none_o

Da molte fonti internazionali l'Italia è situata ai primi posti per evasione fiscale nel mondo. Un fenomeno mai affrontato con decisione ed ora elemento fondamentale per la crisi di famiglie e imprese. Il nuovo governo non potrà ignorarlo e alcuni strumenti di contrasto efficaci sarebbero invece molto semplici.

La gazzella fa il tifo per il leone, questo è lo .....
. . . ex compagno sarai te!
Caro ex compagno di quelli che portavano l' unità, .....
. . . i vostri manifesti elettorali ve li hanno staccati .....


Matilde Baroni in, Carta Bianca 1, Casa della Donna di Pisa 2008 

Novembre 1918: ritorno a casa di Alfonso.

Di Bruno Pollacci
none_a
CIMITERO DELLA PROPOSITURA: PURTROPPO NIENTE È CAMBIATO
none_a
Verso le elezioni politiche di Domenica 25 settembre
none_a
di Umberto Mosso
none_a
25 settembre 2022
none_a
Io, Medico
none_a
none_a
di Antonio Campo
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
Il desiderio di luce porta pace nel mio cuore.
Risplende la gioia della vita in ogni cosa che vive, che fa parte di me e
dell’universo che mi circonda. .....
Buongiorno,

queste mie parole sono per evidenziare il menefreghismo di un ente del Comune di San Giuliano Terme che ad oggi non mi ha risposto ad .....
La voce del Serchio.

13/8/2022 - 14:11



Ho sempre pensato che l'estate è stata creata  per le persone felici.  Dal punto di vista di una persona infelice tutto è caos, esasperazione, persino questa luce che mette in risalto i contorni e il cielo che ostenta il suo essere terso. Che sia una felicità forzata o sincera l'elenco dei luoghi di vacanza, le facce sorridenti, le fotografie di piatti che traboccano pesce, spiagge affollate , corpi abbronzati e località esotiche è interminabile nel palcoscenico dei social. Una persona infelice si sente ancora più sola e incapace di godere dell'opportunità di questo periodo dell'anno.

Quest'estate non ho ancora visto il mare.

Forse perché mi ricorderebbe le volate in moto con mio marito per un paio d'ore di azzurro sugli scogli di Marina di Pisa. Ma era il viaggio, quell'ora di libertà sulla strada, gli alberi che ci scorrevano accanto, la pausa per una sigaretta guardando il paesaggio, la sensazione di avere ancora tanto tempo davanti. Invece no,  ce n'era ancora pochissimo e non lo sapevamo.

Così sono andata al fiume qualche volta, quella voce del  Serchio che mi fa sentire più vicina a lui ovunque sia.  Il suono dell'acqua sulle pietre, quello scorrere incessante che è lontano dalla confusione del mare, quasi meditativo. E che ci ricorda che tutto scorre, neanche la morte può fermare il tempo.

Ho  trovato una poesia di Gibran che leggo e rileggo per trovare un senso.

«Dicono che prima di entrare in mare

Il fiume trema di paura.

A guardare indietro

tutto il cammino che ha percorso,

i vertici, le montagne,

il lungo e tortuoso cammino

che ha aperto attraverso giungle e villaggi.

E vede di fronte a sé un oceano così grande

che a entrare in lui può solo

sparire per sempre.

Ma non c’è altro modo.

Il fiume non può tornare indietro.

Nessuno può tornare indietro.

Tornare indietro è impossibile nell’esistenza.

Il fiume deve accettare la sua natura

e entrare nell’oceano.

Solo entrando nell’oceano

la paura diminuirà,

perché solo allora il fiume saprà

che non si tratta di scomparire nell’oceano

ma di diventare oceano»

 

  Testo e foto di Patrizia Falconetti
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

17/8/2022 - 1:23

AUTORE:
Sonia

Cara Patrizia, grazie per avermi fatto conoscere questa bellissima e toccante poesia che non conoscevo.
Il mare per te evoca ricordi felici, perche' spensierati, perche' unici e irripetibili con la persona di cui nessuno potrà prenderne il posto perche' insostituibile.
Quanto ti capisco!
Per me è l'autunno con i boschi, il muschio,i funghi e le castagne la stagione più bella, quella che mi offriva la possibilità di girovagare nel silenzio delle selve e vivere in un ambiente incantato, quasi fatato esperienze
meravigliose nelle quali sentivo di essere un tutt'uno con la natura ma soprattutto con il mio unico grande amore della mia vita.
Dopo diversi anni mi è capitato di tornare in quei boschi, anelavo dal desiderio di ripercorrere quei sentieri...ma nulla è stato non dico uguale ma nemmeno simile a quanto ricordavo.
Ho pianto di dolore, di delusione, di nostalgica malinconia, ho sentito un immenso vuoto dentro, incolmabile e irripetibile...per fortuna ho ancora vividi i momenti vissuti che sostano soltanto per me nel paradiso dei ricordi!

16/8/2022 - 9:14

AUTORE:
tiziana

è sempre utile ricordarsi che siamo solo una goccia di quell'oceano immenso.
se questa informazione non fosse dimenticata, sono sicura che la cattiveria sulla terra sarebbe assai meno.