none_o

Se sul campo la guerra continua con le solite nefandezze sui nostri media nazionali appare sbiadita, superata da altri e più urgenti problemi, vecchi come il Covid e nuovi come la recente crisi politica. Oramai è un sottofondo e tranne per il pericolo Zaporizhzhia i nuovi morti e le nuove devastazioni attirano sempre meno l’attenzione dei media nazionali. Come i media anche la nostra psiche si adatta.

Angori Massimiliano
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Te l'ha ordinato il dottore di rispondere ? Dì cose .....
. . . si agghengano alle comunali e vincono sempre .....
A vendere fandonie a chi vota in una certa maniera .....
. . . . il comune pagasse la manutenzione della Via .....


"Fra gli alberi" Opera pittorica di Patrizia Falconetti

Coordinamento regionale Forza Italia Toscana
none_a
di
Umberto Mosso (a cura di BB, red VdS)
none_a
Di Umberto Mosso (a cura di BB Red, VdS)
none_a
di Michele Curci - Coordinatore comunale Forza Italia Cascina
none_a
di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
POSTE ITALIANE
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Io, Medico (dr. Pardini e altri)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Vicopisano
none_a
"Cinema Sotto le Stelle" a Calci
none_a
BUTI
none_a
ANIMALI CELESTI
teatro d’arte civile
none_a
COMITATO PER LA DIFESA DI COLTANO (PARCO MSRM)
none_a
Capita che ci si perde in tempi lontani, dove niente fiorisce spontaneamente.
Ma la vita vive lo stesso
In zone diverse, con ritmi diversi.
Avevo .....
ASSEMBLEA PUBBLICA ASBUC DEL 21 LUGLIO 2022
Ricordiamo che il 21 Luglio 2022 alle ore 20, 30 presso la Sala Consiliare del Comune di Vecchiano, sita .....
di Fabio Poli
Cascina civica Lavoro Sviluppo Ambiente - comunicato stampa

4/7/2022 - 22:17

Con una recente nota, l’intera maggioranza politica di San Giuliano Terme, riconfermava tutte le critiche precedentemente mosse all’operato del presidente e del consiglio di amministrazione di Retiambiente SpA.
La reiterata richiesta di maggior trasparenza, dovuta alle persistenti deficienze del servizio oltrechè al continuo aumento tariffario -già programmato fino al 2024-, si è resa necessaria a seguito della recente decisione di un gruppo dirigente che ha inteso aumentarsi i compensi: 60.000 euro al Presidente e 24.000 euro per ogni consigliere del C.d.A.  Se non si parlasse di soldi pubblici e delle tasche dei cittadini la giustificazione avanzata, nel contesto economico che stiamo affrontando, assumerebbe sicura ilarità visto quanto specificato dal Presidente in merito all’erogazione dei compensi: “solo quando ci sarà certezza della piena corrispondenza alle norme” con l'acquisizione di specifici pareri legali". Ovviamente tutto è stato fatto secondo le regole, almeno quelle formali, ma un’etica mai esistita dalle parti di certi “boiardi” della finanza pubblica locale riconferma l’irresponsabilità di chi pensa ad incrementarsi soprattutto il compenso anzichè proporre modelli di gestione virtuosa di una strampalata filiera dei rifiuti, per renderne meno fuoricontrollo i costi.
Sottoscrivo appieno la totalità delle dichiarazioni rese dalla maggioranza politica di San Giuliano Terme, ma mi permetto di dissentire quando si afferma che le critiche sono state mosse “per lo più da soli”.
Vorrei ricordare, allo scopo, la contrarietà espressa quando Retiambiente, grazie all’Autorità Territoriale d’Ambito Toscana Costa, si è avvalsa di un contratto di servizio per oltre 3 miliardi di euro e della durata di 15 anni per diventare, dal 1 Gennaio 2021, il gestore unico del ciclo integrato dei rifiuti urbani sul territorio delle province di Pisa, Livorno, Lucca e Massa Carrara.
Ciò ha reso Retiambiente beneficiaria di un affidamento diretto che, per dovuta trasparenza nei confronti dei cittadini, avrebbe quantomeno richiesto la presentazione di un Piano industriale, sia a livello generale d’Ambito che di singolo Comune, per porre in evidenza i costi di servizio e d’investimento necessari a validare i Piani Economico Finanziari da cui scaturisce poi la tariffa.
Retiambiente rimane un’entità astratta e lontana, che esclude i Comuni dalla governance, tantochè, ancor oggi,  manca sia di un piano industriale che di un patto di sindacato da sottoporre ai 100 comuni che ne costituiscono la proprietà. Pur ponendosi sempre fuori dal controllo dei cittadini e delle istituzioni territoriali si è sentita comunque autorizzata, attraverso il controllo che esercita sulle singole Società Operative Locali, a gestire l’intero ciclo dei rifiuti. E’ di tutta evidenza che lo stato economico e finanziario delle diverse SOL, soprattutto delle più grandi come Geofor e, a breve, Aamps, può influenzare in negativo il bilancio della holding Retiambiente SpA perché i PEF originati da un sistema che non funziona, rende “prigionieri” i Comuni e non gli consente alcuna forma di programmazione riducendone i margini di manovra al solo aumento tariffario o al taglio dei servizi, al ricorso ad agevolazioni estemporanee e di congiuntura ma, mai di carattere strutturale.
Anche la protesta a mezzo stampa e la sfiducia nei confronti del Presidente Fortini, espressa dal Consiglio Comunale di San Giuliano Terme, era stata preceduta da quanto le sigle politiche che rappresento, fin dal dicembre 2019, avevano ritenuto di porre in evidenza dentro e fuori il Consiglio Comunale di Cascina. Più specificatamente l’attuale presidente della holding Retiambiente SpA, nonché Consulente del Presidente della Regione Lazio per le strategie e la pianificazione ambientale, tra i vari e precedenti incarichi collezionati in PUBLISERVIZI HOLDING SpA, TIRRENO ACQUE SpA, TOSCANAGAS SpA, ASIA Napoli SpA, AMA Roma SpA, GEOFOR SpA, durante il mandato assunto in quest’ultima società e secondo la logica del marinaio garantiva che:
-    la gara di affidamento del servizio per il triennio 2020/21/22, andata pressochè deserta per motivi certamente non ascrivibili agli eventuali concorrenti, fece assumere al cda di Geofor un piano industriale approssimativo, elaborato in soli quindici giorni -verbale n. 26 del 16 dicembre 2019- che però, secondo Fortini, “non comporterà alcun aggravio per i Comuni interessati poiché tutti i costi di personale con Ccnl di settore, mezzi d’opera e sedi, erano già stati quotati nel capitolato di gara e dunque comunicati ai comuni attraverso i piani tecnico economici per la tariffa 2020”. Pur a fronte delle ripetute richieste avanzate, il suddetto verbale non è mai stato fornito;
-    il ruolo di centrale di committenza dedicato alla gestione esclusiva dell’appalto e non a compiti di direzione operativa, grazie ai ribassi d’asta offerti, come affermato da Fortini, aveva consentito all’azienda di conseguire degli utili importanti che avevano favorito forme d'investimento per cassa anziché per competenza delle quali, però, non si è mai dato riscontro né dell’ammontare né dell’impiego;
-    un quadro di raffronto per singolo servizio -mai prodotto- per illustrare meglio il rapporto tra quanto richiesto ai Comuni committenti e quanto, a seguito dei ribassi, veniva invece corrisposto agli appaltatori, definiti anche “manovalanza a basso costo”, dimenticando che gli obblighi contrattuali di legge, ma soprattutto quelli morali, rendono un’azienda pubblica maggiormente responsabile dei soggetti terzi affidatari sul mancato rispetto delle condizioni contrattuali e di contribuzione previdenziale, sui servizi da non affrontare in carenza d’organico o in doppio turno, sull’utilizzo di mezzi obsoleti. Situazioni pubblicamente denunciate più volte e anche attenzionate dalla Prefettura;
-    un’azione di “due diligence” per fare definitiva chiarezza sulla possibile vulnerabilità finanziaria di Geofor Spa e per garantire la necessaria trasparenza sulle eventuali responsabilità del precedente livello dirigenziale che si è sempre posto fuori dal controllo delle istituzioni territoriali alle quali, per perdite d’esercizio poi dichiarate di 2,7 milioni di euro, corre l’obbligo di esercitare tutte le forme di controllo a favore dei cittadini amministrati.
Ciò a dimostrazione di quanto le richieste di dimissioni di Fortini quando presiedeva il precedente cda di Geofor e già ripetutamente avanzate fin dal 2020, rimangono tutte nella loro attualità come il silenzio imbarazzante e l'inerzia di Pd e Lega che, in egual modo e per la tutela improvvida di puri interesse di parte, si sono dimostrati funzionali al mantenimento di un potere che, secondo logica del vecchio manuale Cencelli, si sono egualmente spartiti.
Alla faccia del cittadino contribuente e della difesa dei lavoratori!
Pur avendo già chiaramente espresso la nostra posizione e, condividendo il dubbio su quant’altri risponderanno alla richiesta di trasparenza avanzata, come lista LSA non faremo comunque mancare il nostro sostegno alle critiche mosse dalla maggioranza politica di San Giuliano Terme.
 
                                                                                  Per la lista LSA
                                                                                                                        Fabio Poli

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri