none_o


Dopo l'articolo incentrato sugli avvenimenti dell'inizio del 1800 e sugli adempimenti che Napoleone chiedeva al territorio della Comune di San Giuliano, in cui Vecchiano era stata inclusa da Pietro Leopoldo nel 1776, insieme con tutte le 31 Comunità della precedente Podesteria di Ripafratta, arriviamo ora alle vicende al tramonto dell'Impero napoleonico.Nel 1808 Vecchiano era stata separata, sempre dai francesi, dai Bagni di San Giuliano, dividendo le Comunità a destra e a sinistra del Serchio, ma la procedura fu molto ostacolata dall'amministrazione di San Giuliano. 

Ma il silenzio di un popolo …
A volte scrivere per .....
Stamattina per cause da stabilire c’è stato un incendio .....
. . . come tanti "noialtri autoctoni" a 4 (quattro) .....
Che bellezza il 2 giugno: 10. 000 auto a 10 euro/ cadauna .....
Di Mattia Feltrio
none_a
di Roberto Sbragia - Capogruppo Vecchiano Civica
none_a
Di U M (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Fabio Poli
none_a
Di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Libri.
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Ar vernàolo, a questa lingua antìa,
io provo a fanni ‘na radiografia.
Per noi pisani, tanto pe’ chiarì,
è la parlata ‘he si parla ‘vi
inventata .....
A me, come a tanti altri hanno rubato il vaso portafiori in bronzo al cimitero di Pontasserchio, è troppo abbandonato. Anche i defunti meritano rispetto .....
di Bruno Pollacci
Ricordo di Marco Pannella

2/5/2022 - 17:00


Ricordo di Marco Pannella

Oggi è il 2 Maggio ed in questo giorno, nel 1930, a Teramo nasceva Marco Pannella, politico, attivista e giornalista che fu tra i fondatori, nel 1955, del Partito Radicale.

Si definiva anche socialista, liberale, federalista europeo, anticlericale, antiproibizionista, antimilitarista, nonviolento e gandhiano. Protagonista delle battaglie civili fin degli anni settanta (legge sul divorzio, sull'aborto, lotta alla fame nel mondo, moratoria contro la pena di morte, antiproibizionismo sulle droghe leggere, riforme del sistema carcerario, diritto al rifiuto dell'accanimento terapeutico e all'eutanasia, ecc..) ha fatto costantemente ricorso ai metodi della lotta politica nonviolenta, con scioperi della fame, disobbedienze civili, sit-in, ecc. riferendosi ai precedenti resi popolari dal Mahatma Gandhi e dal reverendo Martin Luther King. Cofondatore di “Radio Radicale”, con Emma Bonino, e attraverso l'associazione “Non c'è pace senza giustizia”, ha promosso anche la creazione del “Tribunale Penale Internazionale per l'ex-Jugoslavia” e l'arresto del criminale di guerra serbo Slobodan Milosevic, nonché l'istituzione della “Corte Penale Internazionale”.

Oltre alle cariche di deputato ed europarlamentare è stato Presidente del Senato del Partito Radicale Transnazionale ed ha operato attivamente nella vita politica italiana anche attraverso l'intensa applicazione dello strumento del referendum. Con incrollabile passione e determinazione nel perseguire gli ideali e le lotte libertarie è stato tra i massimi protagonisti della vita politica italiana per oltre 40 anni. Morì di tumore a Roma nel 2016. Questa mia opera ad acquarello e grafite è in sua memoria.
Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa









+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

21/5/2022 - 19:00

AUTORE:
Matilde Baroni

Aggiungo qualcosa al bello scritto di Bruno Pollacci.

Nel 1968 Aldo Braibanti scrittore, regista, artista che non nascondeva la propria omosessualità fu condannato al carcere per il reato di “plagio” nei confronti di un giovane amico maggiorenne.
Alcuni intellettuali scrissero infuocate righe su vari giornali contro la sentenza ottenendone anche una certa visibilità.
Aldo Braibanti dopo, tornato in libertà, disse che al di là delle parole pochi si erano affacciati nella sua vita concretamente e che solo Marco Pannella lo era andato a visitare in prigione.
((anni dopo il reato di plagio è stato eliminato dai nostri codici))


A Mosca il 7 ottobre 2006, dopo aver subite tante minacce, veniva assassinata la giornalista Anna Politkovskaja autrice di documentati articoli sulle stragi di Putin in Cecenia. Con lei saliva allora a 221 il numero di vittime del giornalismo libero in Russia.
Il 7 ottobre è il compleanno di Putin: un gradito regalino?

A Mosca ai suoi funerali dall’Italia era presente solo Marco Pannella