none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

Nelle discussioni dei candidati per l'europa non si .....
. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
“anche il ritardo nella giustizia è di per se ingiustizia”
none_a
Editoriale di Christian Rocca (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
di Stefano Ceccanti, costituizionalista (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
IMMAGINA San Giuliano Terme
none_a
REDAZIONE - de Il Foglio
none_a
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Scomparsa (a cura di P.G_)
Paul Ginzborg

11/5/2022 - 18:36


E' deceduto dopo lunga malattia all'età di 76 lo storico inglese, naturalizzato italiano, Paul Ginzborg. Appassionato di storia italiana, recente passata, su cui ha scritto molti libri di primaria importanza. Ha partecipato attivamente alla vita politica italiana indagando, coi suoi libri,  sull'intreccio tra i grandi eventi, le istituzioni e i destini individuali di molti prsonaggi politici. Era presidente emerito di Libertà e Giustizia da cui  presentiamo questo recente articolo di N.Urbinati sulle diverse finalità di UE e USA sulla guerra in Ucraina.
                                                  ----//----


Prima del discorso di Joe Biden a Varsavia nello scorso mese di marzo, molti erano propensi a pensare che la soluzione della guerra in Ucraina sarebbe venuta da un incontro tra Biden e Vladimir Putin. Ma questa ipotesi non faceva i conti con il piano della Casa Bianca: usare questa guerra per mostrare all’avversario repubblicano e agli elettori americani che i democratici possono e vogliono rilanciare l’egemonia americana nel mondo. Da Varsavia in poi, la guerra ha avuto quindi un’impennata, come anche l’assistenza militare agli ucraini.


Sul continente europeo l’America di Biden intende regolare i conti con il vecchio avversario, non per rilanciare la guerra fredda, ma per mettere fuori gioco uno dei due avversari che sono oggi sulla piazza, ovvero per semplificare l’ordine mondiale da tripolare a bipolare. L’obiettivo nemmeno troppo celato è quello di un futuro bipolarismo Usa-Cina.

 

Quanto questa strategia sia realistica non lo sappiamo, ma a giudicare dall’approvazione da parte del Congresso statunitense di un budget di 33 milioni di dollari per finanziare la guerra in Ucraina, sembra proprio che agli occhi dell’Amministrazione Biden lo sia.


Da Varsavia in poi almeno, gli interessi statunitensi e quelli europei si sono divaricati. Non è nell’interesse nostro che la guerra si cronicizzi per fare dell’Ucraina quel che fu l’Afganistan per l’Unione sovietica. La sola alternativa sarebbe a questo punto il protagonismo diplomatico e politico della comunità internazionale e soprattutto di quella europea. Lo ha detto il Presidente Sergio Mattarella all’Assemblea dei parlamentari del Consiglio d’Europa con le parole di Robert Schuman: “la pace non potrà essere salvaguardata se non con sforzi creativi, proporzionali ai pericoli che la minacciano”.


Salvaguardare la pace in Europa richiede sforzi “proporzionali ai pericoli” che la minacciano – l’invito di Mattarella è quindi quello di pensare non tanto o solo a come aiutare l’Ucraina, ma a come allontanare il pericolo di un allargamento della guerra. Una posizione simile l’ha espressa il filosofo più rappresentativo della democrazia europea del dopoguerra, Jürgen Habermas, che invita a considerare la guerra tra russi e ucraini come un pericolo per la pace in Europa. Non si tratta quindi di sostenere gli sforzi bellici, ma di contenerli. Si tratta di “aiutare” la pace con ”sforzi creativi” che non siano quelli militari.


Ma perché l’Europa sia in grado di mettere in campo “sforzi creativi” dovrebbe essere unita non nella sudditanza agli Stati Uniti, i quali non vogliono che l’alleato europeo prenda strade diverse da quelle indicate da Biden. All’ombra della guerra in Ucraina si combattono altre guerre, non cruente, ma non meno fatali: i rischi che minacciano l’Unione Europea sono anche quelli che derivano dalla sua mancanza di una politica internazionale comune e dell’incapacità di rispondere all’interesse del proprio continente, che oggi non coincide con quello della Casa Bianca.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri