none_o

Nei giorni 26-27-28 aprile verranno presentati manufatti in seta dipinta: Kimoni, stole e opere pittoriche tutte legate a temi pucciniani , alcune già esposte alla Fondazione Puccini Festival.Lo storico Caffè di Simo, un luogo  iconico nel cuore  di Lucca  in via Fillungo riapre, per tre mesi, dopo una decennale  chiusura, nel fine settimana per ospitare eventi, conferenze, incontri per il Centenario  di Puccini. 

#NotizieDalComune #VecchianoLavoriPubblici #VecchianoSport
none_a
Pisa, 17 marzo
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
. . . quello che si crede sempre il migliore, ora .....
. . . la merxa più la giri, più puzza e te lo stai .....
. . . camminerebbe meglio se prima di fare il tetto .....
Ad un grosso trattore acquistato magari con l'aiuto .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini red VdS)
UNA NUOVA QUESTIONE MORALE

3/5/2022 - 12:11

UNA NUOVA QUESTIONE MORALE

 

La pessima intervista di Lavrov un risultato utile l’ha ottenuto.

Ha lasciato completamente scoperto il fronte fintopacifista, quello che chiede più diplomazia da parte dell’occidente. Il capo della diplomazia russa ha ribadito, in modo chiaro e inequivoco, che la Russia non accetta nessuna trattativa che non preveda il conseguimento dei suoi obbiettivi militari, che saranno senza dubbio raggiunti intensificando la guerra.

Più passano le settimane e più è evidente che Putin ha cacciato la Russia in un vicolo cieco, dal quale non riescirà ad uscire fintanto che continuerà a pensare che abbia ancora la possibilità di vincere la guerra che ha iniziato.

Per questo impedirgli di vincere è il passaggio stretto, ma obbligato da lui, per costringerlo a trattare.  Ad oggi, anche sentito Lavrov, non si vede altra possibilità.Infatti, tranne che chiedere la resa dell’Ucraina, che significherebbe semplicemente la sua annessione da parte dell’aggressore, gli stessi fintopacifisti non hanno alcuna proposta credibile da fare.

E’ Putin il padrone della guerra, quello che ha posto gli obbiettivi, che decide come e dove colpire, quando attaccare e quando ritirarsi, che stabilisce sì o no ai corridoi umanitari. E’ su di lui che chi vuole la pace dovrebbe fare pressione, non sull’Ucraina e sull’occidente, che resistono alla sua aggressione e cesserebbero ogni combattimento se i russi tornassero a casa loro.

A chi parlano, dunque, i fintopacifisti di casa nostra? Di certo non al padrone della guerra per chiedergli di fermare le sue armate e sedersi a trattare la pace. Viceversa li abbiamo sentiti solo esprimere concetti via via sempre più vicini fino a coincidere con quelli della Russia.

Parlano di pace, ma trovano giustificazioni improponibili all’aggressione, sollevano dubbi infondati sull’esistenza di crimini di guerra orribili che, paradossalmente, sono riconosciuti dal Cremlino che ne premia gli autori, tentano ogni giorno di delegittimare la resistenza del popolo ucraino che, contro ogni evidenza, descrivono come vittima di un governo illegittimo. Si fanno portavoce delle falsità diffuse dalla propaganda di Putin, fino a capovolgere del tutto le posizioni degli aggressori e delle loro vittime. In Italia i fintopacifisti sono strumenti della propaganda bellicista di Putin. Trovano terreno fertile presso quella parte dell’opinione pubblica che vede insieme le forze di destra, nazionalsovraniste, le tendenze populiste e sfasciste e i residui della sinistra massimalista. Tutti insieme rigurgitano odio antiamericano e antieuropeo quotidianamente dagli ampi spazi concessi dai media. Editori, direttori, conduttori televisivi, opinionisti, docenti, esperti tuttologi, imboniscono l’opinione pubblica da TV, giornali, web e ora anche dai teatri, protestando contro la libertà di espressione conculcata dal “pensiero unico”. Una follia mai vista né sentita in nessuna altra parte del mondo. Ma dopo l’ennesima prova della volontà di guerra espressa da Lavrov, non c’è da chiedersi più a chi parlino i fintopacifisti di casa nostra, ma è sempre più l’ora di chiedersi per conto di chi parlino.

 

Mandata a monte l’idea che parlino per favorire una iniziativa diplomatica, che i russi respingono.

Assodato che parlino per propagandare obliquamente le tesi russe sulla guerra, la cui responsabilità sarebbe della provocazione occidentale cui l’Ucraina si è colpevolmente prestata, resta da chiederci se sia sopportabile che tra i costi che dobbiamo sostenere debbano esserci anche quelli dei danni morali, culturali e politici prodotti da chi propaganda il messaggio criminale del padrone della guerra.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri