÀ ECOLOGICA APS
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Primo Levi#Auschwitz #PrimoLevi #ebrei #campidiconcentramento #giornatadellamemoria
none_a
L'amore è amore
senza se e senza ma
Raggiungerlo
è l'aspirazione
più ambita
desiderata
sentita
a cui tende
ogni creatura. . .
pur essendo .....
BG. sono un nuovo abitante di migliarino
abito in via mazzini a meta tra il mobilificio e la chiesa . a qualsiasi ora la velocita sulla strada e'molto .....
COLTANO: COLDIRETTI PISA
NO A CONSUMO DI NUOVO SUOLO SOTTRATTO AD AGRICOLTURA

26/4/2022 - 14:05

COLTANO: COLDIRETTI PISA, NO A CONSUMO DI NUOVO SUOLO SOTTRATTO AD AGRICOLTURA

 In provincia di Pisa consumati tra il 2019 ed il 2020 altri 46 ettari di suolo. I dati allarmanti di Coldiretti.

 Basta sottrarre terreno all’agricoltura e alla produzione di cibo. No a nuovo consumo di suolo.

A prendere posizione è Coldiretti Pisa contraria a qualsiasi progetto, militare, civile o di altra destinazione, che divori altro suolo alle imprese agricole. Suolo che, secondo la principale organizzazione agricola, dovrebbe essere salvaguardato e valorizzato per produrre tutte quelle materie prime agricole da cui oggi dipendiamo dall’estero contribuendo inoltre alla crescente fragilità del territorio di fronte ai cambiamenti climatici. Proprio Coldiretti in occasione della Giornata della Terra aveva lanciato un preoccupante trend: il consumo di suolo si è mangiato negli ultimi quattordici anni 180 mila quintali di prodotti agricoli che avrebbero potuto essere coltivati e raccolti nelle campagne toscane per una perdita stimata di 3,6 milioni di euro. Lo spazio destinato all’agricoltura si è ridotto irreversibilmente tra il 2012 ed il 2020 nella nostra regione di circa 600 ettari così come le superfici naturali per circa 2.600 ettari mentre, al contrario, hanno continuato ad espandersi le aree urbane con un incremento di 3.270 ettari secondo l’Ispra per un totale di suolo consumato di 141 mila ettari pari al 6,17% dell’intera superficie regionale.

 Un processo che non ha risparmiato la provincia di Pisa dove, secondo l’elaborazione di Coldiretti sulla base dei dati Ispra, sono stati consumati 46 nuovi ettari tra il 2019 ed il 2020 che portano la percentuale di suolo occupato da cemento, edifici, capannoni e strade al 6,98% (media regionale del 6,12%). Complessivamente sono 17 mila gli ettari che non potranno più essere utilizzati. “Coldiretti oggi non prende posizione contro il progetto della base militare a Coltano ma contro qualsiasi progetto destinato ad erodere altro suolo all’attività agricola sia esso civile o di altra natura. – spiega Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Pisa, nonché Coldiretti Toscana – L’ultima generazione è responsabile della perdita in Italia di oltre ¼ della terra coltivata per colpa della cementificazione e dell’abbandono provocati da un modello di sviluppo sbagliato che ha ridotto in maniera purtroppo irreversibile la superficie agricola utilizzabile; superficie che è irrimediabilmente persa”. 

 Coldiretti suggerisce di “recuperare e rigenerare edifici ed aree che sono già edificate”: “Non è la direzione giusta perché il futuro ci impone di cambiare traiettoria. – conclude Filippi – Ogni metro di suolo sottratto alla produzione di cibo, all’agricoltura, alla biodiversità, è un metro in più che ci allontana da un futuro di sostenibilità e sovranità alimentare”.

 

Per informazioni www.pisa.coldiretti.it, pagina ufficiale Facebook @coldirettipisalivorno e pagina ufficiale YouTube “Coldiretti Toscana”

 

 

 

 

Andrea Berti

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri