none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
PRESENTAZIONE DI Antonio Giuseppe Campo (per studenti e lavoratori fuori sede)
none_a
IL SEGRETARIO DE LLA SEZIONE DI SAN GI ULIANO TERME
none_a
Di Andrea Paganelli
none_a
IMMAGINA San Giuliano Terme
none_a
di Umberto Mosso
none_a
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Aspettando il 1° maggio.

28/4/2022 - 16:25


Il primo maggio è la festa dei lavoratori e delle lavoratrici.

Le lavoratrici che sono state purtroppo la sottocategoria dei lavoratori uomini. Pagate meno e di solito con un doppio lavoro, di cui uno gratuito. Quello esterno e quello di cura all'interno della propria casa. Affidata quasi esclusivamente a loro la gestione dei figli e degli anziani. A proposito di figli, che dovrebbero rappresentare una risorsa per la società dato che sono il suo futuro, prova ad essere una giovane donna ed una futura mamma. Scatta la mancata assunzione lavorativa o in alternativa quella con clausola di licenziamento prefirmato in caso di gravidanza, e per ultimo un certo mobbing se ti assenti per i figli. Poi qualcuno si arroga pure il diritto di decidere per te se non vuoi tenere un figlio. O perlomeno ci prova, incurante di una legge che le donne hanno conquistato palmo a palmo.

Molte battaglie sono state fatte, molti diritti conquistati... adesso si tratta di difenderli. Mamma ha incominciato a lavorare a 8 anni, come raccoglitrice di olive. La chiamavano la gobba perché era sempre china, qualcuno cercava pure di vuotarle il sacco, difeso con i denti. Poi c'è stato il lavoro in una fabbrica di mattoni, in Mandria, alle serre, come operaia in un calzaturificio. Il suo modo di opporsi ad un sistema di sfruttamento è stato "voglio attaccate le marchette" cioè i contributi lavorativi. Era la sua forma di ribellione. Non mi importa la durezza del lavoro ma voglio il rispetto di questo diritto. Una sua personale lotta di donna. Allo stesso modo mia figlia ribadisce che nessun paziente si dovrà permettere di chiamare lei signorina e il collega uomo dottore. Sono orgogliosa delle mie due donne. Ognuna di loro mette o ha messo un punto fermo su un diritto. Non scontato, credetemi. 

Mia madre si chiamava Franca Rossi, nome e cognome per l’unicità che ha rappresentato.

Che ognuno di noi rappresenta. 

Permettetemi, buon primo maggio sorelle.

Daniela Vanni

 

p.s. articolo scritto molto prima di quello di Mauro…non ho corretto il tiro…sono sempre io, le donne hanno tante sfaccettature… 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri