none_o


Dopo l'articolo incentrato sugli avvenimenti dell'inizio del 1800 e sugli adempimenti che Napoleone chiedeva al territorio della Comune di San Giuliano, in cui Vecchiano era stata inclusa da Pietro Leopoldo nel 1776, insieme con tutte le 31 Comunità della precedente Podesteria di Ripafratta, arriviamo ora alle vicende al tramonto dell'Impero napoleonico.Nel 1808 Vecchiano era stata separata, sempre dai francesi, dai Bagni di San Giuliano, dividendo le Comunità a destra e a sinistra del Serchio, ma la procedura fu molto ostacolata dall'amministrazione di San Giuliano. 

Ma il silenzio di un popolo …
A volte scrivere per .....
Stamattina per cause da stabilire c’è stato un incendio .....
. . . come tanti "noialtri autoctoni" a 4 (quattro) .....
Che bellezza il 2 giugno: 10. 000 auto a 10 euro/ cadauna .....
Di Mattia Feltrio
none_a
di Roberto Sbragia - Capogruppo Vecchiano Civica
none_a
Di U M (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Fabio Poli
none_a
Di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Libri.
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Ar vernàolo, a questa lingua antìa,
io provo a fanni ‘na radiografia.
Per noi pisani, tanto pe’ chiarì,
è la parlata ‘he si parla ‘vi
inventata .....
A me, come a tanti altri hanno rubato il vaso portafiori in bronzo al cimitero di Pontasserchio, è troppo abbandonato. Anche i defunti meritano rispetto .....
none_o
SCONFITTI
di Trilussa

22/5/2022 - 12:13

Ero in attesa in macchina lungo una strada vicino all’ospedale. Aspettavo mia moglie che era andata a fare un controllo, uno di quelli che ad una certa età danno sempre un po’ di apprensione e che speri sempre vadano a finire con una stretta di mano e un consolatorio: tutto bene, ci vediamo l’anno prossimo. Una cosa da anziani, capisco bene, così lontana dai giovani per età e per idea di malattia, ed è giusto così.


Davanti a me una persona di colore che si dava da fare per indicare agli automobilisti in transito i posti liberi per parcheggiare l‘auto con la speranza di ottenere in cambio qualche spicciolo per la cortesia.


L’ho guardato a lungo, un signore non giovane, età media, vestito con una banale tuta sportiva riciclata e un cappellino variopinto in testa, probabilmente tipico della sua origine africana. Forse l’unico ricordo rimasto della sua vita altrove e conservato per quella saudade che prende sempre quando sei lontano dalla casa dove sei nato e hai vissuto.


Ecco, io invece di vederci un pericoloso criminale, uno spacciatore incallito, un competitore per un posto di lavoro per i nostri bravi giovani italiani, una persona da non incontrare di notte per strada come ci hanno indotto a pensare alcune formazioni politiche note, ci ho visto invece una persona semplice e sfortunata, un nato nero e dalla parte sbagliata del mondo.


Per i posti di lavoro portati via ai giovani italiani ho visto il report toscano che con la disoccupazione al 9% la carenza di personale stagionale si aggira, secondo gli ultimi dati, sulle diecimila unità. Forse c’entrano i due anni di chiusura forzata ma i ragazzi non sopportano più di dover lavorare il fine settimana; gli stessi studenti che un tempo si proponevano per questi lavori serali e festivi che non interferivano con gli studi si sono dileguati; mediamente le famiglie sono più ricche e il dover andare a fare piccoli lavori per rimediare qualche soldo per l’estate come facevamo noi da ragazzi pare appartenere ad un’altra epoca.


In ultimo, e non trascurabile motivo, l’impossibilità di sommare al reddito di cittadinanza gli introiti da lavoro dipendente, se pure occasionale. La scelta quindi fra un sussidio modesto ma annuale senza impegno lavorativo e uno stipendio migliore ma temporaneo legato alla stagione estiva con impegno lavorativo diventa obbligata.


Guardando il nero e avendo tempo da perdere nell’attesa mi sono domandato le cose più ovvie: come sarà stata la sua vita prima di venire in Italia, quali motivi lo avranno spinto a lasciare la sua famiglia, i suoi affetti e la sua comunità? Tutti motivi facilmente immaginabili e sempre i soliti, fame, guerra, speranza o, spesso, tutti insieme.


Poi quali sacrifici, quanti soprusi e quali pericoli avrà dovuto correre per traversare il Mediterraneo per venire da noi. Poi come potrà sopravvivere in maniera decentemente umana con i pochi euro raccattati in quella strada, dove potrà dormire, lavarsi, fare i suoi bisogni.


Un sentimento quindi in cui c’è una buona dose di empatia. Da dove mi viene? Forse perché sono sempre stato di sinistra, una posizione politica in cui i valori di accoglienza solidarietà e comprensione sono sempre stati principi di base, almeno per quanto mi riguarda. O forse per la mia educazione, l’educazione avuta da mio padre e dalla mia famiglia in generale che ringrazio. O infine anche dalla mia professione dove non puoi fare a meno di provare empatia per gli altri, per chi soffre, per chi, come questo povero uomo sfortunato, è in difficoltà e può avere bisogno di aiuto.


Io credo che bisognerebbe sempre guardare con simpatia e affetto questa gente diversa, gente che ha avuto meno possibilità di noi, gente che si arrabatta per tirare avanti impegnandosi in faccende che non si possono nemmeno definire lavori, come pulire i vetri, o portare faticosamente merci sulle spiagge assolate d’estate fra bagnanti indifferenti, stendere merci di contrabbando sulle strade pronti a fuggire alla vista della Municipale, suonare ai campanelli con il loro carico di scope e cenci che non servono a nessuno.


E sono solo una piccola parte degli sconfitti.
 
Perché gli sconfitti sono molti, come i cittadini e le cittadine ucraine sotto le bombe e gli abusi sempre nuovi e sempre peggiori, sconfitti sono i giovani militari russi mandati al fronte senza sapere bene il perché, doppiamente sconfitto il sergente ragazzino Vadim Shishimarin a cui è stato comminato l’ergastolo per aver sparato ad un civile che aveva in mano un telefonino con cui avrebbe potuto segnalare la loro posizione.
 
Si è dichiarato colpevole, non fa orrore, non suscita odio ma solo pena, colpevole solo di aver eseguito un ordine perché la guerra, tutte le guerre, sono così, orrende, disumane, orribili. Nessuna guerra fa eccezione anche se questa è la prima che vediamo veramente in diretta.


Sconfitti sono anche le migliaia di cittadini siriani ancora fermi alle reti che li dividono dall’Europa, prigionieri di Orban in un’Europa che ha dimenticato, o a cui forse non è mai veramente interessato; sconfitta è la popolazione curda oppressa da decenni da una una politica di discriminazione etnica e persecuzione nazionale con la  perdita dei diritti nazionali, democratici e umani; sconfitte sono le vittime innocenti della cinquantina di guerre che al momento si combattono nel mondo nell’indifferenza generale perché troppo lontane da noi e dai nostri interessi.


 E sconfitti sono soprattutto i 2 milioni di bambini che muoiono ogni anno per malnutrizione in un mondo che conta oltre 2 miliardi di persone in sovrappeso, un mondo diviso a metà fra una grande abbondanza ed un grande spreco di cibo da una parte e la cronica carenza alimentare dall’altra.  E le prime e maggiori vittime sono proprio quelle più fragili e innocenti.


Per questo problema della fame nel mondo servirebbero due cose: una maggior attenzione e volontà da parte dei paesi più sviluppati e soprattutto tanti soldi, troppi visto che per sconfiggere definitivamente la fame nel mondo nel 2030 è stato calcolato servirebbero 300 miliardi di dollari. Troppi, davvero ma si potrebbe cominciare dalle spese militari, anche se sembra che per questo si sia imboccata la strada opposta.


La spesa militare americana nel 2020, al primo posto nella speciale classifica di chi spende di più in armi, è stata calcolata in 780 miliardi di dollari. Molto ma la tecnologia è sempre più costosa, basti pensare che lo Stealth, il famoso aereo invisibile ai radar americano, costa la bellezza di 2 miliardi di dollari. Cadauno, naturalmente, e gli USA e ne hanno 21. Ci si rientrerebbe facilmente ci fosse la volontà di pensare meno alle guerre e più ai tanti sconfitti del nostro pianeta.


 A proposito, visto che siamo in tema, la Russia si piazza al quarto posto con 61,7 miliardi, l’Italia, al momento viste le intenzioni del Governo, è in 11° posizione con 28,9 miliardi.


Poi finalmente mia moglie è tornata, sorridendo.

 Arrivederci all’anno prossimo!!

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

22/5/2022 - 21:28

AUTORE:
GIO'

Se già in tempi di pace e di vacche grasse, la comunità reagisce alla presenza dell’immigrato considerandolo un nomade sostanzialmente estraneo, figuriamoci cosa può succedere, in piena crisi economica, politica, ideale e in tempi di guerra!

Ritenuto incapace di integrarsi e accogliere appieno standard culturali nostrani (gli unici degni di essere presi in considerazione e essere abbracciati senza tema) e di adattarsi ai nostri costumi, viene bollato dallo stigma generale, come incapace di progressi auto redentivi e trattato quale endemico disadattato, fonte di problemi potenziali e reali.

Avvertendolo come un pericoloso guastatore dello status quo e tradendo il rifiuto all’accoglienza, con una palese avversità ad ogni contatto costruttivo, che si risolva sulle basi della civile convivenza, del rispetto e della pari dignità, perché sancirebbe l’apertura definitiva a modelli sociali diversi, con disgregazione di quelli in auge.

In altre parole, perché mai spendersi e impegnarsi con fatica, mettersi in gioco nel laborioso sviluppo di complesse mediazioni, compromessi arditi, e sacrifici, costruire percorsi di convivenza e onerosi, in nuovi equilibri tutti da inventare, quando senza sforzo alcuno, e magari con cospicuo vantaggio, al solo costo del prezzo dello sfruttamento e vessazioni indecenti, disprezzo della legalità e della civiltà, si può porre rimedio ad ogni problema, con una semplificazione, apparentemente risolutiva ed efficace? …una battuta anche becera, un auspicio greve, grossolano, che però ha il vantaggio indubbio di sollevarci da scelte difficili e relativa annessa assunzione di responsabilità’.


E allora, via libera agli espedienti coercitivi, ai muri di contegno impenetrabili, ai blocchi navali della Libia, ai proclami altisonanti, nel clangore delle armi, all’introduzione di leggi liberticide e incostituzionali, alla ricerca del consenso con dichiarazioni estremistiche sempre più radicali e pericolose!

Eppure basterebbe poco per non far deragliare il traballante convoglio dell’integrazione, con generale vantaggio e soddisfazione!
Occorrerebbe in primis accogliere senza renitenze, riconoscendo ai nuovi venuti, trattamenti paritari ed assenza di discriminazioni!

Trasparenza e verità, uniformità di trattamento e principi di giustizia, contro privilegi ed arbitrio.

Questo garantirebbe sviluppo e crescita senza speculazioni al ribasso, mantenendo precedenti standard remunerativi evitando ribassi incongrui del mercato del lavoro, profittando , con ritorni velenosi anche per gli indigeni, creando ricchezza per tutti, riuscendo a tenere in piedi intere filiere produttive, minacciate oggi dalla mancanza di manodopera qualificata.

