none_o

Da molte fonti internazionali l'Italia è situata ai primi posti per evasione fiscale nel mondo. Un fenomeno mai affrontato con decisione ed ora elemento fondamentale per la crisi di famiglie e imprese. Il nuovo governo non potrà ignorarlo e alcuni strumenti di contrasto efficaci sarebbero invece molto semplici.

La gazzella fa il tifo per il leone, questo è lo .....
. . . ex compagno sarai te!
Caro ex compagno di quelli che portavano l' unità, .....
. . . i vostri manifesti elettorali ve li hanno staccati .....


Matilde Baroni in, Carta Bianca 1, Casa della Donna di Pisa 2008 

Novembre 1918: ritorno a casa di Alfonso.

Di Bruno Pollacci
none_a
CIMITERO DELLA PROPOSITURA: PURTROPPO NIENTE È CAMBIATO
none_a
Verso le elezioni politiche di Domenica 25 settembre
none_a
di Umberto Mosso
none_a
25 settembre 2022
none_a
Io, Medico
none_a
none_a
di Antonio Campo
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
Il desiderio di luce porta pace nel mio cuore.
Risplende la gioia della vita in ogni cosa che vive, che fa parte di me e
dell’universo che mi circonda. .....
Buongiorno,

queste mie parole sono per evidenziare il menefreghismo di un ente del Comune di San Giuliano Terme che ad oggi non mi ha risposto ad .....
none_o
LA GUERRA È FINITA
di Trilussa

14/8/2022 - 15:29

 
Da prima notizia di ogni telegiornale e prima pagina di ogni quotidiano ora la guerra è scesa di posizione in posizione fino a diventare quasi una notizia da terza pagina, quella che si mette sempre come consuetudine giornalistica ma che va letta dopo aver dedicato la nostra massima attenzione alle notizie più importanti, quelle riportate nelle prime. Solo il recente e possibile coinvolgimento della centrale nucleare di Zaporizhzhia, con le tragiche conseguenze venisse colpita, anche per caso, ha riacceso il nostro interesse giornalistico. Non tanto per i morti degli altri quanto per il guaio che potrebbe capitare a tutti noi!


I motivi di tale minore interesse sono almeno due. Il primo è la grave situazione che sta attraversando il nostro paese che improvvisamente oltre ai problemi dei rifornimenti energetici, del costo delle materie prime e dell’energia, del crescere dell’inflazione, del rischio di una grave crisi economica e sociale in autunno e di un Covid che non sta rispettando in pieno la tradizione di farsi le vacanze estive si è trovato anche a dover affrontare un’ improvvisa, e per certi versi inaspettata, crisi politica con uno scenario futuro talmente incerto da essere veramente preoccupante.


Oltre i capovolgimenti di fronte, le capriole politiche, i nemici che improvvisamente si scoprono culo e camicia, le unioni traballanti dal futuro incerto rimane comunque una crisi con un possibile cambio alla guida del paese. Da ciò deriva una grande incertezza sulla nuova e diversa linea politica dell’esecutivo, un futuro molto incerto con conseguenze difficilmente ipotizzabili in molti settori, da quelli dell’economia a quelli sociali. Tasse, immigrati, diritti civili, diritti acquisiti, programmi già in essere potrebbero subire cambiamenti rendendo quanto mai incerta la situazione e che se per molti questi cambiamenti sono una speranza, per molti altri invece fonte di preoccupazione.

 

Il secondo motivo di minore interesse è legato alla caratteristica propria della specie umana sempre pronta ad offrire il meglio di sé nelle peggiori tragedie e catastrofi, a volte con lampi di vero e sfrenato altruismo spinto talvolta fino al supremo sacrificio, ma sottoposta all’altrettanto umana e tardiva assuefazione. Insomma la guerra comincia a venire un po’ a noia.


Siamo fatti così, è la nostra natura, è la psiche umana che si adatta.  E’ uno straordinario ed utile  meccanismo difensivo del nostro cervello per riuscire a superare quei momenti drammatici che possono capitare nella nostra vita. In questo caso rivolto verso questa guerra.  Anche se quelle che continuiamo a vedere sono immagini terrificanti, disumane, orrende a forza di averle davanti agli occhi tutti i giorni perdono gradualmente di interesse.
  
Una cosa simile era successa in parte anche al tempo oscuro delle Brigate Rosse, quando un’opinione pubblica sempre meno attenta e coinvolta per il perdurare dei delitti fu sollecitata fortemente solo nel caso di coinvolgimento di personaggi noti e importanti, come ad esempio per il rapimento e l’uccisione dell’onorevole Aldo Moro.


Eppure la guerra continua, continuano i morti, continuano le sofferenze delle persone, continuano le distruzioni ma appaiono sempre più lontane da noi, dai nostri problemi quotidiani, dal nostro impegno costante per far quadrare i conti in un paese dove l’inflazione morde i salari, dove il rischio di una grave crisi sociale e politica in autunno appare sempre più minacciosa.


Come la guerra continua inesorabile inesorabili e immutate continuano anche le parole: armi armi, vittoria vittoria, sanzioni sanzioni. La parola pace viene usata raramente eppure sarebbe l’unica indispensabile per porre fine a questa carneficina e alle enormi e gravi conseguenza per tutta l’umanità. Conseguenze in termini economici, addirittura drammatiche per alcuni paesi, ma anche di equilibrio politico mondiale con scenari ancora tutti da definire.


Sulla guerra, e sulle sue cause, mi ha colpito una frase di una persona che non mi aspettavo, uno che non frequenta troppo i salotti mediatici ma che ha contribuito in maniera determinante alla vita politica nazionale per quasi un decennio: Fedele Confalonieri. È apparso sempre poco sui media ma credo che abbia lavorato invece molto nell’ombra. Rispondendo ad una intervista di Aldo Cazzullo sulle cause della guerra dice:


«L’Occidente avrebbe dovuto fare di tutto per evitarla. Un Kissinger l’avrebbe evitata; Biden non è all’altezza. Johnson pareva la caricatura di Churchill. Avremmo bisogno di grandi diplomatici, che non ci sono. Portare la Nato fin quasi alle frontiere russe è stato un errore. Tutto mi sarei atteso dalla vita, tranne che dar ragione a Santoro…».
 
Lo dice con rammarico, ma non per dover dar ragione a Santoro, quanto per la presenza, in questo momento così importante della storia del mondo, di capi politici non all’altezza di sapere, valutare e compiere i passi necessari affinché il conflitto non scoppiasse. O, a questo punto, farlo terminare.


Perché fare la guerra non fa bene. Non lo fa a noi europei in crisi con il gas e le materie prime, non lo fa alla Russia e al popolo russo, non lo fa ai paesi dipendenti dal grano ucraino, non la fa soprattutto al popolo ucraino sotto i bombardamenti e le deportazioni. Non lo fa in particolare nemmeno a noi italiani perché se si dovessero aumentare le spese miliari, come previsto, nella situazione economica attuale non si potrebbe fare che riducendo gli investimenti in altri settori strategici come la sanità e il sostegno alle famiglie.


Uno degli ultimi provvedimenti del nostro governo dimissionario è stato proprio il varo della spesa di sette miliardi di euro per armamenti, la stessa cifra che lo Stato investe annualmente nelle Università. Ecco tradotto in pratica uno degli effetti secondari della guerra anche da noi, non vittime civili sul campo ma vittime sociali colpite nei diritti fondamentali come istruzione e salute.


Paradossalmente gli unici a cui sembrerebbe fa bene la guerra sono gli Stati Uniti. Americane sono infatti quattro delle prime cinque più grandi e importanti industrie di armi pesanti e da guerra del mondo. Agli Usa non dispiace nemmeno il ridimensionamento delle forze armate russe convenzionali, la sua forza economica e soprattutto la modifica dei rapporti con l’occidente. Non gli dispiace nemmeno fornirci a prezzo maggiore anche il gas liquido per sopperire alla chiusura di quello russo.


Ma non credo che dietro questo ci sia una strategia, faccio solo notare che tranne gli Usa nessun altro paese del mondo può trarre vantaggio da questa guerra e non sarà mai troppo tardi quando finalmente si smetterà di parlare di armi e si comincerà a parlare di trattative di pace. Per questo l’Ucraina forse può perdere la Crimea (lingua e tradizioni russe) ma anche noi per avere la Lombardia cedemmo alla Francia Nizza e Savoia. Nessuno si permise mai di criticare l’operato di Camillo Benso conte di Cavour, a volte ci sono opportunità politiche che solo i più grandi riescono a cogliere.
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

14/8/2022 - 20:36

AUTORE:
Cittadino

Il non aiutare l'Ucraina a difendersi dall'aggressore è pura vigliaccheria, al pari dei blocchi navali proposti dalla più (purtroppo) nota italiana.
Vediamo mute di cani ben custoditi e moltiplicati in mille razze e corsie di supermercati a loro dedicate e qui mi fermo; mì madre avrebbe detto: allevate de' oniglioli...
Il politicamente corretto è: no alle armi si alle scuole e poi vediamo già da un anno con il ritiro frettoloso degli americani in Afganistan in che stato è ridotta l'istruzione in quel paese di guardiani con fucilino sempre in spalla.

Catalano diceva: meglio la pace che la guerra.
...vacci lei a dire alla dirigenza di quel grande paese escluso dal confronto pacifico delle gare sportive e dalla libera circolazione delle idee e delle genti ed impegnato notte e giorno a costruire bombe di ogni genere e missili a lunga-media e corta gittata.
Sarebbe anche ora di basta e oltre le morti e menomazioni permanenti ci sono fughe impressionanti: 5 milioni di ucraini, 2 milioni di giovani russi delle grandi città che purtroppo raddoppiano la chiamata in guerra i loro connazionali delle regioni svantaggiate.

Delle armi; se Clinton ed Yeltsin non firmavano il ritiro dall'Ucraina delle 190 bombe atomiche era tutta un altra storia.
Della lingua; in Trentino parlano il tedesco/astroungarico.
Li a chiacchiere dissero che si rendevano garanti della non aggressione di qualsiasi tipo.