none_o


Dopo l'articolo incentrato sugli avvenimenti dell'inizio del 1800 e sugli adempimenti che Napoleone chiedeva al territorio della Comune di San Giuliano, in cui Vecchiano era stata inclusa da Pietro Leopoldo nel 1776, insieme con tutte le 31 Comunità della precedente Podesteria di Ripafratta, arriviamo ora alle vicende al tramonto dell'Impero napoleonico.Nel 1808 Vecchiano era stata separata, sempre dai francesi, dai Bagni di San Giuliano, dividendo le Comunità a destra e a sinistra del Serchio, ma la procedura fu molto ostacolata dall'amministrazione di San Giuliano. 

Ma il silenzio di un popolo …
A volte scrivere per .....
Stamattina per cause da stabilire c’è stato un incendio .....
. . . come tanti "noialtri autoctoni" a 4 (quattro) .....
Che bellezza il 2 giugno: 10. 000 auto a 10 euro/ cadauna .....
Di Mattia Feltrio
none_a
di Roberto Sbragia - Capogruppo Vecchiano Civica
none_a
Di U M (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Fabio Poli
none_a
Di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Libri.
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Ar vernàolo, a questa lingua antìa,
io provo a fanni ‘na radiografia.
Per noi pisani, tanto pe’ chiarì,
è la parlata ‘he si parla ‘vi
inventata .....
A me, come a tanti altri hanno rubato il vaso portafiori in bronzo al cimitero di Pontasserchio, è troppo abbandonato. Anche i defunti meritano rispetto .....
di Umberto Mosso (a cura di BB, red VdS)
I PREMI NOBEL PER LA GUERRA 2022

18/5/2022 - 12:46

   I PREMI NOBEL PER LA GUERRA 2022

 

Si può credere che i sedicenti pacifisti vogliano la pace? Se si ascoltano le cose che dicono gli esponenti più in vista del Circo Barnum che hanno messo in piedi, ripresi dai loro tifosi in rete, emerge un carico di cinismo e a tratti di vero e proprio odio nei confronti dell’Ucraina e del suo popolo che rasenta il razzismo.I più colti di loro, potendo scegliere in una bibliografia sterminata che il mondo libero gli mette a disposizione, riscrivono la storia così come riportata nei sussidiari del regime di Putin.

L’Ucraina, per loro, è soprattutto un fastidio, un inciampo gettato dagli Usa tra le ruote della locomotiva Russa per farla deragliare dal suo cammino di libertà, progresso e benessere.

L’Ucraina è solo una espressione geografica, una appendice del grande corpo russo che dovrebbe tornare alla madrepatria.La sua resistenza all’aggressione è ingiustificabile e criminale e la guerra non ci sarebbe stata se gli ucraini avessero accettato di tornare al regime di sovranità pilotata da Mosca. E oggi la pace tornerebbe se il gruppo di nazisti che governa l’Ucraina, illegittimamente, deponesse le armi e lasciasse che le truppe russe occupassero tutto il Paese e lo riconducessero all’ovile. Questa è la pace per loro.

Non credete che sia questo che hanno in testa quando chiedono pace?Uno dei loro maestri di pensiero, l’ex inviato di guerra Tony Capuozzo, dopo l’uscita dei combattenti da Azofstal, ha scritto: “Ieri a Mariupol hanno riaperto le scuole. Certo, faranno lezioni in russo, certo insegneranno la storia a modo loro, certo all’ingresso ci sono le bandiere secessioniste e quella russa non quella ucraina”. Risparmio le note di malcelata esultanza di chi, evidentemente, vorrebbe descrivere la pace in Ucraina allo stesso modo, solo sostituendo al nome Mariupol quello di Kyiv. Anzi di Kiev in russo.

Si può essere credibili chiedendo pace e indicandone la via con l’oppressione di un popolo?

No, diranno i miei quattro lettori. Che sbagliano rispondendo così. Perché c’è un altro campione del pacifismo peloso e penoso, che ci spiega che la radice di questa guerra non è l’aggressione russa, ma la natura bellicosa del popolo ucraino.

Dice padre Zanotelli: “Bisognava preparare il popolo ucraino alla nonviolenza”. Pacifismo etilico?

Non dice, l’autorevole sciamano, che bisognasse preparare i russi a ripudiare la guerra. Su questo marciatori e teatranti non hanno mai detto una parola. Evidentemente erano altrimenti occupati e non hanno sentito il primo botto all’alba del 24 febbraio scorso. Poi, al risveglio, avranno pensato che i carrarmati russi erano in gita in Ucraina. Una vita in vacanza.

Ma Zanotelli, non volendo, con questa stupidissima frase conferma due verità.

La prima è che contro l’aggressione russa c’è un popolo intero che combatte. Un popolo maleducato alla violenza? Andrà punito per essersela cercata? Inutile ogni commento ulteriore.

La seconda è che sotto le loro maschere pacifiste c’è il ghigno cinico di chi, fosse per lui, imporrebbe a quel popolo la rinuncia violenta alla sua libertà. Strana pace, che premia chi aggredisce. Perché la cosa certa è che disarmare l’Ucraina equivale a destinarla al massacro e, dopo la pulizia, alla cancellazione e alla schiavitù. Non è così difficile da capire. E, siccome non credo che questi signori non l’abbiano capito, oltre che domandarsi che razza di pacifismo sia il loro e come facciano a dirsi nonviolenti senza vergognarsene, bisognerà assegnarli una sorta di premio Nobel per la guerra. Ex aequo con Putin. 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

18/5/2022 - 12:51

AUTORE:
Franco M.

....esplicitamente "si sa i russi sono imperialisti, non saremo certo noi o gli americani a cambiarli...".

Mi ricordano o Conte o morte, quelli che "bisogna fare il governo con i 5stelle perché sono in tanti e non possiamo certo sopprimerli, si canta con i frati che ci sono".
Non so quanto di pretestuoso o di culturale ci sia in questo atteggiamento, di certo vedo due visioni del mondo, una che "cambiare si può" un'altra che "ci sono forze che non si possono cambiare" (e se pensi di poterle cambiare tu sei superbo, presuntuoso ed arrogante. Due visioni del mondo, una che "dipende da noi", una che "dipende dagli altri". Tutto qui