Verrebbero mitigate le ostilità, e ridotti i conflitti, restaurato il diritto e scattivito il livore del pesante quadro generale delle relazioni, con benefici a cascata per il sistema paese, ottenendo il recupero di vasta parte delle quote di qualità della vita, perse negli ultimi tormentati anni di follia.


L’osservazione passiva, la semplice constatazione neutrale, la mancanza di reazioni, stupore, indignazione, prese di posizione chiare, anche non dovute a insite ambiguità, e dettate in buona fede da intime incertezze e comprensibile smarrimento, sincera volontà di non esasperare e sopire gli animi, è indicativa del degrado, dell’assuefazione, e della penetrazione che certe argomentazioni, istanze e rigurgiti razzisti, teorie del complotto, pulsioni anti scientifiche, illiberali e reazionarie, abbiano compromesso il tessuto democratico, non solo in Italia, e non solo questi!

Coinvolgendo il senso di umanità, la coscienza individuale e collettiva, il buon senso, la tolleranza civile, la libertà, la convivenza, la solidarietà ad ogni livello!

Oppure, come forse abbiano fiaccato il libero pensiero, abbrutito il dibattito, convinto i moderati ad abbandonare a sé stessa, per frustrazione, stanchezza, o convenienza pusillanime, la bandiera del progresso e della giustizia!

…e questo, sarebbe ancora più grave!.... LETALE!

22/5/2022 - 13:39

AUTORE:
Bruno della Baldinacca (alias Bruno Baglini)

lode*
lode /'lɔde/ (ant. loda) s. f. [lat. laus laudis]. - 1. [approvazione per l'operato o il comportamento di una persona, o per la qualità di una cosa: parole di l.; un'impresa degna di l.] ≈ elogio, encomio, plauso.
-----------------------------------------------------------------------
L'osservazione del mondo che ci circonda e ci pervade è degna di nota.
Essere cittadini del mondo ci porta ad osservare l'altrove e noi abitanti per puro caso del primo mondo dobbiamo sempre tener conto di tutti e di tutto.
Lascio perdere "i paroloni" che poco mi si addicono e porto il mio modesto contributo alla causa.

Il mio amico Baye Sirigne detto Serim, quest'anno ancora non l'ho visto sul ciglio del nostro mare, ma non dispero come lo scorso anno che facendogli gli auguri per il suo compleanno, non rispose.
Poi a mano mi disse: non sempre in Senegal il web funziona.
Serim, nato da famiglia contadina come la mia...ma con terra "zilla" e con i babbuini che si fregano la pannocchie di granturco a randa.
Serim ha dalla sua una laurea in letteratura e la conoscenza di 7 (sette) lingue ed infatti quando sulla Marina di Vecchiano veniva ritrovato un bimbetto piccino (estero) e piangente, le guardie costiere ed i bagnini chiamavano l'interprete senegalese e...

Sabbir Ahmed, altro mio sodale amico "del mare" mi tiene aggiornate le funzioni del mio cell. che grazie a lui con il mio modesto Samsung ora riesco ad aggiornare la VdS anche da sotto l'ombrellone; anni fa mi disse: compralo come il mio il cell.
Infatti il mio vecchio non chiappava nemmen le bodde in cantina.
Eh, si, sarà vero oppure no; oggi ho letto una affermazione (?) del prof. Orsini Alessandro che dice di lui medesimo: Io sono professore e quindi non posso sbagliare.

Eh si, anche il professor De Molfetta andando spesso a mazzacchera sulla barca con Fredo del Lelli "pretendeva" di chiappà più anguille di Fredo, ma, Fredo gli rispondeva: chi credi d'esse, ir Cacini?


Ama e fa' ciò che vuoi.
Sant'Agostino*

Rileggiamo BENE l'intera frase di sant'Agostino*
“Una volta per tutte dunque ti viene imposto un breve precetto: ama e fa' ciò che vuoi; sia che tu taccia, taci per amore; sia che tu parli, parla per amore; sia che tu corregga, correggi per amore; sia che perdoni, perdona per amore; sia in te la radice dell'amore