none_o

Da molte fonti internazionali l'Italia è situata ai primi posti per evasione fiscale nel mondo. Un fenomeno mai affrontato con decisione ed ora elemento fondamentale per la crisi di famiglie e imprese. Il nuovo governo non potrà ignorarlo e alcuni strumenti di contrasto efficaci sarebbero invece molto semplici.

La gazzella fa il tifo per il leone, questo è lo .....
. . . ex compagno sarai te!
Caro ex compagno di quelli che portavano l' unità, .....
. . . i vostri manifesti elettorali ve li hanno staccati .....


Matilde Baroni in, Carta Bianca 1, Casa della Donna di Pisa 2008 

Novembre 1918: ritorno a casa di Alfonso.

Di Bruno Pollacci
none_a
CIMITERO DELLA PROPOSITURA: PURTROPPO NIENTE È CAMBIATO
none_a
Verso le elezioni politiche di Domenica 25 settembre
none_a
di Umberto Mosso
none_a
25 settembre 2022
none_a
Io, Medico
none_a
none_a
di Antonio Campo
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
Il desiderio di luce porta pace nel mio cuore.
Risplende la gioia della vita in ogni cosa che vive, che fa parte di me e
dell’universo che mi circonda. .....
Buongiorno,

queste mie parole sono per evidenziare il menefreghismo di un ente del Comune di San Giuliano Terme che ad oggi non mi ha risposto ad .....
di Umberto Mosso (a cura di BB, red VdS)
GLI ASSATANATI

15/8/2022 - 23:08

GLI ASSATANATI


Renzi più che critici intelligenti ha semplici detrattori, cioè gente costretta a inventare malefatte inesistenti, a travisare fatti e circostanze, a negare evidenze, oppure a cadere in contraddizione trasportati da una sorta di delirio che li fa straparlare.
Sono assatanati.
Uno degli assatanati più fuori controllo è il direttore de la Stampa Giannini.
In un articolo sul presidenzialismo il congestionato direttore nel giro di poche righe definisce "Controriforma" quella del 2016, una schifezza l'Italicuum, accomunando l'una e l'altro a tutti i tentativi negativi di riforme costituzionali ed elettorali dal 1979 ad oggi, per concludere che l'unica riforma presidenzialista seria sarebbe quella del "Sindaco d'Italia".


Cioè quella che Renzi propone da anni e che solo il Terzo Polo ha in programma, ma non dice che quella è una proposta di Renzi.
La verità è che, a parte i plagiati dalla propaganda, semplicemente ammalati, i detrattori professionali di Renzi non lo sopportano perché sanno che è migliore di loro.

E questo per loro è insopportabile.
Ha visione politica e li anticipa sempre. Per questo si sentono in obbligo di dire e fare per principio il contrario di ciò che propone. E fanno disastri colossali.
Oppure, come Giannini, citano proposte di Renzi senza dire che sono sue.
Assatanati, appunto.





+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

16/8/2022 - 15:16

AUTORE:
Edo

Nel 2016 il capo del governo si è fatto fuori da solo, non sto a ricordare le parole che disse in modo anche pomposo. La Costituzione parla chiaro, se fai una riforma costituzionale serve la maggioranza dei 2 terzi del parlamento. La maggioranza semplice porta inevitabilmente al referendum. Come fu anche nel 2001, riforma del Titolo V, ma allora il risultato fu diverso.
Domanda. Allora anche il tanto decantato governo dei Migliori, Draghi & C., è stato un accordo sulle nostre teste ? Risposta . SI.

16/8/2022 - 0:41

AUTORE:
Lettore

E stato un disastro che ha unito gli estremi-destra e sinistra per far fuori il capo del governo che era riuscito ad avere per 5 volte il voto favorevole dalla maggioranza parlamentare ma non raggiungendo la maggioranza qualificata del 75% ci voleva la conferma popolare referendaria.
Bersani, Speranza & se non votavano a favore del loro governo, il governo e loro andavano a casa subito.
Esser tornati indietro di 30 anni e destinati ad avere leggi elettorali "porcellum" dove ci chiamano al voto l'un l'altro contro, per poi fare accordi sopra le nostre teste con tre governi in una legislatura non finita; invece avremmo avuto certezza per cinque anni.

15/8/2022 - 23:50

AUTORE:
Edo

Di solito mescolare pere e mele non porta a nulla. Come in questo caso caro Agitato. Il sindaco d'Italia come lo intende Renzi riguarda l'elezione del capo del governo. Il presidenzialismo invece intende altra cosa, ossia l'elezione di colui che sarà capo dello stato e che nominerà il primo ministro. Come in Francia.
Per farlo serve modificare la Costituzione. Senza contare che gli italiani potrebbero non essere d'accordo. Il 2016 insegna.