none_o

La Sanità Toscana sta vivendo un periodo di grande crisi e i Pronto Soccorso sono prossimi al collasso. Paramedici che fuggono e medici che non si trovano rendono la situazione drammatica a cui si aggiunge il ricorso improprio ad una struttura d’urgenza per cause banali e la nuova maleducazione dei pazienti.

Angori Massimiliano
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
. . . si agghengano alle comunali e vincono sempre .....
A vendere fandonie a chi vota in una certa maniera .....
. . . . il comune pagasse la manutenzione della Via .....
. . . un caso. Le rotonde sono a carico di Anas, .....


"Fra gli alberi" Opera pittorica di Patrizia Falconetti

Coordinamento regionale Forza Italia Toscana
none_a
di
Umberto Mosso (a cura di BB, red VdS)
none_a
Di Umberto Mosso (a cura di BB Red, VdS)
none_a
di Michele Curci - Coordinatore comunale Forza Italia Cascina
none_a
di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
POSTE ITALIANE
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Io, Medico (dr. Pardini e altri)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Vicopisano
none_a
"Cinema Sotto le Stelle" a Calci
none_a
BUTI
none_a
ANIMALI CELESTI
teatro d’arte civile
none_a
COMITATO PER LA DIFESA DI COLTANO (PARCO MSRM)
none_a
Capita che ci si perde in tempi lontani, dove niente fiorisce spontaneamente.
Ma la vita vive lo stesso
In zone diverse, con ritmi diversi.
Avevo .....
ASSEMBLEA PUBBLICA ASBUC DEL 21 LUGLIO 2022
Ricordiamo che il 21 Luglio 2022 alle ore 20, 30 presso la Sala Consiliare del Comune di Vecchiano, sita .....
Di Umberto Mosso ( a cura di Bruno Baglini, red VdS)
La giostra dei cialtroni

30/6/2022 - 6:25


LA GIOSTRA DEI CIALTRONI.

Draghi, come tutti, non è infallibile, ma fino ad ora non l’abbiamo mai visto fare una cosa inutile. 

A quale scopo avrebbe dovuto chiedere a Grillo, che riceve per pura cortesia diplomatica, la testa di Conte, una delle teste più inutili che si defenestra, ripetutamente, da sola? Inverosimile, come tutta la costruzione di un trappolone da asilo infantile, il passaparola che parte con “elefante” e arriva a “marmellata”.

Capisco lo sconforto di Draghi che, tra un G7 e un vertice Nato, dove ha a che fare con leader e questioni mondiali, poi deve prendere atto di essere circondato da una manica di incompetenti che, non sapendo come uscire dal governo, imbastiscono un tentativo di finale da lite tra comari. Neanche il botto sanno fare da professionisti. Parliamo d’altro  

A quanti ci chiedono perché saremmo così acrimoniosi nei confronti di Conte e del M5S rispondiamo che la nostra non è acrimonia, ma un atto di responsabilità a difesa dei cittadini italiani che, per dirla fuori dai denti, quella persona e i suoi seguaci hanno fatto cornuti e mazziati.

Volete un esempio della sua incapacità di chi lo ha sostenuto?

Ieri, difronte alla siccità, i superstiti degli inutili onesti, hanno sottoscritto alla Camera un Ordine del Giorno nel quale si chiede l’istituzione di una “cabina di regia contro l’emergenza idrica e per predisporre un piano nazionale di piccoli e medi invasi per lo stoccaggio dell’acqua piovana e fare fronte alla progressiva diminuzione delle piogge” etc.etc.

Tutte cose condivisibili, ma che dovrebbero inferocire i cittadini normali, perché la struttura che oggi chiede il M5S esisteva un tempo. Varata dal governo Renzi nel 2014, si chiamava “Salva Italia” ed era dedicata espressamente a risolvere le migliaia di problemi del dissesto idrogeologico. Dalle frane, alle esondazioni e all’uso corretto delle risorse idriche.

Per la prima volta nella storia repubblicana era stato messo in campo uno strumento, finanziato con primi 10 miliardi, dotato di risorse tecniche e professionali adeguate. Coi tempi della burocrazia italiana fu una specie di miracolo realizzare in tempi record la mappatura di tutte le criticità, con la collaborazione delle Regioni e dei Comuni, e aprire i primi 1445 cantieri.

Uno dei primissimi provvedimenti presi dal governo Conte nel 2018 fu quello di chiudere quella, oggi tanto agognata, cabina di regia, disperderne le forze, definanziare le risorse programmate disperdendole in mille rivoli a beneficio della spesa, per altri scopi, dei neoministri. 

Oggi dovremo ricominciare tutto da capo, con quattro anni di ritardo che ci costano enormi problemi ambientali, economici e sociali. Che giudizio dare di Conte e del M5S?

Nel 2019 Renzi tornò alla carica presentando il Piano Shock, ricostruendo i mille rivoli di bilancio e indicando la disponibilità di circa 200 miliardi di lavori che avrebbero risanato il territorio, dato occupazione e rilanciato l’economia. A patto che qualcuno lo volesse, sapesse come far funzionare la macchina e non fosse solo interessato a chiacchierare in TV o nei social. 

Fu irriso da un sopravvenuto che aveva scambiato Conte per un grande leader progressista e che a domanda rispose “beato Renzi che ha i soldi”, mentre i soldi stavano già, spersi e inattivi, nelle pieghe del bilancio dello Stato.

La stessa cosa avvenne col blocco delle ricerche del gas italiano e col tentativo di chiudere la TAP. Conte e seguaci ci hanno fatto il bel regalo di renderci dipendenti dal gas russo. L’imperativo era eliminare ogni progetto varato dal governo Renzi. Gli interessi dell’Italia non erano neanche un “di cui”.

Renzi fu geniale nell’uso della sua “cartuccella al 2%”, riuscendo con quella a cacciare un comprovato incapace e a mettere Mattarella in condizione di chiamare Draghi. Ma diciamoci la verità, la magia non è stata quella di far fruttare il 2% come fosse il 40%, ma quella di avere combattuto, nel pieno isolamento dall’establishment conservatore e sapendo che gliela avrebbero fatta pagare cara, solo puntando sulla forza delle idee e dimostrando anche agli avversari quale fosse il rischio, divenuto insopportabile per il Paese e quale l’interesse nazionale, di 

Ma la battaglia non è finita. Questi tornano alla carica certi che i loro residui fans, rimasti a secco di acqua e col caro energia, non chiederanno il conto a loro, ma si chiederanno perché tanta acrimonia contro il povero Conte. Hanno combinato un disastro votandoli senza capire l'errore e ora pensano di cavarsela presentando Ordini del Giorno da vergogna.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

1/7/2022 - 0:39

AUTORE:
Edo

Caro sig. Mosso, e quello che scrivo vale anche per il suo adepto, stia attento quando usa le parole, le si possono rivoltare contro. E mi spiego. Il suo declamato " salva Italia " renziano purtroppo non è mai esistito. Tale decreto è nato nel 2011, governo, infausto, Monti. Prevedeva una manovra da 30 miliardi, 13 di tagli alle spese e 17 di nuove tasse. E come se non bastasse pure la riforma delle pensioni. Oltre a varie tasse : sugli immobili, imposte di bollo e via andare. I dieci miliardi di cui lei ciancia sono rimasti nel bellimo libro dei sogni finito nel 2016. Comunque continui pure la sua opera di beatificazione, i suoi 5 mila aficionados la leggeranno avidamente, fortunatamente il resto degli italiani non la seguono.
Meno male che lui c'è, il 2023 arriverà

30/6/2022 - 20:40

AUTORE:
Amico di Enzo Rametti

Piccola cronistoria.

1° No a nuove elezioni dopo che Bersani le aveva perse rincorrendo i tacchini sui tetti.

2° Si ad un governo: con chi ci sta-Governo-Letta, Berlusconi, Monti.

3° si alla sfiducia di Letta da parte del 93% dei dirigenti nazionali del PD renziano.

4° si ad un governo senza Berlusconi; Governo: Renzi-Alfano-Monti.

5° No ad un governo Di Maio/Martina.

6° No ai pieni poteri all'uomo del Papeete.

7° Si (ingoiando qualche rospo) al governo Conte 2.

8° non al governo Conte/Ciampolillo.

9° Si al governo Draghi.

Nel frattempo si a Sergio Mattarella e Mattarella Sergio bis e no a tutti gli 8 candidati PdR proposti da Salvini&.

Poi si sta avverando la profezia che se la legislatura arriva a scadenza naturale, nel 2023 avremo; la Lega salviniana dimezzata e la 5* sparita completamente; non entrano in Parlamento come è già successo ai 4 partiti guidati da Ingroia-RC-PdCI-Verdi e IDV.

Questo è!

30/6/2022 - 12:09

AUTORE:
Maga magò

Ragazzi ma noi s'è sbagliato tutto! Le cose sono due, o questo Musso o Mosso è un fedele e si genuflette al tramonto come i mussulmani nella direzione di Renzi (sai, non sappiamo mai dov'è quindi la direzione è sempre approssimativa!) oppure abbiamo fatto un grossissimo sbaglio a farlo fuori. O meglio, in parte si è fatto fuori da sè, ma sembra che avesse la soluzione pronta per tutti i problemi.
Io per esempio ho il mal di vita...non che Renzi potrebbe.....