none_o

Proseguendo la serie di articoli sulle vicende ( e leggende) del territorio, Agostino Agostini ci regala il resoconto immaginifico del serpente-alato, che abitava il castello dei Pagano da Vecchiano. Fu ucciso - secondo la leggenda - da Nino Orlandi nel 1109 nella selva palatina di Migliarino (oggi tenuta Salviati). Imbalsamato fu posto nel Duomo di Pisa ma ando' perduto nell'incendio del 1595. Una ulteriore riprova della grande ricchezza storica del nostro territorio.

Buongiorno a tutti, sono Costanza Modica, ho 17 anni, .....
Ammetto l'errore, ho solo visto il simbolo di presentazione, .....
. . . . Buonafede Alfonso, candidato sindaco di Firenze, .....
Cosa ci dicono le votazioni in Sardegna?

Calenda .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
none_a
Associazione ambientalista - LA CITTÀ ECOLOGICA APS
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Eccolo
Come una furia scatenata
è arrivato il vento
a riportare tormento
alle marine
Prima con le piogge
che hanno colpito
la montagna
con smottanento
frane .....
LA TARI è ARRIVATA E SALATA
MA IL KIT PER LA RACCOLTA NON ANCORA
SIAMO A MARZO.

COME MAI?
COSì NON VA BENE.
di
Raffaella Bonsangue Coordinatrice Provinciale Forza Italia Pisa
La mia vicinanza e quella di tutta la comunità politica pisana di Forza Italia alla moglie e i due figli di Halim Hamza

8/8/2022 - 20:00


Forza Italia Pisa Coordinamento Provinciale Pisa, 08/08/2022 (Forza Italia):

“Voglio esprimere la mia vicinanza e quella di tutta la comunità politica pisana di Forza Italia alla moglie e i due figli di Halim Hamza, vittime di una tragedia che ha scosso la nostra città.”

– Così si esprime Raffaella Bonsangue, vice sindaco di Pisa e Coordinatrice provinciale di Forza Italia, in merito all’omicidio di di Halim Hamza, il barbiere di 32 anni, originario del Marocco, ucciso davanti al suo negozio nel pomeriggio di domenica 7 agosto da un cittadino tunisino che si è costituito poco dopo l'omicidio ai Carabinieri. “Al momento non sono ancora state chiarite le motivazioni di questo folle gesto, ed attenderemo le conclusioni degli inquirenti per esprimerci con cognizione di causa, ma a prima vista ci troviamo di fronte ad una famiglia integrata nel territorio che apparteneva a pieno titolo alla nostra comunità cittadina.

Questa tragedia non deve essere quindi strumentalizzata politicamente: entrambi i soggetti erano immigrati, ma uno era un lavoratore che contribuiva all’economia della nostra città, l’altro era un soggetto pericoloso, ben noto alle forze dell’ordine, che infangava la reputazione di tante persone perbene che sono arrivate nel nostro paese con la prospettiva di costruire un futuro per loro e le loro famiglie, nel rispetto delle regole del vivere civile.” – spiega la vice sindaco. “Questa tragedia, tuttavia, sottolinea ancora una volta la pericolosità della zona della stazione: una situazione che abbiamo evidenziato più volte e sulla quale stiamo lavorando come amministrazione cittadina con la richiesta dell’istituzione di un presidio fisso interforze e dell’aumento dei servizi e il personale delle forze dell’ordine per garantire controlli quotidiani e puntuali.” – ammonisce l’Avv. Bonsangue.

“Altro punto molto importante riguarda l’impegno per rendere effettivi i provvedimenti di espulsione: Non è pensabile che persone extracomunitarie che hanno dimostrato di non volere vivere nel rispetto delle regole del nostro paese siano libere di circolare nelle nostre strade malgrado abbiano collezionato diversi provvedimenti a loro carico, diventando bombe ad orologeria pronte ad esplodere in atti di violenza che, come nel caso di Halim, sfociano in tragedia.” – Conclude la Vice Sindaco Raffaella Bonsangue.

 



Fonte: Raffaella Bonsangue Coordinatrice Provinciale Forza Italia Pisa
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri