none_o


Dopo l'articolo incentrato sugli avvenimenti dell'inizio del 1800 e sugli adempimenti che Napoleone chiedeva al territorio della Comune di San Giuliano, in cui Vecchiano era stata inclusa da Pietro Leopoldo nel 1776, insieme con tutte le 31 Comunità della precedente Podesteria di Ripafratta, arriviamo ora alle vicende al tramonto dell'Impero napoleonico.Nel 1808 Vecchiano era stata separata, sempre dai francesi, dai Bagni di San Giuliano, dividendo le Comunità a destra e a sinistra del Serchio, ma la procedura fu molto ostacolata dall'amministrazione di San Giuliano. 

Ma il silenzio di un popolo …
A volte scrivere per .....
Stamattina per cause da stabilire c’è stato un incendio .....
. . . come tanti "noialtri autoctoni" a 4 (quattro) .....
Che bellezza il 2 giugno: 10. 000 auto a 10 euro/ cadauna .....
Di Mattia Feltrio
none_a
di Roberto Sbragia - Capogruppo Vecchiano Civica
none_a
Di U M (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Fabio Poli
none_a
Di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Libri.
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Ar vernàolo, a questa lingua antìa,
io provo a fanni ‘na radiografia.
Per noi pisani, tanto pe’ chiarì,
è la parlata ‘he si parla ‘vi
inventata .....
A me, come a tanti altri hanno rubato il vaso portafiori in bronzo al cimitero di Pontasserchio, è troppo abbandonato. Anche i defunti meritano rispetto .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
FRANCO ROBERTO

11/5/2022 - 15:46

Franco Roberto  è stato uno degli autori teatrali e radiofonici più prolifici d'Italia. Non c'è rassegna di teatro amatoriale in tutto il paese che non abbia in cartellone almeno un suo spettacolo.

Ha pubblicato decine di commedie, atti unici, scenette, dialoghi comico-palla, monologhi da cabaret, farse, barzellette.

Dalla prosa, al varietà, alla rivista, al cabaret ha scritto i testi per tutti i generi del teatro leggero. Ha collaborato con varie radio private e con la RAI di Torino curando trasmissioni di successo. 


La trasmissione radio di maggior ascolto fu quella che la RAI trasmetteva in Piemonte al mattino della domenica. Era strutturata come il nostro Grillo Canterino dell'epoca e alternava scenette e monologhi comici a varie esibizioni canore  Franco ne fu uno degli autori più rappresentati.


Acquistai i suoi primi libri, pubblicati dalla ELLE-DI-CI, presso la libreria Salesiana di Piazza del Duomo a Pisa e successivamente presso la sede di Campo.


La sua immensa produzione teatrale è ancora ben visibile su Internet che riporta i numerosi siti dove è ancora possibile acquistare i suoi volumi.


Nel 1998 lo contattai per incontrarlo e lui, gentilmente, mi ricevette nel suo appartamento posto in un grande grattacielo di Corso Vercelli a Torino. Mi presentai come una attore amatoriale che si dedicava al teatro con curiosità e passione.

Mi raccontò della sua vita artistica e delle sue innumerevoli pubblicazioni che teneva in bella vista nelle grandi e antiche librerie in legno che arredavano il suo salotto.

Mi dedicò un volume che custodisco gelosamente.

Mi parlò delle sue molteplici attività di organizzatore di festival per bambini e di incontri per giovani nelle parrocchie e nelle scuole piemontesi.

Seguiva alcune compagnie amatoriali e dialettali che operavano nella sua regione e mi raccontava della loro vita errabonda.

Le serate programmate nei piccoli teatri dei paesi circostanti costringevano il  gruppo a far ritorno a casa nel cuore della notte incontrando spesse grandi coltri di nebbia.

Il tempo per una doccia veloce, un caffè e via di corsa a lavoro in fabbrica o in ufficio per gli stanchi attori amatoriali.


Amava la Toscana per il clima, il cibo ed il nostro carattere aperto e sempre pronto al sorriso e alla battuta.


Infatti negli anni seguenti si trasferì, con la sua compagna, a Torre del Lago in una villetta vicino al mare dovei andai a trovarlo e ancora una volta mi accolse con simpatia.

Portai con me molti articoli di giornale, testi teatrali e foto dei miei spettacoli fatti con La Brigata dei Dottori.

Li guardò e commentò con attenzione e mi raccontò altri suoi aneddoti. Tra il materiale esposto c'era anche il mio ritratto fatto da Fremura. Apprezzava le sue vignette e mi pregò di organizzare una visita alla Torre di Calafuria dove il Maestro aveva lo studio.

Purtroppo dopo vari rimandi la visita non ebbe seguito e di ciò mi rammarico ancora. 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri